Rientro a scuola con la sola didattica in presenza. Molto complicato!

Rientro scuola

Rientro a scuola con la didattica in presenza per gli alunni. Tanti saranno i problemi da risolvere.

Rientro a scuola , per gli alunni  (infanzia, primaria e secondaria di primo grado) si prospetta uno scenario di sola didattica in presenza. Molti sono i problemi. La soluzione ottimale resta la modalità blended.

Rientro a scuola degli alunni solo con la didattica in presenza

Il rientro a scuola pare certo. Al momento, però non è possibile ipotizzare il modello di scuola da adottare. Ovviamente, tutti ci auguriamo che lo scenario sia quello di una convivenza con il virus. A questo ha lavorato il comitato tecnico nominato dalla Ministra Azzolina.
La Dad ha ricevuto molte critiche. Alcune di queste sono oggettivamente inattaccabili. E’ auspicabile, comunque a breve una ricerca scientifica che ponga fine alle opinioni, evidenziando gli aspetti positivi e  le criticità. L’analisi servirà per migliorare una didattica che con tutti i suoi limiti ha costretto la scuola a fare i conti con la tecnologia e la sua parte formativa.
In queste settimane le pressioni sulla Ministra e sul comitato sono state numerose. Quasi tutte hanno puntato per un ritorno alla didattica in presenza, soprattutto per la scuola dell’infanzia, primaria (meno per la scuola secondaria di primo grado) dove la prossimità fisica rappresenta un valore aggiunto.
Dalle  indiscrezioni apparse ieri  si legge” Banchi a distanza di un metro, mascherine obbligatorie dalla primaria alle superiori. Si dovrò stare in classe con la protezione e no sarà semplice. Ma la si potrà abbassare se il Prof interroga e la cattedra è ad almeno due metri… E i piccoli della materna? … la mascherina non sarà obbligatoria… niente guanti per e ntarre in classe , ma tanto gel igienizzante per le mani. Si potrà mangiare a scuola, ma per le mense varranno le regole per i ristoranti… Per rispettare le distanze tra i banchi occorrerà ripensare la didattica: sdoppiare le classi diventa prioritario” e per contenere i costi le lezioni saranno di 45 minuti (La Repubblica”, 24.05.20).
Sostanzialmente le anticipazioni sono state riprese da molti portali. Solo Money.it aggiunge un elemento che complica ulteriormente la situazione: la distanza tra i banchi dovrà essere di almeno due metri, confermando l’ipotesi avanzata dal Trentino.

Situazione molto complicata solo con la scuola che conosciamo

Lo scenario soprattutto per la scuola dell’infanzia, della primaria e secondaria di primo grado sembra non prevedere la Dad. Quindi si viene incontro alle tante voci che hanno richiesto in queste settimane il  ritorno in aula.  Molto complicato!
Si pensi all’ipotesi di distribuire la classe in più gruppi (il numero dipenderà dalla distanza sociale da rispettare), all’organizzazione della mensa, alle entrate e uscite scaglionate…  In altri termini la scuola in presenza dovrà caricarsi di tutte le problematiche imposte dall’emergenza sanitaria. A questo occorre aggiungere anche la formazione di nuove classi pollaio, che sicuramente peserà sulla capacità di individuare soluzioni fattibili. Se l’ipotesi sarà confermata -non dovremo attendere molto- la scuola che conosciamo dovrà  farcela da sola. Sarà un’impresa ardua, conseguire adeguati risultati formativi, in quanto il ritorno a scuola sarà condizionato da diffusi stati d’ansia e di paura da parte del personale scolastico e dei genitori.

Modalità blended è una soluzione

Sono sempre più convinto che la modello di formazione  blended o mista sia ancora il più  conveniente, ripartendo le ore settimanali di lezioni in buona parte con la didattica in presenza e lasciando cinque-sei ore a quella a distanza. L’obiettivo è chiaro: ridurre la pressione sul modello tradizionale e sulla didattica in presenza, riducendo anche la complessità dei problemi da risolvere.
La conferma della Dad migliorata contribuirà  a mantenere la presenza della scuola nel digitale.  Diversamente assisteremo a una ripresa delle proteste, ma di segno opposto che metteranno in evidenza l’inadeguatezza del modello tradizionale a gestire l’emergenza  dal punto di vista organizzativo, didattico.