Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

Slurp: dizionario delle lingue italiane

Travaglio_Slurpfascetta

Da qualche anno seguo con un certo interesse l’attività giornalistica di Marco Travaglio. Non nascondo di nutrire nei suoi confronti una certa ammirazione. Questo sentimento si basa sul suo impegno a far emergere i fatti, a mettere al centro la parola. Queste due realtà che spesso diventano un unicum sono spesso nascoste, alterate  o non adeguatamente valorizzate.
L’ultimo lavoro del giornalista torinese conferma questo taglio: dare importanza alle parole, ai discorsi, interrompendo il vizio non solo italiano di declassare il pensiero esplicitato a puro riempimento, a chiacchiera senza alcuna conseguenza per chi lo manifesta.
Da qui ne deriva uno spaccato di “parole al vento”, spesso dette per compiacere, ma che hanno un denominatore comune: servire, ossequiare il potente di turno. Ecco spiegati i siparietti, le dichiarazioni molto simili a quelle “fissate” nella storia attraverso l’Istituto Luce.
Il lavoro non ha indice, ma presenta  in quattrocentotrenta pagine tutto il peggio di quello che politici, imprenditori, giornalisti, hanno scritto o dichiarato con l’unico intento, spesso , di esistere o sopravvivere  nell’Italia dove spesso quello  che conta non è il merito, ma la capacità di ” sentire il vento” adeguando l’  esistenza alla sua direzione.