2 Marzo 2021

Scuola e varianti, il metro buccale non è più efficace

By Gianfranco
Scuola e varianti

Scuola e varianti, lo scudo Azzolina non è più efficace. Occorre aggiornarlo.

Scuola e varianti. La distanza buccale non funziona più. Occorre aggiornare i protocolli di sicurezza e pensare al prossimo anno, eliminando le classi pollaio

Scuola e varianti, aggiornata la distanza interpersonale di sicurezza

Scuola e varianti. Tutto si è complicato. Il protocollo di sicurezza elaborato a livello nazionale (giugno 2020) che prevedeva il metro buccale pare non essere più efficace. La variante inglese del Covid-19 di origine cinese ha imparato la lezione. Per continuare ad essere efficace deve alzare l’asticella! In altri termini, a scuola il metro buccale con mascherina  non garantisce più la protezione! A dirlo è M. Galli (infettivologo): “Un 37 o 40% in più di capacità di trasmissione vuol dire che il virus va anche più lontano del solito metro e mezzo” (Agorà). Un ulteriore conferma proviene G. Buonanno, professore di Fisica tecnica ambientale (Università di Cassino) : in presenza di varianti “la distanza di sicurezza (oltre la quale siamo al sicuro) riguarda solamente i droplets, le goccioline grandi e non cambia al variare dell’agente infettivo. Un metro e mezzo di distanza è sufficiente” (Corriere della Sera, 2 marzo)

Il protocollo sicurezza di giugno è inadeguato

Il protocollo di sicurezza elaborato a giugno e basato sul Covid-19 cinese non è più sicuro. Questo che ho chiamato “scudo Azzolina” si basava sul metro buccale, sulla dotazione di mascherine chirurgiche…  Occorre un aggiornamento nazionale e a cascata a livello di scuole. Temo che non ci sia più tempo per adeguare questo elemento e questo mi porta a pensare che un lockdown che coinvolga la scuola  enon solo sia necessario, in modo da favorire la vaccinazione.
In prospettiva occorre che la politica e a discendere l’Amministrazione rivedano i criteri per la richiesta dell’organico di diritto per l’anno scolastico 2021-22. Questi sono ancora basati sul D.P.R.81/09 che ha formalizzato la iattura pedagogica delle classi pollaio. Occorre una decisione strategica che anticipi le mosse del virus per il prossimo anno, che ovviamente proverà con altre varianti a darci scacco. Sarebbe una decisione saggia, invece di attendere e quindi rincorrere il Covid-19.