Scuola, in attesa dei fatti, alcune proposte

Scuola

In attesa dei primi atti concreti, ecco alcune proposte

Scuola, in attesa di valutare il governo dai primi atti concreti ( sottosegretari, indirizzo programmatico), ritengo utile proporre i seguenti punti ( mi auguro diventino atti normativi)

Le proposte 

1) abolizione delle classi pollaio e superpollaio in nome di un diritto allo studio sostanziale e non solo formale;
2) ripristino del tempo pieno e delle compresenze nelle scuole primarie;
3) pensione con quota 100. Non è possibile avere in classe insegnanti-nonni esposti tra l’altro al burnout;
4) impiego degli insegnanti vicini a quota 100 in mansioni indirettamente collegati alla classe ( supporto ai nuovi assunti, formazione, Figure strumentali, Animatore Digitale,  Referente cyberbullismo. componente della commissione Pon…)
5) istituzione del tecnico di laboratorio nei comprensivi, come previsto dal PNSD;
6) elezione del Dirigente Scolastico da parte dei docenti;
7) maggiore possibilità di bocciare fin dalla scuola primaria, se questa può risultare utile al ragazzo:
8) cancellazione delle prove Invalsi, che hanno dimostrato la loro scarsa aderenza con la didattica quotidiana;
9) abrogazione della legge 107/15 ( alternanza scuola/lavoro, bonus merito, chiamata diretta…);
10) anno sabbatico ogni dieci anni con percorso formativo certificato da esami.
Potrei continuare, ma mi fermo qui

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.