Posted in: Scuola

Scuola e Covid, il Cts risponde sui fogli, quaderni…

 

Scuola e Covid
Scuola e Covid, risolta dal Cts la questione dei quaderni e fogli.

Scuola e Covid, Il Cts mette fine alla questione inerente la possibilità di toccare fogli e quaderni. Posizione anticipata dalla virologa Antonella Viola e  dall’epidemiologo Pier Luigi Lopalco. Il Cts Poteva pensarci prima!

Scuola e Covid, stiamo vivendo male!

Scuola e Covid, la convivenza durerà per alcuni mesi. Si spera perché la percezione è che siamo bloccati, impauriti e smarriti. Quel poco di futuro che era rimasto dopo il tramonto delle grandi narrazioni (socialismo e cristianesimo), è tramontato. Viviamo in un presente asfissiante e confuso.
Nelle scuole molto di questo si traduce in un’anarchia di regole, che governa questo inizio di anno scolastico. E’ il caso dei fogli e quaderni. Gli insegnanti possono toccarli per correggere compiti e verifiche! Un mese fa il portale OrizzonteScuola registrava questa situazione: ” All’istituto superiore “Galilei” di Bolzano, segnala l’edizione trentina del Corriere della Sera, invece, i compiti in classe finiranno in uno scatolone per una quarantena di 48 ore, poi verranno corretti dai docenti. Altri due giorni di quarantena prima di finire nelle mani dei ragazzi.Anche al Liceo “Mario Cutelli” di Catania è prevista la stessa procedura (sanificazione degli armadietti e custodia per 72 ore dei compiti in classe), mentre al Liceo “Gulli e Pennisi” di Acireale, in provincia di Catania, è stata proposta la stessa cosa e sarà al vaglio del Collegio Docenti.”

Almeno una questione è chiarita

Dopo quasi un mese il Cts ha posto fine alla babele delle procedure sui fogli e quaderni. Si legge sul sito del Mi  la seguente risposta “Il Comitato Tecnico Scientifico non ha mai previsto l’utilizzo dello spray (o gel) idroalcolico nella gestione del materiale cartaceo o didattico, che può essere maneggiato tranquillamente, anche senza l’uso di guanti. Il Comitato Tecnico Scientifico, rispondendo ad un quesito del Ministero dell’Istruzione, ha ribadito che è sufficiente il rispetto delle misure generali di comportamento per il contenimento del contagio da SARS-CoV-2, in particolare la frequente igienizzazione delle mani.”
Questa posizione era stata anticipata da Antonella Viola (virologa) e da Pier Luigi  Lopalco (epidemiologo). La prima aveva dichiarato circa un mese fa: “Non possiamo avere penne e pennarelli in condivisione, ogni studente deve usare i propri,ma questo non significa che il docente non possa toccare i compiti o i quaderni…Il rischio di contagio da oggetti è basso: se fosse diversamente, non ci potremmo scambiare denaro, documenti, andare al supermercato…”
Pier Lugi Lopalco, aggiunge che la carta non è impermeabile. Quindi le goccioline di saliva che emettiamo sono assorbite in pochissimo tempo e con esse anche l’eventuale virus.

Conseguenze per le scuole

L’indicazione del Cts ha delle conseguenze per le scuole che hanno adottato una linea di condotta dettata da una prudenza eccessiva. Saranno costrette ad aggiornare questo aspetto,  per evitare di incorrere in contestazioni da parte di alcuni genitori. Questi avrebbero buon gioco, ad esempio in una seduta del Consiglio di istituto, favorendo una contrapposizione tra scuola e famiglie, inopportuna in questo momento.
Certo il Cts non brilla di tempistica. La conferma proviene anche da una recente dichiarazione della citata Antonella Viola: “Cosa aspetta il Comitato tecnico scientifico (Cts) ad approvare l’uso dei test salivari? E perché il ministro della Salute non si impone perché possano essere utilizzati?