Posted in: Rientro a scuola

Rientro a scuola, i genitori confermano le loro preoccupazioni!

Rientro a scuola
Rientro a scuola genitori iniziano ad avere molti timori. E il governo va avanti per la sua strada.

Rientro a scuola, è confermata la percezione di insicurezza da parte dei genitori. Il governo e diversi USR non raccolgono. Vanno  avanti per la loro strada! Comunque!

Rientro a scuola, un inizio di anno diverso

Rientro a scuola, mancano ormai pochi giorni. Dovrebbero essere dedicati alla didattica e alla preparazione delle attività. E invece tutto il personale è concentrato a risolvere problemi logistici, organizzativi e altro ancora.
Raramente la scuola è riuscita a catturare tanta attenzione! L’inizio di ogni anno scolastico rientrava tra i riti esenti da ansia, paura e timori.
Quest’anno è un’altra storia! Il Covid ha “rivoltato come un calzino la storia”.
Purtroppo  l’impegno  di tanto personale scolastico, iniziato a maggio-giugno  non riesce a rassicurare. Troppe ancora le criticità e anche alcune decisioni del governo che hanno abbassato l’asticella della sicurezza.

I genitori confermano i loro timori

Lo scenario caotico e frenetico non rassicura i genitori. Qualche giorno ho pubblicato un sondaggio di Psos per Save the Children  che certificava i timori di 7 genitori su 10. Purtroppo lo stato d’animo è confermato da un altro sondaggio pubblicato da Codacons:  ” 3 famiglie su 4 esprimono grande preoccupazione per la riapertura delle scuole, anche a causa del caos che sta investendo il settore e delle polemiche politiche che da giorni tengono banco sui mass media – spiega il presidente Carlo Rienzi – Per il 75% dei cittadini e alla luce dell’emergenza Covid sarebbe opportuno posticipare il ritorno in classe, ricorrendo alla didattica a distanza fino a che non vi saranno maggiori garanzie sul fronte sanitario”

Il governo sta rischiando tanto

Questa è la situazione. Eppure il governo continua a dire che, nel rispetto delle decisioni di ogni regione, le scuole riapriranno regolarmente. Alta è la posta! Ho il timore che ornai sia una partita politica, una sfida per verificare la sua efficienza!
Andare avanti comunque” questo è il motto del governo e di alcuni USR giustificato con l’esigenza di rispondere alle richieste delle famiglie (C. Di Berardino, assessore Regione Lazio). Fino a qualche settimana fa,  queste erano molto diffuse, ma ora?
Ogni scenario è possibile! Staremo a vedere come andrà a finire!