Posted in: Rientro a scuola

Rientro a scuola, Oms “con i contagi in aumento…”

Rientro a scuola
Rientro a scuola, in questo momento è difficile darlo per certo. Molto dipenderà dai nostri comportamenti

Rientro a scuola, la pandemia conferma la sua natura dinamica. In questo momento i contagi aumentano, ponendo seri problemi per lo scenario di una riapertura con convivenza del virus (Oms).

Rientro a scuola, la natura dinamica della pandemia

Rientro  a scuola, in diversi contributi ho messo in evidenza la natura dinamica della pandemia, che a differenza di un terremoto non può dare certezze sull’immediato futuro (riapertura delle scuole). Del resto la stessa Ministra Azzolina aveva ipotizzato a giugno tre scenari. Il più auspicabile “presuppone un contagio prossimo allo zero e considera sufficiente il rispetto delle norme su assembramento e igiene per poter ripartire senza particolari problemi. Anche senza mascherina in classe ma solo negli spazi comuni oppure quando il distanziamento è impossibile come sta pensando di fare la Spagna.
Poi c’è lo scenario intermedio – simile a quello con cui il Cts ha dovuto fare i conti a fine maggio quando ha rilasciato le sue indicazioni di massima – che richiede il rispetto del metro di distanza tra un alunno e l’altro oltre all’obbligo di indossare dispositivi di protezione per docenti e studenti da 6 anni e più.
Terza e ultima prospettiva, che speriamo si riveli solo teorica, un ritorno della pandemia sugli stessi livelli di marzo e, dunque, la necessità di un nuovo lockdown”

L’Oms partendo dai dati attuali, ipotizza…

Purtroppo l’ultimo scenario non sembra così remoto. Ad affermarlo è Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Oms. Il rischio è “arrivare a ridosso della riapertura delle scuole con un numero di casi che la renderebbero pericolosissima. Perché è matematico che la curva col ritorno in aula salirebbe ancora. Allora o azioniamo il freno o andiamo a sbattere
Al momento attuale è solo un’ipotesi (non auspicabile). Tutto dipenderà dai comportamenti che adotteremo in questo ultimo scorcio d’estate. Afferma ancora il responsabile dell’Oms “Sembra che la gente non abbia compreso quanto siamo in pericolo – osserva – è adesso che dobbiamo agire, dopo potrebbe essere troppo tardi… si vedono movide, affollamenti in spiaggia, giovani che tornano infetti dalle vacanze e spesso diffondono il contagio in famiglia. No, no va per niente bene”.  La situazione sarà molto chiara tra due settimane (tempo d’incubazione del Covid-19) e nei giorni seguenti.