I dati sconfortanti sull' adesione allo sciopero
30 Novembre 2021

Scuola, la strategia tutta da capire del sindacato

By Gianfranco

Scuola. E’ stato proclamato lo sciopero. Le ragioni ci sono tutte. E’ difficile comprendere, però la strategia del sindacato.

Scuola, proclamato lo sciopero

Scuola. Il 10 dicembre è chiamata a far sentire la sua voce al Governo. A parole, quest’ultimo valorizza la scuola. I fatti, però smentiscono gli annunci. Scrive F. SinopoliDopo due drammatici anni di pandemia è diventato chiaro a tutte e a tutti quanto la scuola sia indispensabile per il nostro presente e il nostro futuro, quanto essa sia importante nella vita di ogni giorno per le studentesse e gli studenti…Tuttavia, fin dai giorni successivi alla sottoscrizione, abbiamo avuto l’impressione di trovarci di fronte ad un Governo per il quale gli impegni, pur sottoscritti formalmente, vengono poi sconfessati nei fatti e nella sostanza. Anzi, abbiamo percepito il progressivo ritorno di tutto l’armamentario ideologico sulla scuola codificato nell’immaginario collettivo dalla propaganda degli ultimi 20 anni che, partendo dalla Moratti e passando dalla stagione dei tagli Gelmini/Tremonti, approda poi alla Legge 107.”
Tutto è condivisibile. La scuola è tornata ad essere irrilevante. Condizione non assimilabile a quella berlusconiana, quando con i suddetti Ministri l’Istituzione fu percepita come un bancomat, prelevando otto miliardi di € (Riforma Gelmini), attuando storicamente l’attacco più duro verso il sistema-scuola. Prendendo a prestito il linguaggio dai videogame: siamo saliti di livello!

Dal sindacato attendiamo tre risposte

Ogni sciopero è finalizzato a conseguire degli obiettivi. Quando questi erano chiari, allora la mobilitazione ha avuto successo. In questo caso non riesco a vederli. Attendo delle risposte su tre aspetti.
Il primo l’ho espresso qualche giorno fa, dopo aver letto l’intervista di F. Sinopoli a tecnicadellascuola.it. Alla domanda di un impegno del sindacato a superare la normativa vigente il segretario della Flc-Cgil risponde:”Le regole che richiamavano il tasso di inflazione programmata poste alla base per il rinnovo dei contratti nel settore pubblico sono venute meno da molti anni. Solo l’indennità di vacanza contrattuale viene calcolata sulla base di quel parametro. Ciò vuol dire che i riferimenti al tasso di inflazione programmata non sono più attuali. Le risorse vengono stanziate sulla base di una decisione puramente politica“.
A mio parere F. Sinopoli ha confermato quello che intendeva negare. Ho scritto:”La dichiarazione ha il merito di chiarire il pensiero del sindacato. Sono persuasi che le risorse stanziate per i contratti non dipendano dal D.Lvo 29/93, bensì da decisioni politiche. Purtroppo la dichiarazione senza volerlo, conferma l’attualità del D. Lvo 29/93. Infatti l’inflazione programmata non deriva da un ragionamento economico, bensì da una decisione politica che poi diventa finanziaria con lo stanziamento delle risorse corrispondenti.”
A questo aggiungo che non comprendo la critica del sindacato per le esigue risorse destinate al contratto 2019-21. Ha dichiarato, infatti M. Pacifico (Anief): “il mancato stanziamento di risorse in misura sufficiente, con il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto Istruzione e Ricerca, non garantisce aumenti stipendiali che consentano il recupero del potere di acquisto delle retribuzioni del personale scolastico, eroso negli ultimi 12 anni dall’aumento del tasso di inflazione Per il contratto 2019-21 i fondi sono stati già stanziati (Leggi Bilancio 2019-21). Quindi il capitolo è chiuso!  
L’ultimo aspetto è stato esplicitato dalla Senatrice Bianca Laura Granato. Si legge su Orizzontescuola.itQuando mai uno sciopero si proclama dopo l’uscita della legge di Bilancio? A che serve adesso una protesta quando i giochi sono già fatti? Per le vostre richieste ci sarebbe voluto uno stanziamento di almeno 2 mld in più! Pensate che li concederanno attraverso un emendamento? Con tutto il rispetto, questo vostro modo di procedere non farà altro che esporvi ad una clamorosa disfatta che distruggerà non solo voi, ma il ruolo stesso del sindacato. E questo sarà un danno incommensurabile per la società. Ovviamente sosterrò queste richieste, nella certezza dell’assenza di speranza che trovino accoglimento”
Concludo, occorrono delle risposte ai dubbi per caricare di senso una giornata di mobilitazione, espressione di una scuola tornata irrilevante per la società!