Rientro a scuola, l’interpretazione al ribasso sui lavoratori fragili

Rientro a scuola

Rientro a scuola pieno di incognite. Una di queste è rappresentata dalla decisione degli over 55, ritenuti soggetti fragili.

Rientro a scuola, esiste l’incognita degli over 55 che rappresentano il 30% dei docenti. L’Iss (Istituto superiore di sanità) ha ridefinito i soggetti fragili, rispetto al documento INAIL (aprile 2020). Quanti chiederanno l’esonero?

Rientro a scuola, molti docenti sono over 55

Rientro a scuola. L’operazione è carica di incognite. A dimostrazione della specificità della situazione che rimanda alla sua unicità. Si sta approntando un piano di rientro senza poter contare su esperienze del passato. In altre parole si naviga a vista con molte incognite.
Una di queste è rappresentata dalla possibilità che molti degli over 55 chiedano e ottengano l’inidoneità temporanea all’insegnamento per rischio Covid.
Se questo avvenisse si porrebbe un serio problema di copertura organica per la scuola in tempo di Covid-19, in quanto essi rappresentano più del 30% del totale della dotazione organica.

Il documento INAIL le indicazioni del Istituto superiore di sanità

Secondo il documento INAIL (aprile 2020) essi ” mostrano chiaramente una maggiore fragilità nelle fasce di età più elevate della popolazione nonché in presenza di alcune tipologie di malattie cronico degenerative (ad es. patologie cardiovascolari, respiratorie e dismetaboliche) che in caso di comorbilità con l’infezione possono influenzare negativamente la severità e l’esito della patologia.”
Da notare che il documento ritiene a rischio ogni soggetto con il solo requisito anagrafico, la quale situazione diviene maggiormente a rischio in presenza di patologie.
Nelle indicazioni dell’Iss (21 agosto 2020) il dato anagrafico non è sufficiente il dato anagrafico per rientrare nella categoria delle persone fragili. Si legge ” Il concetto di fragilità va dunque individuato nelle condizioni dello stato di salute del lavoratore rispetto alle patologie preesistenti (due o più patologie) che potrebbero determinare, in caso di infezione, un esito più grave o infausto, anche rispetto al rischio di esposizione a contagio.
Troppo semplice decidere sulla pelle degli altri! In caso di contagio di un over 55 sano, egli non potrà riavvolgere il nastro e decidere. La vita non lo consente!