Sequestro bus, gli insegnanti trasparenti e dimenticati

 

Sequestro bus

Sequestro bus, i ragazzi e le forze dell’ordine sono giustamente lodati. E gli insegnanti?

Il sequestro del bus da parte del senegalese. Giustamente lodati lo studente, le forze di polizia e in genere tutti i ragazzi.  Si dimenticano, però gli insegnanti. Anche il  Ministro Bussetti non è da meno.  Al solito siamo trasparenti, se non quando…

Sequestro bus, lodi e ringraziamenti

Sequestro del bus. La vicenda sta occupando le prime dei giornali. Giustamente vengono lodati il ragazzo che si è liberato delle fascette e ha avvisato i carabinieri, le forze dell’ordine e in genere tutti i ragazzi. Niente da eccepire.

E gli insegnanti?

Mancano all’appello i due insegnanti e la collaboratrice scolastica. Da molti resoconti, sembra che i ragazzi fossero senza custodia. Impossibile!
E allora? Perché questo silenzio?
Semplicemente non siamo mediaticamente interessanti. Come la scuola! Salvo nei casi di maltrattamenti e in quelli dove subiamo violenze verbali e/o fisiche. Soprattutto l’ultima notizia ha vita breve, brevissima!  In altre parole, contiamo zero!
Nella suddetta vicenda, il lavoro compiuto dal personale scolastico è risultato importante. Innanzitutto il trucco dello fascette, che ha enormemente facilitato la chiamata del ragazzo e la fuga di tutti gli altri. Si legge nei resoconti dei giornalisti più sensibili: “i professori, come spiegheranno poi a pm e carabinieri, legano i polsi dei bambini, ma riescono a mettere in atto uno stratagemma che salva la vita a tutti: ai bambini seduti nelle prime file, sotto lo sguardo dell’autista – che pretende che uno degli studenti si sieda accanto a lui -, stringono le fascette, lasciandole invece più larghe ai bambini seduti in fondo.
A questo aggiungo il lavoro di supporto psicologico degli insegnanti sui ragazzi. Già non rilevato quotidianamente! Quindi non stupisce che nelle situazioni straordinarie sfugga ai radar della grande stampa!
Anche il Ministro Bussetti dimentica gli insegnanti. Si legge nella sua pagina Fb: “L’episodio di San Donato Milanese è gravissimo e inquietante. Voglio esprimere la mia vicinanza ai ragazzi coinvolti e alle loro famiglie e un profondo ringraziamento alle Forze dell’Ordine che sono tempestivamente intervenute arrestando il colpevole. Ho attivato il Ministero e uno dei miei consiglieri per portare subito il massimo supporto.”
E poi qualcuno si meraviglia del perché molti docenti hanno approfittato della quota 100 per salutare la scuola!

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Scuola, Tutti gli articoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.