Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Riforma. Quando gli insegnanti parlano ( forse ), torna l’aula!


Uno dei limiti della legge 107/15 è il “dintorno”, inteso quest’ultimo come ambiente altro dall’aula. Eppure da sempre quest’ultima è il luogo naturale degli apprendimenti, delle relazioni, delle emozioni che costituiscono il “cuore della scuola”. Tutto il resto è ornamento, accessorio, sovrastruttura!
Ora leggendo il programma elettorale del M5S sulla scuola, caratterizzata dall’intenzione di smantellare la legge sulla “Buona Scuola si legge: “Diminuire il numero di alunni per classe . Diffondere il tempo pieno e le compresenze di docenti nelle classi. Ripristinare gli insegnamenti ridotti dalla “riforma Gelmini” e inserirne di nuovi. Queste indicazioni hanno avuto un certo consenso probabilmente  da parte di diverse migliaia di insegnanti.
Ovviamente tutto al momento è generico, direi fumoso, aanche se sul numero degli alunni per classe  un post di due anni fa aveva stabilito una soglia max di 20-22 alunni. Comunque è un buon inizio! E’ da sottolineare l’intenzione di superare anche le disposizioni di M. S. Gelmini ( 2009 ), quando in accordo con Tremonti, si rivolse alla scuola come a un bancomat.
Se si verificherà la “conditio sine qua non” ( governo del Paese ) e le intenzioni diverranno decisioni politiche, allora potremo affermare che l’aula  sarà tornata a far parlare di sé. Ad onore del vero, , la stessa aspettativa fu riposta nel 2013, quando Bersani promise che avrebbe superato le disposizioni della Gelmini. Gli eventi successivi – sconfitta elettorale e governo Letta e Renzi – non ci diedero la possibilità di verificare le intenzioni del segretario Bersani, sostituite da altri scenari non sottoposti al voto popolare ( ” La Buona Scuola”).