Scuola, riprendono le avances della politica

Scuola

La scuola risorge dal “dimenticatoio”, grazie ai muovi annunci della politica.. Sarà la volta buona che vedremo qualche fatto?

Scuola, con la caduta del governo la scuola torna a far parlare di sé. Sia il M5s, sia il Pd tentano di riprendersi l’elettorato della scuola. Ci Riusciranno? Personalmente attendo i fatti.

Scuola, le nuove promesse

Scuola, ritorna quasi al centro del dibattito politico. E’ sicuramente un bene. Il nostro Paese e con esso intendo la componente politica e quella civile stenta a capire la centralità del sistema formativo per la realizzazione del suo futuro. Resta fortemente condizionato dal “qui e ora” che gli impedisce di considerare la prospettiva come prevalente, rispetto al presente rassicurante, ma senza finestre.
Scendiamo di livello e partiamo dall”On. Luigi Di Maio. L’altro giorno presentando i dieci punti programmativi del M5s ha parlato anche di “scuola come bene comune. Serve prima di ogni altra cosa una legge contro le classi pollaio e valorizzare la funzione dei docenti.”
Ovviamente la contromossa del Pd non si è fatta attendere. In alcune parti più dettagliata. Non sono citate, però le classi pollaio (pessima impressione).
L’operazione è condotta dalla responsabile scuola l’On. C. Sgambato. Ha dichiarato:”La nostra principale proposta – ci spiega oggi – riguarderà l’azzeramento dei costi dell’istruzione a tutte le famiglie italiane con redditi medio-bassi. Per questi genitori, dall’asilo nido all’Università, vogliamo azzerare completamente il costo della formazione”. Propone inoltre di stanziare risorse per l’aumento degli stipendi dei docenti fino a 2.150 euro netti l’anno: “Per riavvicinarci al mondo dei docenti – chiarisce – dobbiamo riconoscere il loro valore e il primo passo è un adeguato stipendio
Con quali risorse? C. Sgambato risponde”“Intanto se andremo al governo cambierà il paradigma. Le risorse a disposizione le destineremo per la scuola e i giovani e non per abbassare le tasse ai più ricchi o finanziare quota 100. Per realizzare il nostro progetto, bisogna investire.”

Dobbiamo crederci o possiamo soprassedere? 

Questa è la situazione. Finora sono parole! Attendiamo i fatti.
Sicuramente gli annunci, se realizzati, costano e non poco.
Il superamento delle classi pollaio, che ha trovato l’opposizione della Lega,  ha un costo certo! Si può leggere nella proposta di legge a prima firma di L. Azzolina (M5s), che per il primo anno di attuazione serviranno 338.500.000 € , per il secondo anno  1.715.100.000 euro e infine per il terzo anno  2.130.000.000 di euro.
Per portare lo stipendio di tutti i docenti fino a 2150 netti occorreranno sicuramente  diversi miliardi di €. A questo occorre aggiungere anche che per conseguire l’obiettivo (difficilmente realizzabile) è necessario sganciare il contratto della scuola dal comparto pubblico, governato dal D.lvo 29/93 che impedisce aumenti superiori al tasso d’inflazione programmato. Il rischio però è creare l’effetto a cascata. Difficilmente, infatti, gli altri comparti del pubblico impiego accetterebbero la nuova situazione con il rischio di far saltare il banco. 
Quindi passare dagli annunci ai fatti non sarà facile. Attendiamo, senza però crederci troppo.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.