Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Scuole aperte d’estate. Dichiarazione, dopo dichiarazione e…


“L’apertura delle scuole d’ estate – ha dichiarato la ministra – è un tema serio e bisogna saperlo affrontare. Innanzitutto è uno strumento, prima ancora che per le esigenze delle famiglie, per offrire agli studenti opportunità con possibilità di conoscenza che non sono dentro la fase dell’anno scolastico… serve anche nelle realtà con maggiore dispersione scolastica – ha concluso – per offrire ai ragazzi alternative ulteriori a quelle di cui dispongono. Ci saranno sport, cinema, teatro”( 17 giugno 2017)
Il Ministro torna a parlare di scuole aperte in estate . Troppo!
Ora è il caso di passare al progetto, che deve comprendere  anche i soggetti o le associazioni da coinvolgere e i relativi oneri finanziari. Questa è la procedura per dare concretezza al criterio di serietà annunciato dal Ministro.
A mio parere non ci sono i tempi per far partire i diversi progetti, ( penso alla pubblicazione dei bandi, all’apertura delle buste, all’individuazione della associazione aggiudicatrice…),  a meno che non si faccia riferimento a quelli realizzati dal Ministro Giannini, che se non sbaglio prevedeva anche il coinvolgimento degli insegnanti. In quest’ultimo caso i tempi si ridurrebbero, non risolvendo però il problema dei tempi ristrettissimi!
“Il fiume di parole” conferma un atteggiamento caratterizzato da dichiarazioni, improvvisazione e annuncite che proseguono tutta l’estate, esauriendosi con l’inizio del nuovo anno scolastico. Risultato: chiacchiere sotto l’ombrellone!
C’è un rischio, però, coincidente con il rinnovo contrattuale: l’inserimento del progetto ” Scuole aperte d’estate” con il coinvolgimento degli insegnanti in servizio in strutture bollenti e invivibili come gli edifici scolastici nella maggior parte delle città!