Posted in: Tutti gli articoli

Sindacati con “un pugno di mosche”?

Sindacati confederali
Sindacati o governo con un “pugno di mosche”? Lo sapremo presto.


I sindacati  non lo ammetteranno mai. Il governo si sta avviando a firmare  un contratto molto vantaggioso. Da qui la fretta di chiuderlo e sbandierarlo come un grande risultato. E i sindacati firmatari dell’accordo del 30 novembre 2016? Con  ” un pugno di mosche”, a meno che…

Sindacati confederali, leggete questa dichiarazione

I sindacati hanno davanti a sé un brutto scenario. Si legge sul portale di tecnicadelalscuola.it questa dichiarazione di Di Meglio:
Lo scenario che si prospetta – aggiunge il coordinatore nazionale Rino Di Meglio – è avvilente, considerata l’insufficienza delle risorse anche rispetto agli 85 euro lordi stanziati in base all’accordo del 30 novembre scorso siglato dagli altri sindacati e dal Governo… “ha ignorato la richiesta di far confluire nella contrattazione le somme già stanziate nella legge 107/2015 per il bonus del merito e la carta del docente”.
riteniamo che la riforma Madia abbia sbarrato la strada alla richiesta di ricondurre al contratto le materie attinenti all’organizzazione del lavoro: il massimo spazio che viene lasciato, infatti, è quello di vuote correzioni lessicali, tipo usare la parola ‘confronto’ al posto di ‘contrattazione’. Accontentarsi di simili ‘premi di consolazione’  sarebbe offensivo nei confronti delle migliaia di insegnanti che da dieci anni aspettano il rinnovo del contratto”

Considerazione facile. facile

Cosa dire? Se questo scenario si concretizzerà, i sindacati firmatari l’acccordo del 30 novembre 2016 – e non solo loro- ne usciranno male. Anzi malissimo!
Cosa rimane? Capire quale modello di dichiarazione utilizzeranno per nascondere l’assenza di vantaggi per chi rappresentano. Sarà difficile far leva sugli aspetti emotivi che caratterizza la post-verità. Sarà impegnativo  nascondere la realtà di un’elemosina, confermando la tendenza postmoderna di una riduzione dei diritti alla giusta retribuzione (art. 26 Costituzione), a vantaggio di una dilatazione dei doveri e del lavoro gratuito.
Questo scenario non è un destino già scritto. E’ possibile evitarlo! Occorre però un forte gesto di discontinuità del sindacato. Uno strappo! Mi riferisco all’ipotesi di un sindacato con la “schiena dritta” che si alza dal tavolo della trattativa e saluta il governo senza firmare nulla! Ne saranno capaci? A breve la risposta.
Se faranno questo, allora si avrà un clamoroso ribaltamento dei ruoli. Sarà il governo a rimanere con  ” un pugno di mosche “. Traduzione: Il Nulla. La filosofia contemporanea da Heidegger a  Severino ha definito che questa realtà si riferisce a un “é”. Quindi a una condizione ben definita, visibile che deve essere  “nascosta”  in una competizione elettorale.