Archivi tag: Animatori Digitali

Cyberbullismo, un quadro contradditorio, ma solo in superficie

Cyberbullimo

Dal report dell’Usr del Lazio sul PNSD, dati apparentemente contraddittori per il contrasto al cyberbullismo.

Cyberbullismo, un quadro apparentemente contraddittorio nel report dell’Usr del Lazio che propone un’istantanea del PNSD in questa regione. Il dettaglio.

Cyberbullismo, nel report una situazione poco chiara

In Aprile l’Usr del Lazio ha pubblicato i risultati del monitoraggio del PNSD ( Piano Nazionale Scuola Digitale).
Molto interessante per la presenza di dati e numeri, dai quali partire per riflessioni e considerazioni.
E’ presente una “finestra” sul cyberbullismo che lascia perplessi. Si legge
E’ abbastanza significativo il dato per cui solo un terzo dei docenti che hanno risposto, nonostante siano figure di riferimento all’interno dell’Istituto di appartenenza, dichiari di aver partecipato ad attività formative su temi specifici e fondamentali come quelli relativi alla sicurezza in rete e al cyberbullismo.” (pag.6)
Nella pagina seguente è riportato un passaggio apparentemente contraddittorio:
Per  quanto riguarda, infatti, le attività di formazione sui temi del PNSD, “Prevalgono le tematiche del cyberbullismo, con il 74% di scuole che ha già organizzato eventi formativi sul tema, e la sicurezza in rete con il 60% di corsi svolti nelle scuole.

Un quadro chiaro, non contraddittorio

La lettura veloce e poco approfondita può portare a considerare le due situazioni contraddittorie. In realtà non lo sono. Da una parte, infatti, si certifica il disimpegno formativo ( partecipazione a seminari,  corsi di aggiornamento) dei docenti “nonostante siano figure di riferimento all’interno dell’Istituto di appartenenza” ( referente per il  contrasto al cyberbullismo?). Di contro si evidenza una soddisfacente offerta formativa nel proprio istituto, delegata ovviamente a soggetti o Enti esterni alla scuola per via dell’impreparazione del Referente.

 Breve considerazione

Questa modalità basata sull’invito di esperti esterni rischia di non fornire ai ragazzi quel supporto quotidiano  fatto di relazionalalità e orientamento. Aspetti indispensabili per un’azione efficace di contrasto al fenomeno. Affermo questo, in quanto Referente al problema nel mio Istituto. Ho potuto constatare quanto sia importante il momento formativo, la fase di orientamento (indicazioni di procedure informatiche sicure) e di relazione attivate da un docente che i ragazzi conoscono e  possono incontrare ogni giorno. La kermesse ha la sua importanza, ma anche un limite: essere occasionale e rimanere fuori dalla quotidianità, grazie alla quale si crea  progressivamente la relazione con gli studenti.

 

PNSD, un check-up serio e non di parte

 

PNSD

PNSD la domanda purtroppo non ha risposte certe. Non siamo più ai primi sei mesi, ma quasi alla conclusione del triennio.

Il PNSD sta concludendo il suo triennio. Il tempo trascorso permette di individuare i contributi, ma anche le criticità. L’operazione è possibile solo partendo dai dati e numeri. Incontrovertibili, indiscutibili.

Il PNSD, la carenza di dati e numeri

Chi mi segue conosce la mia posizione critica sul PNSD. In sintesi, la prospettiva ridotta ad addestramentoil volontariato degli Animatori Digitali ( pessima definizione di un un ruolo strategico) e la mancanza di dati.
Ormai siamo alla conclusione del primo triennio del PNSD. E’ possibile valutare la sua riuscita, partendo dai dati. L’operazione è riuscita molto bene al Prof  Paolo Maria Ferri attraverso un interessante e chirurgico articolo dal titolo “Scuola, così quella italiana resiste alla rivoluzione digitale
La riflessione conferma uno di miei rilievi: la mancanza di dati.  Il Prof. Ferri si sofferma sulla carenza di informazioni certe sull’attività degli Animatori Digitali e sulla ricaduta didattica delle connessioni.

