Rientro a scuola, l’eclissi mediatica dei problemi!

Rientro a scuola

Rientro a scuola il problema dell’estate, sta subendo una lenta marginalizzazione da parte dei massmedia. .

Rientro a scuola, è stato il tema dell’estate. Da qualche giorno sta subendo una grave marginalizzazione dai massmedia. Eppure i problemi non sono stati risolti e altri già si vedono all’orizzonte.

Rientro a scuola, prima tanto ed ora…

Il rientro  scuola è stato il tema dell’estate 2020. Intere pagine di giornali e quasi tutti i talk-show trattavano le novità e le tante criticità dell’operazione. Probabilmente la Ministra Azzolina è stata la più intervistata e la più presente in televisione tra i diversi responsabili governativi.
Da mercoledì purtroppo è iniziata una lenta eclissi. Tra le testate principali solo “Il Messaggero” ha dedicato la prima pagina, titolando  a caratteri grandi “Scuola in salita: c’è lo sciopero“. La notizia è ripresa anche dal “Il Mattino“, e marginalmente da “Il Giornale” mentre “Il Resto del Carlino” tratta il tema dei tamponi veloci.
Il giorno dopo solo “L’Avvenire” ha trattato la criticità della carenza di docenti. Gli altri puntano la loro attenzione sul Recovery Fund, le elezioni e referendum…
Ieri la scuola è tornata in prima pagina per via della sentenza del T.A.R. del Piemonte sulla misurazione della temperatura.
Oggi il tema scolastico rimanda alla presenza di ragazze con la minigonna (“La Stampa“, “Il Messaggero“, “Il Giornale“…

Brevi riflessioni

Ora senza nulla all’importanza di entrare con un abbigliamento adeguato a scuola, chiedo ma tutti gli altri temi legati al rientro perché hanno perso interesse? Certamente non sono stati risolti. In diversi istituti mancano le mascherine; i banchi monoposto non sono ancora tutti consegnati; le aule non si sono improvvisamente moltiplicate; manca la copertura dei docenti in molte classi…
Altri problemi stanno sorgendo: il probabilissimo picco di sintomi sospetti covid che avverrà a breve e e che creerà delle frizioni tra gli istituti scolastici, i medici di base (MMG), i pediatri (PLS) e le ASL.