Posted in: Rientro a scuola, Tutti gli articoli

Rientro a scuola, Ministra sulle classi pollaio occorre…

Rientro a scuola
Rientro a scuola, la Ministra continua parlare della iattura delle classi pollaio. Ora però passi ai fatti

Rientro a scuola, una nuova dichiarazione della Ministra Azzolina sulle classi pollaio. Ora però è tempo di passare ai fatti.

Rientro a scuola, l’ultimo post della Ministra

Rientro a scuola, il Ministro continua a rilasciare interviste, dichiarazioni e post sulla sua pagina Fb. Difficile seguire il “fiume di parole” (Jalisse). Comunque, intendo fermarmi un attimo sul post sulla sua pagina Fb di tre giorni fa. Mi interessa il seguente passaggio: ” sono due anni che parlo del problema delle classi pollaio. E oggi finalmente tutti si accorgono del numero di alunni nelle classi delle scuole italiane.”

Bene Ministro, ora però…

Conosciamo benissimo la sua posizione e la sua battaglia per abolire le classi pollaio. Il momento più significativo è stato la proposta di legge (5 luglio 2018). Lei è la prima firma.
Ora pero, occorre passare ai fatti. Lo può fare, in quanto Ministro dell’Istruzione. Presenti un  provvedimento urgente di abolizione di questo obbrobrio, riorganizzando la rete delle scuole con la riapertura degli edifici dimenticati. Assuma anche  i docenti necessari alle nuove coperture. Sono le uniche soluzioni per assicurare la riapertura quasi normale delle scuole a settembre. Le vie d’uscita sono alla sua portata.
Difficile comprendere i motivi della sua inazione. Non comprendo, inoltre questo continuo ritorno sull’attività passata. Ora occorre avere il coraggio di tornare alle classi educative (U. Galimberti), a far respirare la scuola di pedagogia, liberandola anche dal lessico che non  fa parte della sua tradizione (costi, crediti, ottimizzazione…) e dalle tante procedure formali che stanno demotivando i docenti.
Diversamente si dimetta, seguendo l’esempio di L. Fioramonti. A Natale la decisione del suo precedessore  non ebbe conseguenze significative. Le eventuali dimissioni di L. Azzolina, invece avrebbero degli effetti diversi, visto che la scuola è una notizia in prima pagina da diverse settimane per via della ripresa autunnale.