Posted in: Rientro a scuola, Tutti gli articoli

Rientro a scuola, ora il distanziamento è a tempo!

Rientro a scuola
Rientro a scuola, fermi tutti. Abbiamo scherzato! Torniamo, in pratica alla scuola di sei mesi fa

Rientro a scuola, ora il distanziamento fisico è a tempo. In pratica si dice “abbiamo scherzato!” Pessimo segnale verso chi si è impegnato per un rientro in sicurezza. Aumentano Le preoccupazioni tra i docenti. Appuntamento alla prossima puntata.

Rientro a scuola, il Cts soccorre il Governo

Rientro a scuola, fino a qualche ora fa tutta l’operazione ruotava intorno al rispetto del distanziamento fisico. Occorreva trovare locali, dimezzare aule e suddividere il gruppo classe.
Il banco monoposto rappresentava l’arredo ideale per realizzare  il distanziamento fisico.
Ora occorre rivedere, non più di tanto, l’operazione del rientro. Qualche aggiustamento sarà sufficiente. Nulla più! Concretamente si è tornati alla scuola di febbraio-marzo 2020!
Il Comitato tecnico scientifico, venendo incontro alla difficoltà delle aziende vincitrici dell’appalto sui banchi monoposto di fornire le scuole entro il 12 settembre, ha pubblicato un comunicato, dove si legge” al solo fine di garantire l’avvio dell’anno scolastico, in eventuali situazioni in cui non sia possibile garantire nelle attività didattiche il distanziamento fisico prescritto, sarà necessario assicurare la disponibilità e l’uso della mascherina, preferibilmente di tipo chirurgico…
Il passaggio non risulta  incoerente rispetto a quanto pubblicato il 7 luglio “L’utilizzo della mascherina è necessario in situazioni di movimento e in generale in tutte quelle situazioni (statiche o dinamiche) nelle quali non sia possibile garantire il distanziamento prescritto
Siamo passati dal distanziamento dei due metri quadrati (Documento delle Regioni)  al metro generico e statico  a quello da bocca a bocca e infine al distanziamento a tempo. Troppi cambiamenti che invece di chiarire, confondono, inducono perplessità e molta insicurezza.

Il Mi ha fatto lavorare le scuole inutilmente: “Siamo su scherzi a parte”

Chi ha seguito la vicenda del rientro a settembre,  può affermare che il Mi, pur avendo  ricevuto l’indicazione delle mascherine, ha poi scelto  la soluzione del distanziamento fisico da favorire con degli accorgimenti . Molti Dirigenti Scolastici supportati da docenti (molti di questi in ferie) avevano progettato piani di rientro coerenti con le linee ministeriali e quelle degli Usr. In questo sono stati coadivati dai comuni, dai Municipi e dagli RSSP…
Ed ora tutto questo lavoro estivo risulta inutile. Siamo tornati al Via (Gioco del Monopoli). A questo punto sorgono le seguenti domande: Perché tenere chiuse le scuole per tutto questo tempo, quando bastava fornire ogni Istituto di mascherine chirurgiche? Perché impiegare tanti miliardi di €, quando ne sono sufficienti solo alcune centinaia per l’acquisto dei dispositivi di protezione?
Ha ben espresso lo stato d’animo degli operatori della scuola. A. Giannelli che a nome dei Dirigenti Scolastici ha dichiarato: “Pensavamo di vivere in una tragedia, e invece era una commedia: Tanto rumore per nulla di William Shakespeare!. A questo punto invito tutti i colleghi a comunicare immediatamente ai rispettivi uffici scolastici la loro messa in ferie, perché le hanno meritate come non mai e perché ne hanno bisogno dopo una estate di lavoro frenetico che sembrava tragica e invece era solo comica

Ed ora? tanta paura e un Cts che intende chiarire

Detto questo quale nuovo scenario si apre a settembre? Difficile ipotizzarlo, considerando la dinamicità della pandemia.
Questa mattina il quotidiano La Repubblica ha pubblicato alcune reazione a caldo di molti insegnanti, tutte accomunate da una buona dose di paura. Ne riporto qualcuna. “Non c’è sicurezza, la scuola così non può e non deve ripartire. Per docenti e alunni bisogna avere più rispetto” (T. Verde, insegnante precaria). “Non ci salverà una mascherina, bisogna ridurre il numero dei bimbi per sezione” ( Maria Elena Marcenò Sanfilippo, docente infanzia).
Immediata la reazione del Cts che ha deciso di un incontro il 19 agosto ” Torniamo a ridiscutere del problema perché non siamo la stampella della politica
Alla prossima puntata di questa telenovella che rischia di far naufragare la scuola e con essa un’intera generazione. Non è una buona notizia per il Paese,