Posted in: Scuole, Tutti gli articoli

Scuola e contagi, Wired.it risponde alla Ministra. Resta il quesito più importante

Contagi e scuola
Contagi e scuola, lo scontro si fa duro tra L. Azzolina e Wired.it. Resta il quesito.

Scuola e contagi, Wired.it replica alle accuse della Ministra. Resta il quesito: le scuole sono sicure? Prima però occorre avere una risposta sui contagi interni alle scuole. Alcune considerazioni

Scuola e contagi, Wired.it e la pubblicazione dei contagi

Scuola e contagi. Prosegue la contrapposizione tra il Mi e nello specifico tra L. Azzolina e Wired.it.
Breve sintesi.
Il 3 dicembre la testata online, rompendo il silenzio sui dati ufficiali da parte del Mi (L’ultimo rilevemanento sui contagi è del 10 ottobre), pubblica il seguente post:”  una richiesta Foia al ministero dell’Istruzione ha permesso al nostro giornale di scoprire che, stando ai dati del Miur, al 31 ottobre scorso erano 64.980 i casi riportati di contagio da coronavirus nelle scuole elementari, medie e superiori del paese”
Interessante la parte del post dove attraverso una elaborazione è proposto “un indicatore, mettendo in rapporto l’incidenza all’interno delle scuole con quella che si registra nella popolazione generale”
Tralasciamo i due articoli di F. Bechis su “Il Tempo” (5 e 6 dicembre)  che  si lascia andare a commenti sull’operato della Ministra (“nascondere i dati“).  La replica della MInistra non  si è fatta attendere. Avviene attraverso un post sulla pagina Fb: “la raccolta dei dati sui contagi è competenza delle autorità sanitarie. Ma il Ministero dell’Istruzione, tra le tante cose fatte per la ripartenza, ha comunque deciso di avviare un monitoraggio interno, attraverso i dirigenti scolastici che ringrazio. Monitoraggio che, tra l’altro, si è rivelato fondamentale per le autorità sanitarie nel momento in cui in alcuni territori c’è stata una difficoltà crescente di alcune Asl ad archiviare e comunicare i numeri sui contagi” Stessi concetti ribaditi poi a L’aria che tira, domenica ( 6 dicembre) con un’importante integrazione “A fine ottobre avevamo 25mila contagi, lo 0,40%”

La prima replica di Wired.it

Occorre dire che l’intervento  della Ministra a “L’aria che tira” è un monologo senza la presenza della controparte. Avrei preferito un  confronto tra L.Azzolina e i responsabili di Wired.it.
Comunque non si fa attendere la controreplica con due post datati 9 dicembre. Nel primo è posto il problema di una Ministra che contesta gli stessi dati forniti dal Mi al portale, evidenziando tra l’altro il silenzio dopo il 10 Ottobre. ” Prima annunciano la raccolta dei dati sui contagi scolastici e comunicano qualche numero, poi passano tutto in mano agli scienziati, che però non sembrano usarli. E infine, una volta che un giornale come Wired li rende pubblici su richiesta, ne contestano la veridicità. Ecco la strategia ondivaga del ministero dell’Istruzione”

La risposta ai tre quesiti

Nel secondo post, si parte dalla perplessità riguardante il Mi di contestare i  suoi stessi dati. Si , prosegue, rispondendo a tre quesiti che danno il titolo ad altrettanti paragrafi: nascondere i dati? Un’analisi parziale? Numeri parziali? La prima risposta è semplice: “Affermazione mai comparsa su queste colonne.
Sul secondo quesito la risposta è più articolata “i dati sono stati forniti su base comunale e riguardano 2.546 comuni sugli oltre 6.700 sul cui territorio ha sede una scuola. Non sapendo se negli altri comuni non ci fossero dati o non ci fossero contagi, Wired ha preso in considerazione questa seconda ipotesi, ovvero che le segnalazioni fossero pari a zero. Scrive pertanto Wired.it che l’incidenza dei contagi è stato fatta sul totale dei comuni, risultando quindi inferiore la percentuale, rispetto a quella calcolata (maggiore), se si fosse tenuto presente solo i comuni contagiati.
Per quanto riguarda il terzo quesito, la risposta di Wired.it è supportata anche da due documenti. Il primo fa riferimento al questionario che i D.S.(Nota rilevazione Covid) compilano settimanalmente; il secondo invece è la lettera di accompagno a firma di G. Barbieri (direttore generale di diversi uffici del Miur, e laureata  con 110/110 in Scienze statistiche ed economiche all’università Sapienza di Roma.) dove si certifica che i dati inviati a Wired corrispondono al numero dei contagi al 31 ottobre. Wired.it conclude: “La nostra richiesta faceva riferimento al totale dei nuovi casi della settimana, per dirla con la locuzione ministeriale. Quindi, delle due l’una: o il totale dei contagi nelle scuole al 30 ottobre è pari a 64.980, come scritto da Wired, oppure è il Miur che ci ha fornito undato non corretto, confondendo cioè il totale dei positivi (l’informazione richiesta) con il totale degli attualmente positivi. Un’ottima strategia per rassicurare l’opinione pubblica.”

Resta però il quesito più importante

Chi ha ragione? Difficile dirlo. Mi astengo da qualunque giudizio, cercando di evitare l’effetto alone negativo che in questo momento sta circondando la Ministra L. Azzolina. Si è trovata a gestire una situazione senza precedenti. Si è molto impegnata a riaprire le scuole. In parte ha favorito questa riapertura. Non tutto dipendeva dalla sua azione (v. trasporti). Ha sicuramente commesso degli errori.
Detto questo rimane il quesito  che al momento non ha una risposta: qual è l’incidenza diretta delle scuole sui contagi? In altri termini: quanti sono i contagi che hanno origine nelle scuole?
Quindi affermare che le scuole sono sicure (L. Azzolina), a mio parere è un azzardo, in quanto manca il supporto dei dati. Come ha dichiarato E. Bucci (studioso) al momento la scuola non può essere considerata un’isola felice, più sicura rispetto al contesto sociale.