Rientro a scuola a settembre, sono molte le criticità!

Rientro a scuola a settembrere

Rientro a scuola a settembre, il Governo lo dà per certo. Tante però sono le criticità da superare

Rientro  scuola a settembre.. Mancano poche settimane all’inizio del nuovo anno scolastico e diverse sono le criticità a livello sanitario e organizzativo. Si riuscirà ad aprire con una certa efficienza e sicurezza?

Rientro a scuola a settembre, la criticità sanitaria

Rientro a scuola a settembre, si riuscirà a centrare l’obiettivo? Al momento attuale ci sono diverse criticità.
Iniziamo da quella sanitaria. La conoscenza del virus non ha raggiunto ancora un livello che lascia tranquilli. Gli scenari ipotizzati sono accompagnati da zone d’ombra, dovuti anche alla natura dinamica del contagio. Questo a differenza di un terremoto, può evolvere o involvere nel tempo e riguardare anche fasce d’età diverse da quelle coinvolte ad inizio epidemia. Un esempio per tutti: è di questi giorni l’abbassamento dell’età media dei contagiati, dovuto al poco rispetto delle regole da parte dei giovani.
Comunque i molti dubbi sono confermati  dall’ Istituto Superiore di Sanità, quando ipotizza tre scenari a settembre-ottobre, A questo occorre aggiungere che molti epidemiologi e virologi ammettono: “non è nota la reale trasmissibilità di SarsCov-2 nelle scuole, anche se iniziano ad essere disponibili evidenze scientifiche di epidemia in ambienti educativi. Non è noto quanto i bambini, prevalentemente asintomatici, trasmettano il virus rispetto agli adulti. Rende molto incerto il ruolo della trasmissione nelle scuole”.

E non è finita, altre criticità avanzano

A queste occorre aggiungere la criticità dei trasporti che a settembre diventerà molto evidente. Ha dichiarato l’ATS di Milano: ““La ripresa completa del trasporto pubblico, con l’occupazione dei mezzi al 100 per cento, rischia di essere un azzardo. Capisco che è necessario ripartire, soprattutto in vista del rientro a scuola. Ma una mediazione è possibile, tra il 50 per cento e il 100 per cento di cui si discute in questi giorni…per i più grandi sarebbe più prudente mantenere una parte delle lezioni a distanza. Per ridurre gli spostamenti e, quindi, i contagi”
Collegata a questa presenza dei ragazzi è l’esposizione dei professori over 55, che su base nazionale rappresentano un 33%.
Ci sono poi i banchi monoposto. L’altro giorno La ministra Azzolina e il Commissario Arcuri annunciavano che quattordici aziende consorziate avevano risposto al bando. Andando oltre l’annuncio, la realtà è molto complessa certificata da questa dichiarazione: “Nessuno può dirci che non ci abbiamo provato e messo buona volontà, ma  le cose impossibili restano impossibili. Presenteremo un’offerta, ma rispondente a requisiti che sappiamo di poter soddisfare. Non siamo abituati a sfogliare il libro dei sogni irrealizzabili. Ci auguriamo che finalmente si facciano i conti con la realtà”
Concludiamo l’elenco delle criticità con la difficoltà a reperire 20 mila aule alternative, finalizzate ad ospitare 400 mila studenti (Fonte Anp)

Breve considerazione

Il governo continua a ripetere che l’obiettivo della riapertura sarà centrato. Rimangono gli interrogativi con quale grado di   sicurezza sanitaria e di efficacia formativa, utilizzando qualunque ambiente (cinema,B&b, hotel…).
Con queste premesse ci avviamo ad aprire un anno scolastico atipico dove prevarrà la paura  da parte del personale scolastico  a  comparire davanti a un giudice per rispondere della mancata vigilanza. Sempre che riescano a proteggersi dal Covid-19