Rientro a settembre, il protocollo sicurezza tarda e molte scuole attendono…

Rientro a settembre

Rientro a settembre, il protocollo di sicurezza tarda. Le scuole che lo attendono senza fare nulla potrebbero trovarsi in difficoltà.

Rientro a settembre, il protocollo di sicurezza tarda. Tante sono le indiscrezioni,  le fughe di notizie. Molte soluzioni sono già conosciute. Le scuole, quindi potrebbero già ipotizzare delle soluzioni. Diversamente si rischia di arrivare a settembre…

Rientro a settembre, la task force ancora non si pronuncia

Rientro a settembre le scuole ancora non hanno il protocollo di sicurezza. Dopo un mese la task force nominata dalla Ministra ancora non ha indicato quali soluzioni adottare a settembre. Semplice individuare gli scenari. Più complesso il lavoro sulle soluzioni, dovuto alla complessità della scuola che presenta un’alta densità sociale  e diversificata (minori, genitori, babysitter, nonni…) e quindi un alto rischio  di contagio (L’INAIL ha espresso una diversa valutazione). A questo occorre aggiungere l’ampiezza delle aule inadeguate ad ospitare 25-30 alunni, la presenza e la frequentazione di palestre, mense, bagni…
Al momento abbiamo solo degli “spifferi” . A mio parere sono messi ad arte in condivisione per verificarne la fattibilità, attraverso i commenti o i post lasciati dagli operatori della scuola . Un esempio per tutti: l’idea di attuare una didattica contemporanea e mista (offline e online) con la classe, ma divisa in due gruppi.
L’ultima ipotesi si  può leggere su  ItaliaOggi ” C’è il problema della didattica: una didattica che sarà semplificata e che per gli alunni delle medie e delle superiori prevede una riduzione dell’ora di lezione da 60 a 45 minuti. Questa soluzione consentirebbe di avere più gruppi con lo stesso organico. Per l’infanzia e primaria, l’ipotesi prevalente parla di un incremento dell’organico del 10% con più docenti ma anche personale ausiliario da assumere in via straordinaria per il prossimo anno scolastico
La soluzione sembra fattibile in presenza di classi poco numerose intorno ai 20. Il problema, invece risulta poco praticabile con un numero superiore di alunni/studenti.

Più passa il tempo, più diventa complessa l’operazione per le scuole che attendono…

Si comprendono, quindi i motivi che stanno ritardando il protocollo di sicurezza per le scuole. Queste però hanno alcuni punti fermi, qualcuno confermato dal protocollo di sicurezza per gli esami di stato: frequenti sanificazioni dei locali, costituzione di piccoli gruppi, tracciamento percorsi, entrate e uscite distribuite…
Su queste ipotesi, ovviamente possono iniziare a lavorare, in accordo con il RSSP, l’ufficio tecnico dell’Ente locale.
Sicuramente sarà impossibile prevedere le specificità locali in un  un protocollo nazionale. Quindi spetterà anche al Dirigente scolastico in accordo con i soggetti  citati sopra,  individuare le diverse soluzioni entro i criteri stabiliti dal protocollo.
Ma quanti istituti hanno già avviato queste prime mosse di pianificazione? Quante scuole hanno già ipotizzato il numero degli alunni per classe? Quanti hanno ipotizzato in rete possibili orari di entrata e uscite? E cosi via.
Chi avrà iniziato questo lavoro si troverà avvantaggiato. Temo però che molte scuole stiano aspettando le soluzioni definitive da parte del gruppo tecnico. Per queste il ritardo del protocollo costituirà un problema, perché dovranno decidere bene e in tempi rapidi. E si sa che le due cose non sempre vanno d’accordo.