Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

A Salvini & co. manca l’aula!


“Per la scuola siamo l’unico Paese che fa tre mesi di vacanze consecutive e, se non ci sono i nonni, siamo fregati”.
La dichiarazione di Salvini conferma il trend a ridosso delle prossime vacanze estive: dare voce alle preoccupazioni dei genitori-lavoratori su chi affidare i figli! Da qui si deduce    la vera funzione della scuola, alleggerita del suo compito formativo: assistere e vigilare sugli alunni e studenti minori nell’arco di tempo durante il quale i genitori sono al lavoro!
Detto questo, sinteticamente, intendo porre l’attenzione sull’inesperienza di aula che hanno tutti questi “saggi” quando parlano di scuola.
A questi esperti di scuola “senza aula”, manca l’esperienza di quest’ambiente affollato e quindi depotenziato nel profilo formativo, dove è difficile organizzare uno spazio adeguato ed esente da pericoli potenziali  tra le pareti e i banchi degli  studenti, grazie alla presenza di 26-28 bambini/ragazzi per classe. Limite che in alcuni giorni è significativamente superato, grazie alla loro trasformazione in classi superpollaio, previste dalla legge di stabilità “renziana” ( 2015 ).
A questi “saggi” manca l’esperienza del “bombardamento acustico” che sperimentano i docenti nelle loro attività didattiche  e laboratoriali.
A questi tuttologi poco credibili manca l’esperienza dell’interazione  con i vissuti extrascolastici degli alunni e studenti che spesso condizionano il loro apprendimento, e contemporaneamente  non lasciano indifferenti gli insegnanti. A questi inesperti di aula manca la frustrazione dei risultati che non arrivano, nonostante il grande impegno messo in atto dai docenti!
Questo e altro ancora, giustifica il periodo di recupero delle energie nervose e mentali estivo dei docenti, sicuramente non così  lungo come dichiarato da Salvini. Certamente tra i docenti ci sono colleghi che lavorano al minimo sindacale. Ma questi esistono in tutte le categorie di lavoratori.
Ricordo, portandolo come esempio della distanza tra gli inesperti di aula e i docenti, spesso questo fatto. Qualche anno fa insegnavo in una quinta primaria. La classe fu coinvolta in un progetto di educazione alimentare. La dotto.ssa della Asl, incaricata di parlare ai ragazzi, spesso interrompeva la sua “conferenza”, chiedendo ai ragazzi di non parlare, perché questo la distraeva. Si trattava solo di brusii!