Riapertura delle scuole
11 Settembre 2021

Riapertura delle scuole, l’annuncio rassicurante di Patrizio Bianchi

By Gianfranco

Riapertura delle scuole, Patrizio Bianchi ripete che la sicurezza sarà la peculiarità del nuovo anno scolastico. Il concetto, però necessita di una maggiore riflessione

Riapertura delle scuole, le dichiarazioni rassicuranti di P. Bianchi

Riapertura delle scuole, il Ministro continua a ripetere che tutto avverrà in sicurezza. P. Bianchi punta sulle vaccinazioni dei docenti. Qualche giorno fa ha dichiarato: “La scuola ha reagito più di ogni altro settore all’invito del premier Mario Draghi a vaccinarsi, siamo al 92% e abbiamo operato nel pieno rispetto della privacy e nella tutela delle libertà individuali…dal 13 di settembre tutte le scuole, sul pc del preside, ma solo del preside, avranno la lista delle persone vaccinate. Avremo sempre tutela dei diritti delle persone, ma dobbiamo pensare anche al dovere della sicurezza“. L’aver completato il ciclo vaccinale permette ai docenti di ricevere il green pass come lasciapassare per entrare a scuola e insegnare. Si può ottenerlo anche dopo essersi sottoposto alla prima dose o effettuato un tampone.

Ma siamo sicuri?

La dichiarazione di P. Bianchi che abbina la sicurezza alle vaccinazioni e al green pass non trova, però conferma da parte dei virologi. Riporto una dichiarazione rappresentativa di altre comparse sui massmedia. : “Dire che il green pass crea ambienti sicuri è una baggianata”, sostiene Crisanti, “è solo uno strumento che incoraggia le persone a vaccinarsi. Per considerarla una misura sanitaria dovremmo misurarne l’impatto”(A. Crisanti, Festa de “Il Fatto Quotidiano 3-5 settembre). La conferma arriva subito dopo  da G. Rezza direttore generale della Prevenzione al ministero della Salute :”Un certo grado di protezione lo dà: se siamo tutti vaccinati, stiamo a distanza, abbiamo una certa probabilità in più di essere protettia parte il vaccino contro la febbre gialla, gli altri non proteggono mai al 100%, anzi quelli anti-Covid hanno un’efficacia migliore di molti altri”
La traduzione più semplice è la seguente: non esiste la sicurezza perché anche i vaccinati possono contagiarsi e contagiare. Ovviamente le probabilità aumentano nei non vaccinati.
Il green pass è una soluzione politica per incentivare alla vaccinazione che però non ci immumizza. Pertanto non può essere rappresentare la risposta al bisogno di sicurezza richiesto da un contesto ormai colonizzato dalla paura. Deve essere accompagnato da altre misure: il distanziamento, le mascherine il lavaggio frequente delle mani, i tamponi salivari…
Purtroppo, come ho scritto qualche giorno fa l’abbandono dell’obbligo del distanziamento, diventato facoltativo, probabilmente favorirà una prossimità ideale per la diffusione del virus. Il mancato investimento sui tamponi salivari frequenti gratuiti per docenti e allievi aggiunge un’altra criticità a un sistema scolastico che aprirà basandosi sul rischio ragionato. A questo occorre aggiungere che gli allievi under 12 non saranno vaccinati. Quanti di essi svilupperanno la malattia in modo asintomatico?  In caso di peggioramento del quadro sanitario, il governo ha un piano b diverso dalla Dad?