30 Luglio 2021

Riapertura delle scuole, il deludente piano del governo sulle classi

By Gianfranco
Riapertura delle scuole

Riapertura delle scuole. Il nuovo anno si giocherà al ribasso, iniziando dalle classi

Riapertura delle scuole, la bozza del piano del governo Draghi delude. Le classi torneranno a riunirsi. Rischio calcolato? Rimpiangeremo Lucia Azzolina?

Riapertura delle scuole, il piano del governo delude

Riapertura delle scuole, gira nel Web la bozza del piano scuola 2021-22. Poche sono le novità. Del resto non poteva essere diversamente dopo il pronunciamento del Cts sulla possibilità di indossare le mascherine in assenza delle condizioni per il mantenimento del metro buccale. A questo occorre aggiungere che il personale Covid (2021-22) sarà contrattualizzato fino al 31 dicembre 2021 e utilizzato per il recupero degli apprendimenti.
Tutto questo si può leggere a pagina 6 del documento” Per consentire alle istituzioni scolastiche la pianificazione flessibile di tempi e spazi necessari a garantire lo svolgimento in sicurezza delle attività scolastiche in presenza, l’art. 58, comma 4-ter, della legge – 23 luglio 2021, 106 – di conversione del decreto “Sostegni bis”, destina la quota non spesa dell’analogo finanziamento per l’a.s. 2020-2021 a: “a) ad attivare ulteriori incarichi temporanei di personale docente con contratto a tempo determinato, dalla data di presa di servizio fino al 30 dicembre 2021, finalizzati al recupero degli apprendimenti, da impiegare in base alle esigenze delle istituzioni scolastiche nell’ambito della loro autonomia. …; b) ad attivare ulteriori incarichi temporanei di personale amministrativo, tecnico e ausiliario con contratto a tempo determinato, dalla data di presa di servizio fino al 30 dicembre 2021, per finalità connesse all’emergenza epidemiologica”. Le risorse di che trattasi saranno ripartite tra gli Uffici Scolastici Regionali e, per il loro tramite, tra le istituzioni scolastiche.
Il recupero degli apprendimenti potrà riguardare tutti i gradi di istruzione, fin dalla scuola dell’infanzia. Tenendo a mente che in questa l’apprendimento avviene attraverso l’azione,
l’esplorazione, il contatto con gli oggetti, la natura, l’arte, il territorio, in una dimensione ludica, da intendersi come forma tipica di relazione e di conoscenza (Regolamento recante Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione)”
Quindi si torna al 4 marzo 2010, come se nulla fosse accaduto. In altri termini: le classi torneranno a riunirsi anche con 27-32 alunni.
Altro che cambiamento! Siamo di fronte alla restaurazione!

La difficile possibilità di configurare le classi

Riesce difficile, inoltre comprendere con quale personale non covid sarà possibile configurare diversamente le classi. Si legge infatti a pag. 10: “Sulla base delle situazioni concrete, quali gli spazi a disposizione, le esigenze delle famiglie e del territorio, l’organizzazione dei trasporti, resta ferma l’opportunità per le istituzioni scolastiche di avvalersi delle forme ordinamentali di flessibilità derivanti dall’autonomia. Queste potranno contemplare, ad esempio: – riconfigurazione dei gruppi-classe in gruppi diversi
Fumo negli occhi per confondere e illudere, dimenticando però che il personale scolastico è molto addentro alle situazioni concrete.
Concludendo, ci troviamo di fronte a un piano scuola 2021-22 improntato al ribasso e al risparmio. Alex Cordazzoli (Il Fatto Quotidiano, 30 giugno) lo ha definito “soft”. Definizione basata sull’entità delle risorse impiegate (risparmi scorso anno) ad esempio sul personale Covid: 350 milioni rispetto al 1,8 miliardi di €. Tradotto si spenderà solo 1/5.
Rimpiangeremo Lucia Azzolina?