Posted in: Rientro a scuola, Tutti gli articoli

Rientro a scuola, tra qualche settimana sapremo quanto durerà

Rientro a scuola
Rientro a scuola, ora occorre impegnarsi per non chiudere. Dipenderà solo da noi.

Rientro a scuola, ormai è cosa fatta. Riusciremo anche a mantenere le scuole aperte?
Il rischio di chiusure locali e generalizzate è sempre dietro l’angolo.

Rientro a scuola, operazione da archiviare negli scaffali della storia

Rientro a scuola, è ormai un’operazione che è possibile consegnare alla storia. Sicuramente è risultata un’impresa quasi titanica. Occorreva mettere insieme tanti tasselli (reperimento aule, organizzazione trasporti, organico, banchi monoposto…).
L’obiettivo è stato raggiunto, attuando alcuni compromessi che hanno portato ad esempio a ridurre il distanziamento da due metri a un metro buccale. A questo occorre aggiungere l’aggiornamento del profilo delle persone fragili non più legato solo all’eta (documento Inail- aprile 2020), bensì alla presenza di due o più patologie ” che potrebbero determinare, in caso di infezione, un esito più grave o infausto, anche rispetto al rischio di esposizione a contagio.” (Documento ISS- 21 agosto 2020).
E per finire la questione dei trasporti pubblici. Il Dpcm del 14 luglio stabiliva che la capienza massima era il 60%. E’ di questi giorni con i contagi che sono tornati a salire l’asticella è stata portata in alto fermandosi al valore dell’80%. E’ consentita la capienza massima (100%) qualora il tragitto sia inferiore ai 15 minuti (conferenza Stato-regioni).

Ora inizia  il difficile: è importante non chiudere!

La partita non è chiusa. Ora occorre evitare la chiusura parziale o totale. Essa dipenderà da fattori imponderabili. Mi riferisco ai primi malanni di stagione (tossi, raffreddori, mal di gola, febbri). Spesso sono il risultato di comportamenti umani caratterizzati da immaturità dovuti all’età (bambini e ragazzi), da superficialità. da fattori legati allo stato di salute delle persone…
Quanti di questi nasconderanno la presenza del Covid-19? Quale ruolo avrà la paura, vera padrona di questa fase, nell’enfatizzare i casi? Quante famiglie prenderanno la decisione giusta e coerente con le linee del Ministero della Salute, sapendo che possono rischiare il lockdown?
Le risposte le avremo a breve, tra qualche settimana. Capiremo se lo sforzo sociale ed economico  di aprire è valso, oppure era preferibile ripiegare verso soluzioni più sicure (Dad), ma lontane dalla tradizione scolastica.
L’Oms continua a sostenere che ci sarà una seconda ondata di contagi, dimenticando però che il futuro delle prossime settimane dipenderà soprattutto dai nostri comportamenti. Sarà difficile evitare lockdown locali ma non impossibile. Stesso discorso vale per la scioccante chiusura, già sperimentata  tra marzo e maggio. Quello che sarà dipenderà molto da noi e non da destino maligno. Capiremo se il Paese è maturo per una scuola che deve rimanere aperta non solo come servizio alle famiglie, bensì per formare l’uomo e il cittadino (Costituzione italiana)!