Posted in: Scuola

Scuola e contagi, L’Iss risponde a Wired.it che rimanda al Mi

Contagi e scuole
Contagi e scuole, prosegue la diatriba tra il Mi e wired.it. L’ultima risposta dell’Iss aumenta solo l’incertezza.

Scuola e contagi, finalmente abbiamo una certezza: non abbiamo certezze! L’Iss rinvia al Mi. Sorgo degli interrogativi sul  mantenimento delle scuole aperte del primo ciclo aperte. Il problema della Germania,

Scuola e contagi, l’Iss risponde a Wired.it

Scuola e contagi. Ultimo round della diatriba tra Mi e Wired.it. La responsabile dell’istruzione aveva chiosato come una cantonata i dati diffusi dal portale,  quest’ultimo aveva risposto ad ogni critica mossa dal Mi, in modo  preciso, evidenziando che il tutto è nato dagli stessi dati forniti dal Mi.
Ora ecco la risposta dell’Iss alla richiesta di fornire i dati avanzata da Wired.it: “la richiesta fa riferimento a dati del ministero della Pubblica istruzione e quindi non in nostro possesso… i dati oggetto della richiesta di accesso sono raccolti dal ministero dell’Istruzione e non a disposizione dell’Istituto superiore di sanità. Conclude il portale: “Nel frattempo abbiamo fatto un’ulteriore domanda di accesso proprio al Miur, chiedendo un aggiornamento sui contagi che preveda anche il periodo successivo al 31 ottobre e attendiamo una risposta. Sperando che questa volta i dati ricevuti non siano una “cantonata“.

La risposta aumenta l’insicurezza

Ovviamente la risposta dell’Iss non tranquillizza. Aumenta l’insicurezza nelle persone che seguono con maggiore attenzione la questione. La vicenda ricorda quella della scorsa estate che vedeva l’inps e il Garante per la privacy battibeccare, rinviando alla controparte ogni responsabilità sullo stallo che riguardava la decisione di diffondere i dati dei parlamentari che avevano utilizzato il bonus Covid.
Tornando però al tema di questo contributo il risultato è disarmante: una grande confusione regna sotto il cielo! Da una parte la Ministra sconfessa i dati che il Mi ha fornito a Wired, dall’altra il l’Iss ” ha inviato una propria posizione a Wired confermando che il Ministero dell’Istruzione ha sempre trasmesso i dati e che la risposta del ricercatore si riferiva al fatto che i dati sono di proprietà del Ministero quindi loro non potevano trasmetterli in quanto non proprietari del dato che andava per questo chiesto, come peraltro Wired ha fatto, al Ministero stesso” (Fonte Ministeriale interpellata da OrizzonteScuola). Quindi si torna al punto di partenza (Mi), dopo che La Ministra Azzolina ha affermato che solo l’Iss poteva trattare i dati per individuare i contagi.

Tanta l’incertezza sulla scuola

A questo punto l’incertezza circonda i dati, favorendo i seguenti interrogativi: che cosa ha giustificato la decisione del governo nel mantenere aperte le scuole del primo grado? Esistono dei numeri che supportano l’affermazione: le scuole sono sicure?
Purtroppo non esiste un’unica risposta alla singola domanda. Molti i distinguo, le dichiarazioni prive del supporto di studi o ricerche. La difformità delle posizioni degli esperti è un dato di fatto, così come le decisioni delle diverse regioni e Paesi. L’ultimo esempio è la Germania che ha deciso di chiudere tutto, comprese le scuole. La decisione ha messo in difficoltà la posizione di chi invece crede nella sicurezza delle scuole, aumentando la confusione tra il personale scolastico e l’utenza. E questo sicuramente preoccupa.