Rientro a scuola, una puntualizzazione sulla modalità blended

Rientro scuola

Rientro a scuola operazione molto complicata. Una possibile soluzione che ridurrebbe i problemi organizzativi è la modalità blended, diversa…

Rientro a scuola a settembre, sarà molto complicato. Inaccettabile la proposta della Ministra di una  modalità blended sincrona. La conferma arriva anche da un sondaggio. Possibile, invece una  didattica mista diversa, rispetto a quella proposta dalla Ministra.

Rientro a scuola a settembre, operazione molto complicata

Rientro a scuola a settembre, non sarà facile. Occorre riorganizzare l’intero sistema scolastico, aprendolo a un modello integrato. Sarà infatti necessario reperire strutture e coinvolgere associazioni, figure professionali esterne alla scuola. L’operazione non potrà limitarsi a un semplice utilizzo, ma l’operazione dovrà essere sostenuta da un progetto a più voci.
Si abbandonerà il modello scolastico emergenziale, basato sulla didattica a distanza. Ritornerà l’aula e la sua didattica in presenza. L’operazione comporterà, però una suddivisione della classe in piccoli gruppi che daranno vita a due-tre turni giornalieri, se non si riusciranno a reperire spazi e strutture interne alla scuola o presenti nel territorio. Probabilmente sarà così! Una prima conferma è data da un sondaggio della Cisl-scuola: “Da quanto ci dicono le 3.500 risposte a un nostro questionario – afferma la segretaria generale CISL Scuola – la capienza delle nostre aule consente di ospitare in sicurezza, cioè applicando i criteri di distanziamento fra i banchi, meno di dieci alunni nel 32% dei casi, e un numero compreso tra 10 e 15 nel 52,8%. Solo una minima percentuale delle aule ne potrebbe accogliere un numero maggiore”. Da qui la necessità, spesso indicata come possibile soluzione, di poter utilizzare spazi alternativi alle aule, all’aperto o al chiuso. Ma anche in questo caso le chance non sembrano molte: “La possibilità di utilizzare spazi esterni alternativi all’aula è limitata a meno della metà delle nostre scuole (48%), un quinto della quali non ha questa possibilità (21,5%), o la può avere solo per una minima parte dei propri edifici (30,48%). Se poi si pensasse di rimodulare ad uso aula spazi di diversa destinazione, le cose non andrebbero meglio: impossibile farlo con le mense nel 75% dei casi, va un po’ meglio per le palestre, laddove ci sono, ma la praticabilità di questa soluzione non arriva al 40%. A disporre di spazi ampi come aula magna o teatro, è solo il 26% delle scuole.
Per quanto riguarda le strutture, e a prescindere dallo stato degli edifici, emerge che quasi il 20% degli stessi non ha la possibilità di utilizzare in modo distinto varchi per l’ingresso e l’uscita”.
A. Giannelli presidente dell’ANP conferma la forte criticità su tecnicadellalscuola.it e questa mattina sul quotidiano “Il Messaggero”.

Gli insegnanti contrari  alla didattica a distanza e alla modalità blended

Ma torniamo alla questione didattica. Gli insegnanti non sono favorevoli al ritorno della Dad. Stesso giudizio è la proposizione di una modalità blended sincrona : un gruppo lavora in classe e contemporaneamente il secondo gruppo a casa (proposta L. Azzolina).
Un sondaggio nazionale promosso dall’Associazione Nazionale Docenti, presieduta dal Prof. Francesco Greco conferma l’atteggiamento diffuso tra gli insegnanti. “Il sondaggio ha registrato un forte dissenso (85%) verso la proposta di un’alternanza settimanale dell’attività didattica in presenza con quella a distanza (metà classe segue la lezione in presenza l’altra a distanza, per poi alternare la settimana successiva). Un dato che sicuramente non esprime solo una legittima aspettativa di normalità, ovvero di voler superare la dura e triste condizione determinata dalla pandemia, ma anche una chiara valutazione del fallimento pedagogico della DAD. Di fatto, alla domanda se “Ritieni che questa nuova modalità di insegnamento (DAD) potrà continuare ad essere adottata anche dopo la fase dell’emergenza sanitaria”, solo il 26% ha risposto affermativamente, mentre il 74% dei docenti dichiara che è necessario abbandonare la DAD.”. 

Esiste però un’altra modalità blended

Condivido la posizione di contrarietà di molti miei colleghi alla Dad come unica attività con la classe. Stessa valutazione negativa esprimo per la modalità blended sincrona (Proposta L. Azzolina).
Sono, invece, convinto che sia didatticamente valida la soluzione di una modalità blended sincrona/asincrona. Mi spiego. Partiamo dall’ipotesi che sia possibile formare due sottogruppi.
Il primo gruppo lavora in classe (4-5 ore). Il secondo gruppo invece lavora contemporaneamente online ma con un altro insegnante.  In questo caso la soluzione è la suddivisione del sottogruppo che lavora online in ulteriori due piccoli gruppi (tempo di lavoro: max un’ora ciascuno). Questa soluzione favorirà una maggiore personalizzazione della proposta didattica. Il pomeriggio i ruoli si invertono. E’ preferibile destinare la didattica in presenza al primo approccio del contenuto, invece al lavoro online il consolidamento, l’integrazione e anche di esercitazione collettiva. Qualche giorni fa ho scritto su OrizzonteScuola Qui egli può divenire il padrone del suo apprendimento, scegliendo tempi, soluzioni, risorse, caratterizzati da rallentamento, riflessione e integrazioni continue. Ovviamente questo lavorone necessità di supporti autoregolativi che richiamano la metacognizione. Si può fare tutto questo iniziando gradualmente dalla prima classe primaria.”

La didattica mista è un’opportunità per la scuola

Occorre essere resilienti: cogliere nella crisi un’opportunità di crescita (G. Galilei, W Churchill). L’avvio del nuovo anno scolastico non con la Dad, bensì con la modalità mista consentirebbe al sistema scuola di rimanere protagonista attivo nel processo di avanzamento dell’online nell’offline, inevitabile secondo il filosofo L. Floridi che ha coniato il termine onlife, arricchendo il virtuale con un profilo pedagogico, il solo che può liberarlo da quella strumentalità spesso fine a sé stessa, imposta dal mercato.” (OrizzonteScuola)