Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

ScuoIa. Il “se politico ” precede il “dimenticatoio”

Riporto quello che dichiaravano i tre candidati alla segreteria del PD:
Vorrei azzerare la Buona scuola e riscrivere la riforma con i docenti e i sindacati per fare in modo che la competitività dell’istruzione italiana si possa trovare nel dialogo e nella concertazione” ( M. Emiliano )
” Il mio impegno da segretario sara’ quello di prevedere ulteriori investimenti nella scuola pubblica e l’eliminazione di storture ed errori contenuti nella Buona Scuola” ( A. Orlando )
Se il 30 aprile o dopo vincerò la sfida per la segreteria, la prima iniziativa sarà dedicata alla Scuola: ho intenzione di ripartire da un tema dove il dente duole…Dobbiamo ripartire dal tema della disuguaglianza tra bambini: quando nascono i bambini in alcuni luoghi, c’è chi mi dice si può prevedere che fine fanno nove di loro su dieci. E questo non è accettabile” ( M. Renzi )
Le  dichiarazioni hanno un denominatore comune, più o meno implicito, che rimanda a una funzione logica “Se…allora“. Essa è  molto usata all’interno di Excel o Calc, conservando una certa asetticità. Se usata e abusata, invece, nelle conservazioni quotidiane o nelle dichiarazioni politiche, allora si declina in  parole vuote, finalizzate e lo capirebbe anche uno dei miei alunni. ad intercettare voti. Qualcuno replicherà, dicendo che per Orlando ed Emiliano, la condizione non si è verificata, quindi… Non sono d’accordo e l’ho anche scritto più volte: le intenzioni per me contano zero, se non sono tradotte in atti politici, quali una proposta di legge. Come dichiara spesso M. Travaglio ” le cose vanno dette dopo  che sono state tradotte in atti concreti”. Aggiungo: “Diversamente  tutto è fuffa
Da qui la mia richiesta a M. Emiliano e A. Orlando: ” Presentate una proposta di modifica della legge 107/15. La vostra mancata elezione non vi impedisce dal farlo. Se questo non avverrà, allora  avremo capito tutto!”
Altro discorso è Renzi. Ha vinto! E’ diventato segretario! Attendo ancora la sua prima iniziativa sulla scuola, in direzione di una sua maggiore inclusività.
Risultato? La scuola è rientrata nel suo “dimenticatoio”. E’ sparita dai radar dei massmedia!
Riflessione. Pessima strategia  ricordarsi della scuola solo per fini estrinseci – voto primarie. Sono convinto che se una legge sulla scuola non funziona, come la 107/15, allora occorre abolirla o quantomeno modificarla. E farlo unicamente perché si ritengono importanti le persone, e in particolare gli alunni e gli studenti. Il futuro che lo rappresentano, non è una categoria indipendente dal presente. La prospettiva è anticipata già ora. Porto avanti il solito esempio,: le classi pollaio! La legge 107/15  le ha confermate.! Se penso, che per molti alunni e studenti, questa organizzazione condizionerà pesantemente la loro formazione e quindi il loro futuro, tremo.  Qualcuno replicherà, dicendo che le classi polalio sono 7% su base nazionale. Bene, rispondo:  la scuola non deve perdere nessuno. Scriveva  D. Milani:” Se si perde loro (gli ultimi) la scuola non è più scuola. E’ un ospedale che cura i sani e respinge i malati”,  ” La scuola ha un problema solo. I ragazzi che perde” ( Lettera ad una professoressa”) E oggi grazie alle classi pollaio e superpollaio, se ne perdono tanti!