Scuola, le chiacchiere stanno a zero, attendiamo i fatti

Scuola

Scuola, Marco Bussetti è già nel mirino delle chiacchiere. Attendiamo i fatti!

Scuola, il governo è appena nato! Sui social già girano post di delusione per le riforme mancate. Molto sospetti questi interventi. Attendiamo i fatti.

Scuola, andiamo oltre

Il governo Lega-M5S ha un solo giorno di vita. E con un sorprendente tempismo si possono leggere post di probabili elettori del Pd, che gridano alla delusione per le riforme mancate. Non è  presto? Dimenticano questi autori che la nostra è una Repubblica Parlamentare. Quindi tutti i provvedimenti dovranno passare al vaglio delle due Camere, rispettando le procedure.
Scrive L Tassella:  “a me non interessa il tiro al piccione , iniziato da ieri su questo gruppo sul nuovo governo il quale ha appena firmato e non ha ancora ottenuto la fiducia dal Parlamento. Non mi interessa il gossip politico su questo o quel ministro. Non mi interessano altresì le esternazioni di fedi politiche, partitiche, o i lamenti quelle di fan delusi. Non mi interessano neppure le previsioni e le predizioni di imminenti catastrofi politiche. Non mi interessa la propaganda di elettori del PD o di altri partiti che vengono a esibirsi con i loro post. Io per quanto riguarda la scuola e gli insegnanti che é lo specifico di questo gruppo terrò su questo gruppo la seguente linea… Resterò sempre legato ai fatti, agli atti del ministro Bussetti che verificherò se sono congruenti o meno con il contratto di governo. E giudicherò criticamente questi atti, queste azioni di governo, senza remore, senza sconti come ho fatto con il precedente governo.

Quindi attendiamo i fatti

Per formazione culturale e scientifica esalto i fatti, gli atti concreti. Le parole, le chiacchiere da bar, contano zero.
L’approccio di L. Tassella sarà, dunque anche il mio.
Non occorrerà attendere molto. Nei prossimi giorni il Ministro Bussetti indicherà i sottosegretari e presenterà il suo indirizzo programmatico. Già da questi due atti, soprattutto dal secondo, sarà risolta qualche perplessità. Capiremo la differenza, ad esempio tra abrograzione e superamento della Legge 107/15; comprenderemo il motivo che ha spinto il M5S a cedere il Miur alla Lega; sarà chiarito il rapporto tra questo governo e le sciagurate riforme berlusconiane ( classi pollaio, abolizione del tempo pieno e delle compresenze); saranno svelati gli scenari generali ( ad esempio il contratto 2019-21).
Per ora auguro un buon lavoro al Ministro Bussetti e al suo staff, rimanendo libero nella valutazione dei provvedimenti.

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.