Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

T. De Mauro: La “vuota” Scuola!


Chi è dentro la scuola, ha conosciuto il valore culturale, pedagogico di T. De Mauro. E’ stato probabilmente l’ultimo vero Ministro dell’Istruzione!
Bene, in questa intervista, l’ultima prima della sua scomparsa, il linguista boccia senza “se” e “ma” la “Buona Scuola”. Potrebbe essere ribattezzata come la ” Vuota Scuola“. Per inciso, M. Tiriticco è più benevolo definendola con l’aggettivo “Inventata“, rivelandone il carattere di estraneità alla sua storia. Tornando però T. De Mauro l’aggettivo “vuoto” rimanda al concetto di assenza, di Nulla che è cosa ben diversa dalla pochezza – qui esiste una realtà minima.   Dichiara il Prof. emerito ” con quali risorse? tempi?”.  Io aggiungo: risorse poche! Molto impegno dei docenti  è scoperto ( v. compenso per il merito ) o gli eventuali riconoscimenti economici sono demandati alle singole istituzioni – V. Animatori digitali. Alcune figure, inoltre, difficilmente  vedranno  la luce per mancanza di risorse finanziarie – l’azione #27 del PNSD prevede il tecnico informatico di laboratorio per la scuola primaria, secondaria di primo grado. Non esiste, infine, il progetto, la prospettiva. Dove si vuole arrivare? Qual è il profilo di uscita dello studente?
Alla domanda “Basta un riconoscimento di 60 euro per motivare i nostri professori?, T. De Mauro risponde«Da ministro feci avere un aumento di 100 euro. L’Ocse dice che c’è una relazione tra retribuzione economica e produttività. Il deprezzamento finanziario attrae solo santi missionari” Alcuni esempi: l’Animatore digitale, il team d’innovazione e i commissari per il concorso-scuola. Per il momento la lista si conclude con i  formatori del piano nazionale di aggiornamento, ai quali è stato proposto un compenso irrispettoso  “fino a 41,82 lordo a ora”. La cifra fa riferimento a un Decreto del 1995. Senza parole!
Infine il Prof. emerito attacca la fretta renziana, identificata con la velocità. La prima è senza prospettiva, senza una meta, la seconda invece ipotizza un traguardo. Stesso distinguo è espresso dal filosofo marxiano e gramsciano D. Fusaro in ” Futuro è nostro”.
Concludendo, una solenne bocciatura di una Riforma, poco di sinistra – nonostante il continuo uso del termine da parte di Renzi. La legge 107/15 è aggiornamento del progetto Aprea,  Dirigente Scolastico e deputato di FI . Scriveva il filosofo marxista della speranza E. Bloch: ” Per far passare le riforme della destra, è sufficiente dipingerle con il colore della sinistra: il rosso!”
Un esempio di questo “continuismo” tra la destra berlusconiana e quella di Renzi è la conferma delle classi pollaio, recentemente divenute superpollaio ( Legge di Stabilità 2015 ). Ecco spiegati i motivi per cui non mi riconosco in questa sinistra, divenuta di destra.