Qualche stralcio

 Si legge ” Non ci sono, poi, dati o ricerche sull’ attività degli animatori digitali, e il rischio, senza monitoraggio, e che gli animatori digitali, su cui poggia, quasi per intero (insieme ai dirigenti) l’attuazione del PNSD, si demotivino, senza incentivi e controllo, o agiscano in maniera non coordinata ed episodica, senza fare sistema. Ovviamente al netto di alcune virtuose eccezioni
Sull’uso delle connessioni a fini didattici P.M. Ferri scrive: “Ad esempio i circa ottomila plessi che hanno risposto al questionario dell’Osservatorio nazione scuola digitale, dichiarano quasi tutto di avere una connessione “dedicata” per le attività didattiche, ma poi le aule realmente connesse e cablate si attestano intorno al 60%. “

Una considerazione

Condivido la conclusione del Prof. Ferri: “è necessario e improrogabile attivarsi sul fronte del “monitoraggio” e della verifica dei risultati senza un istanza di controllo centrale (preferirei) o regionale l’attuazione del Piano è lasciata alla buona volontà dei singoli dirigenti.  Inoltre il Piano, soprattutto ora, che il quadro politico e istituzionale verrà di nuovo e imprevedibilmente rimescolato dalle elezioni di primavera rischia di essere bloccato almeno per tutto il 2018, come si sa in Italia l’insediamento di un nuovo governo rallenta i processi decisionali. ”
Nella conclusione ci sono tutti i presupposti per una riorganizzazione di tutto il PNSD che a detta del Prof. ha incontrato molte resistenze nei singoli Istituti. Occorre interrogarsi su questi “muri di gomma” alzati dalle scuole e ripartire.  Diversamente l’attuale PNSD sarà presto dimenticato e lasciato su un binario morto, arricchendo la “bacheca istituzionale” di un’altra iniziativa non riuscita. 

” Il Signore delle Mosche”, anticipo del “nativo digitale”

Il Signore delle Mosche

“Il Signore delle Mosche” ha anticipato lo scenario nel quale si trova il “nativo digitale”

” Il Signore delle Mosche” noto romanzo di William Golding , ha anticipato il contesto virtuale del “nativo digitale”. L’assenza degli adulti caratterizza la condizione del ragazzi. Oggi, come ieri. Le conseguenze sono preoccupanti.

” Il Signore delle Mosche”

“Il Signore delle Mosche” di W. Golding, scritto nel 1952, ma pubblicato due anni dopo, ha anticipato in tempi non sospetti la condizione di anarchia assoluta ( absoluta = sciolto da ogni legame) del “nativo digitale”. 
In breve la trama: un aereo britannico diretto in Australia,  precipita nel  Pacifico.  Si salvano solo ragazzi e bambini.Sull’isola che li ospita devono organizzare la loro convivenza. Inizialmente lo fanno stabilendo delle regole. Poi però l’anarchia e gli istinti prendono il sopravvento. 

Alcune considerazioni

Diversi sono gli accostamenti tra la condizione dei naufraghi e quella del “nativo digitale”.  Evidenziati anche da  M.R. Parsi in “Generazione H” ( Piemme, Segrate, 2017).
Innanzitutto gli adulti sono assenti, non solo fisicamente ma anche simbolicamente. La prima condizione è immediata, la seconda svanisce gradualmente per fare posto alle pulsioni e agli istinti. Lo sviluppo del romanzo certifica il pessimismo dell’autore verso la natura umana.
Ora, l’accostamento con  il mondo virtuale risulta un’operazione facile. Il virtuale, che spesso diventa un allungamento in un’altra dimensione del reale, è contesto senza guida, senza padri. I rapporti sono orizzontali. Come si dice oggi peer to peer, dove l’età l’anagrafica molto giovane diventa la cifra, il paradigma dei social. Ognuno è maestro  e nello stesso tempo studente, con la differenza nel primo caso che la “liquidità istintuale” espelle ogni riflessione e la visione prospettica. Nessuno può, “ipso facto”divenire padre simbolico, se non è supportato da una maturità della personalità.
Ora l’assenza di un perimetro valoriale, di regole condivise porta alla percezione del contesto virtuale “usa e getta”, dove tutto è semplificato, trasformato in un rispecchiamento del proprio io divenuto ipertrofico. Come nel romanzo, emerge un contesto dove ognuno diviene lupo all’altro (T. Hobbes), comportamento amplificato e favorito, nel Web,  dalla presenza trasfigurata o dall’assenza della dimensione corporale.

