Posted in: Rientro a scuola, Tutti gli articoli

Rientro a scuola, la Ministra ha abbandonato la prospettiva

Rientro a scuola
Rientro a scuola, l’ultima dichiarazione della Ministra certifica l’abbandono del riformismo.

Rientro a scuola, la dichiarazione della Ministra certifica un arretramento, rispetto al suo impegno per un modello alternativo di scuola.

Rientro a scuola, la dichiarazione della Ministra

Rientro a scuola, ancora non si hanno certezze sulle modalità. Qualche giorno fa il Comitato tecnico scientifico aveva confermato alcune indicazioni ampiamente ipotizzate: distanziamento di almeno un metro, divisione in piccoli gruppi, sanificazione frequente degli ambienti, entrate e uscite scaglionate, possibilità di attivare la mensa…
Lo scenario proposto dal Cts, però poneva diversi problemi organizzativi che richiedevano un impegno straordinario da parte anche degli Enti locali.
Niente di tutto questo! Ieri la Ministra L. Azzolina ha dettato le linee programmatiche per la riapertura delle scuole. Non rappresentano un copia/incolla delle indicazioni del Cts. La Ministra ha dichiarato:  “l‘obiettivo è portare tutti a scuola in presenza. Con particolare attenzione ai più piccoli che hanno sofferto maggiormente in questo periodo”. Il documento del Cts ” potrebbe essere rivisto nelle prossime settimane, laddove i contagi fossero minori: quindi nulla ci vieta di pensare che a settembre si possa tornare nelle aule come ci siamo sempre stati. Di qui la necessità di fornire, da parte degli enti locali, una ricognizione degli spazi e la necessità di intervenire laddove necessario.” Ecco la novità: “si potrebbe compartimentare i banchi, attraverso pannelli in plexiglass al fine di garantire la sicurezza con una soluzione di facile realizzazione.

La Ministra ha abbandonato la prospettiva

Qualche riflessione. Si attendeva un annuncio bomba: abolizione delle classi pollaio e contemporanea assunzione del personale necessario per coprire la nuova configurazione educativa delle classi (U. Galimberti).
E invece la Ministra, dopo la sua nota battaglia contro il sovraffollamento delle aule (prima firma della proposta di legge abrogativa), ha deciso di ripiegare sulla  gestione dell’emergenza, rinunciando a indicare la prospettiva di un’altra scuola, devastata dalla Riforma Gelmini-Tremonti (2008-2009) e da altri  dimagrimenti. In altri termini, ha optato per mantenere la forma dell’attuale modello di scuola a danno di una ri-forma che vada oltre il presente. L’emergenza sanitaria rappresenta la condizione ideale per riformare la scuola, partendo dall’aula. Politici, giornalisti e altri non addetti ai lavori, infatti hanno preso coscienza che le classi pollaio rappresentano un problema alla riapertura delle scuole a settembre. E invece si sceglie un altro approccio.
Probabilmente Il ripiegamento della  Ministra è imposto dall’esigenza di non spendere troppo per la scuola, ripiegando su soluzioni con costi contenuti, sicuramente molto lontani da quelli richiesti per una scuola della Costituzione alleggerita dalla iattura pedagogica delle classi pollaio.
Finita l’emergenza le scuole avranno tanto materiale plastico da smaltire. Con buona pace per l’ambiente!