Riapertura delle scuole
17 Settembre 2021

Riapertura delle scuole, Le giuste critiche di Azzolina a Bianchi, ma…

By Gianfranco

 

Riapertura delle scuole, Azzolina ha ragione sull’operato di Bianchi. Purtroppo anche lei deve rimproverarsi il mancato raggiungimento dell’obiettivo sulle classi pollaio

Riapertura delle scuole, Azzolina ha ragione su Bianchi

Riapertura delle scuole. Continua lo scontro a distanza tra L. Azzolina e l’attuale Ministro dell’Istruzione P. Bianchi. Riprendo le ultime scaramucce. L’attuale reponsabile del Mi ha rilasciato ua dichiarazione al vetriolo sui banchi a rotelle (dovrebbe sapere che sono tato richiesti dalle scuole): “I banchi a rotelle? Sono una cartolina del passato“. Ovviamente non si è fatta attendere la replica della pentastellata: “Alunni, famiglie e personale scolastico sanno bene cosa è stato fatto l’anno scorso. Non devo certo rispondere al ministro, gli consiglierei semmai un po’ di prudenza“. Molto più articolata la risposta di L. Azzolina all’interno di “L’aria che tira”(16 settembre 2021)”Ho sorriso, il ministro Bianchi era a capo del comitato che avrebbe dovuto aiutarmi a riaprire le scuole, lui sa benissimo cosa è stato fatto. Era stato nominato per dare una mano. Io impiegherei del tempo per spiegare cosa è stato fatto l’anno scorso, mi servirebbe un secondo preciso per spiegare cosa è stato fatto quest’anno: il green pass, per il resto non c’è niente sulla scuola. Gli hanno già risposto i dirigenti scolastici, probabilmente non è mai andato nelle scuole. Abbiamo fatto lavorare 70 mila persone in più per sdoppiare le classi. Abbiamo ricavato 40 mila aule in più per il distanziamento di un metro, che adesso è raccomandato e non più obbligatorio. L’anno scorso abbiamo anche comprato arredi, su 2,4 milioni di banchi 400 mila sono a rotelle e già utilizzati nelle scuole da anni. Dal governo Conte II sono rimaste delle economie che oggi il Miur sta utilizzando per assumere dei docenti per fare il recupero degli apprendimenti, fino al 31 dicembre. Non si possono dunque sdoppiare le classi. Le classi sono già in dad in alcune scuole ed era prevedibile: se elimini il distanziamento obbligatorio e rimetti tutti in classi in maniera sovraffollata, è molto facile che questo accada. Mi dispiace per gli studenti, che sono quelli che soffrono di più”

Azzolina ha tutte le ragioni, ma non ha centrato il suo obiettivo

L. Azzolina ha sinteticamente ben presentato il nuovo scenario della scuola (a.s. 2021-22). Condivido tutta la lunga dichiarazione dell’ex Ministra. Occorre sottolineare che L. Azzolina ha dovuto affrontare una situazione totalmente nuova. Ha fatto i suoi errori, ma chi non li avrebbe commessi? P. Bianchi, invece, ho l’impressione che non abbia fatto tesoro dell’esperienza dello scorso anno: distanziamento facoltativo, non conferma di tutto il personale Covid, mancata installazione dei sistemi di areazione e di controllo del CO2 negli edifici scolastici… Parafrasando un passaggio dell’attuale Ministro, la complessità dell’avvio del nuovo anno scolastico è stata risolta dal Governo Draghi con un solo strumento: aprire le finestre!
Ovviamente L. Azzolina ha le sue repsonsabilità. Da Ministro poteva avviare in modo deciso l’iter legislativo per il superamento delle classi pollaio. Poteva battere i pugni e invece si è arresa di fronte alle obiezioni dell’alto costo dichiarandoConfidiamo nel decremento demografico“. Era già avvenuto nel gennaio 2019, quando in Commissione istruzione della Camera il suo disegno di legge fu bloccato per gli stessi motivi. E intanto,  i sindacati cheedono ad anno avviato la conferma dei 70.000 unità di personale Covid, dimenticando che la questione si può risolvere solo presentando un provvedimento legislativo che superi la legge che ne autorizza solo la metà(L.106/21).