Rientro a scuola, le prime indicazioni dal Trentino

 

Rientro a settembre

Rientro a scuola a settembre. Il Trentino – Alto Adige iporizza un rientro interessante ma molto oneroso.

Rientro a scuola a settetmbre, arrivano le prime indicazioni dal Trentino . Limitatamente alla scuola primaria e secondaria di primo grado. Un’ipotesi sensata  che potrà tornare utile al Comitato tecnico nominato dalla Ministra Azzolina. Purtroppo però comporta costi altissimi.

Rientro a scuola, le prime indicazioni dal Trentino – Alto Adige

Rientro a scuola a settembre, il Trentino scopre le sue carte. L’ipotesi riguarda la scuola primaria e la secondaria di primo grado.
Sintetizzo le idee riguardanti la scuola primaria, lasciando il resto al lettore. Distanziamento sociale tra gli alunni di 3 metri quadrati. Quindi un metro in più rispetto a quella prevista per i maturandi. Ha una sua ragione legata all’età dei bambini che sicuramente faranno fatica a rispettare il distanziamento sociale.  Tempo scolastico a 24 su 6 giorni (quindi il sabato per la primaria). Didattica in presenza come prima scelta.  Qualora non si trovino strutture esterne idonee, allora la presenza fisica in aula sarà affiancata dalla didattica a distanza.
La mensa sconsigliata dall’OMS è possibile, portando il pasto in classe (come ti dicevo oggi). E altro ancora.

Considerazioni

Mi sembra un buon piano. Purtroppo però è molto oneroso in termini di personale docente (e non solo),  in quanto l’ampiezza media di un’aula non potrebbe accogliere più di 8-9 alunni. E questo significa per una classe di 25-27 alunni/studenti essere suddivisi in tre gruppi distribuiti in altrettanti turni.