Rientro a scuola, lo scenario alternativo del pensiero resiliente

Rientro a scuola

Rientro a scuola, si rischia di rimanere fermi. L’aiuto del pensiero resiliente

Rientro a scuola, è facile percorrere la strada della critica che rischia di essere inconcludente. Il pensiero resiliente ci propone un altro scenario dove non tutto è risolto.

Rientro a scuola, un’operazione carica di significati

Rientro a scuola operazione difficile e densa di significati. Quest’ultimi sono stati ben sintetizzati da P. Mastrocola in un articolo pubblicato su “La Stampa” (13 settembre).”Comunque sono contenta che si parli di scuola. Dopo mesi (anni?) che era sparita da qualsiasi discorso. Sì, ma come se ne parla? Forse perché vogliamo che i ragazzi imparino tante cose, ricevano una buona preparazione culturale, non perdano pezzi del sapere? Non mi pare di aver sentito mai, nemmeno una sola volta, frasi che avessero vagamente attinenza con la parola “cultura”. Nessuno che deplori, per esempio, l’ora di lezione che diventa di 50 minuti. La scuola è una priorità assoluta per questioni sociali, innanzi tutto. Le famiglie sono perdute, senza la scuola. Come si svolgerebbe la vita, casalinga e lavorativa, con i figli a casa? La scuola è necessaria come luogo fisico dove lasciare i figli alle otto del mattino e riprenderli possibilmente il tardo pomeriggio. E, per i figli, è necessaria per socializzare: anche loro perduti, senza la scuola.”
Questa lettura richiede un’integrazione che rimanda a tutti i problemi organizzativi e logistici, imputabili alla devastante Riforma Gelmini, sempre criticata dai governi di sinistra ( Letta, Renzi), ma che non hanno avuto il coraggio di abolire nel periodo seguente

Occorre uscir fuori dall’inerzia della critica…

L’anno scolastico che si è appena aperto non sara facile! Sarà caratterizzato dalla paura che favorirà una scuola modello caserma, riducendo spesso la didattica a un accessorio. Questo scivolamento della scuola verso lidi che non le appartengono sono imposti dall’emergenza  Covid-19 e anche da una volontà granitica del governo che ha fatto della scuola una questione politica (di parte) e sanitaria.
Da questo ne deriva che è molto facile seguire l’onda della critica ad ogni costo, evidenziando solo quello che non funziona o è carente.
Più difficile invece ricercare un senso a tutto questo, consapevoli però che questo  non risiede  nella realtà, bensì è dentro di noi. Più difficile è individuare  le vie d’uscita dalla bolla del pessimismo che porta all’inerzia e alla passività. Un stato di crisi nasconde sempre delle opportunità (pensiero resiliente) che è possibile cogliere, attraverso un lavoro di ricerca e di riflessione, assente nell’atteggiamento rinunciatario.
Consapevoli che non tutti i problemi svaniranno davanti a noi.