Rientro a scuola, l’USR del Lazio non chiarisce, anzi…

Rientro a scuola

Rientro a scuola, i D.S. e i docenti hanno bisogno di certezze e invece…

Rientro a scuola, l’Usr del Lazio ha pubblicato due documenti che non risultano coerenti. Si chiede un chiarimento e soprattutto una maggiore concretezza.

Rientro a scuola, l’USR del Lazio ha pubblicato due documenti

Rientro a scuola, l’Usr del Lazio ha pubblicato a distanza di due giorni due comunicazioni.
La prima  fornisce una serie di suggerimenti su come organizzare gli spazi.  Il documento si conclude esaltando l’autonomia organizzativa di ogni Istituto scolastico. Da qui la giusta considerazione: ” Come esposto in premessa, la presente raccolta di suggerimenti non ha alcuna pretesa di esaustività e non ha carattere imperativo. Non appare infatti possibile fornire istruzioni inderogabili, che mancherebbero della necessaria flessibilità, a fronte di situazioni esterne in divenire, cioè il contesto epidemiologico, e di situazioni interne, gli spazi disponibili e la loro conformazione, variegate.”
Tutto bene allora? Purtroppo la risposta è negativa. Il giorno dopo (13.07.20) l’USR del Lazio pubblica una comunicazione che tarpa le ali all’autonomia organizzata. Si legge infatti: “è preferibile evitare di rompere l’unità del gruppo classe, ove già costituito, e anche tenuto conto della prossima disponibilità di ulteriori risorse e iniziative per l’acquisto di arredi.Invece,  occorrerà riservare         la suddivisione delle       classi          e il loro ricomponimento in un maggior numero di gruppi ai soli casi nei quali non è possibile mantenere le classi esistenti nemmeno con il ricorso a banchi mono-posto, poiché sarà necessario riservare l’utilizzo delle risorse di organico che saranno messe a disposizione ai casi di stretta necessità”

Breve considerazione

L’anno scolastico 2020-21 passerà alla storia come il periodo più complicato e difficile di tutta la storia della scuola italiana. L’impegno della Ministra Azzolina a non  perdere una generazione intera è massimo. Non vorrei stare al suo posto. Si trova dentro un ciclone e con una pandemia che a differenza del terremoto (evento circoscritto nel tempo), è una realtà dinamica (saliscendi dei contagi e quindi della pericolosità del virus). Da qui l’incertezza degli scenari.
Pertanto a 60 giorni circa dall’inizio del nuovo anno scolastico, aumentare la confusione o l’incertezza non è una buona strategia. Rischia di paralizzare le attività degli Istituti scolastici laziali che si stanno organizzando per la ripartenza. Pertanto si chiede un definitivo chiarimento che parta dalla concretezza dell’aula come ha fatto l’USR del Veneto (suddivisione del gruppo classe e rimodulazione unità oraria)