Il web “verticale”

Queste sintetiche riflessioni portano alla conclusione che i ragazzi non possono avviarsi al processo di iniziazione nel Web senza un adulto propositivo e competente. Occorre ridare valore alla  dimensione verticale e del limite, incentrata sull’asimmetrico rapporto adulto/ragazzo. Diversamente si ha il naufragio verso un’isola (web) dove le regole stabilite dai ragazzi, ma spesso anche eterodirette dal mercato, non hanno confini!
Scriveva Aristotele ” Chi non conosce i propri limiti, tema il suo destino”.  Questo è l’insegnamento dei greci, dove tutto è “perimetrato”, regolato dai giusti confini esistenziali. Regola dimenticata dall’attuale contesto che ha eretto a cifra l’illimitatezza del soddisfacimento dei bisogni e l’asfissia del “Noi” a beneficio di un io il cui piano è rivolto verso il Nulla.

Gli smartphone a scuola e le criticità di un Regolamento d’Istituto

Gli smartphone a scuola

Gli smartphone a scuola. Presto sarà una realtà nelle scuole?

Gli smartphone a scuola possono rappresentare un’opportunità di formazione. Ovviamente l’uso deve essere regolamentato in modo stringente ed avere anche dei docenti preparati tecnologicamente. Non sempre però le regole sono chiare.

Gli smartphone  a scuola. Un esempio di Regolamento

Sul portale Tecnicadellascuola.it è pubblicato un ottimo articolo di R. Palermo sull’uso degli smartphone a scuola. All’interno dell’articolo si rimanda ad un Regolamento d’Istituto, definito dall’autore “snello, ma esaustivo”.
Concordo sulla doppia determinazione. Indubbiamente è un esempio dal quale partire per l’aggiornamento dei regolamenti d’istituto, richiesto anche dalla recente Legge 71/17. Si legge art. 5 comma 2 “I regolamenti delle istituzioni scolastiche di cui all’articolo 4, comma 1, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249, e successive modificazioni, e il patto educativo di corresponsabilità
di cui all’articolo 5 -bis del citato decreto n. 249 del 1998 sono integrati con specifici riferimenti a condotte di cyberbullismo e relative sanzioni disciplinari
commisurate alla gravità degli atti compiuti.”
Non condivido la parte che identifica la competenza digitale con l’uso dello smartphone. 

Le criticità del Regolamento

Premesso  questo, Il suddetto regolamento presenta dei punti critici.
Innanzitutto, punta molto sul “presunto” senso di responsabilità degli studenti. La maggior parte di essi è minorenne, quindi “incapace di intendere e volere”. 
” la registrazione delle lezioni è possibile, per usi strettamente personali. Qualora gli alunni intendessero avvalersi di tale possibilità, sono tenuti a informare l’insegnante prima di effettuare registrazioni audio/foto/video delle lezioni o di altre attività didattiche. In nessun caso le riprese potranno essere eseguite di nascosto, senza il consenso dell’insegnante.”
Si ribadisce che registrazioni e riprese audio/foto/video sono consentite per uso personale, mentre la diffusione di tali contenuti è invece sempre subordinata al consenso da parte delle persone ritratte/riprese. ”
Qualche ambiguità presenta il seguente passaggio:
Per quanto riguarda uscite, visite guidate e viaggi di istruzione, l’uso è consentito al di fuori dei momenti dedicati a visite guidate e attività legate all’aspetto didattico dell’uscita.”

Resta la “Culpa in vigilando”

Implicitamente è confermata la responsabilità del docente e quindi i suoi doveri nei confronti dell’articolo 2048 Codice civile che ha formalizzato “La culpa in vigilando”
Nel documento, infatti, si fa riferimento spesso “alle indicazioni” e “alle modalità prescitte dall’insegnante” Da qui il dovere di un controllo continuo e adeguato verso i comportamenti e nello specifico nell’uso degli smartphone a scuola.
Purtroppo in caso di procedimento civile o penale al giudice interessano poco gli elementi pedagogici e l’autonomia operativa del minore. Per lui conta solo il codice e le sentenze derivanti dal suddetto articolo. In sintesi la sorveglianza e il controllo devono essere continui. Quindi non prevedono “sospensioni” come ipotizza il regolamento, quando apre alla responsabilità dello studente che per il codice civile non esiste fino alla maggiore età o nell’ ipotesi di reati penali  al compimento dei quattordici anni. In quest’ultimo caso è necessario che il giudice riconosca un’adeguata capacità di intendere e volere ( art. 98 codice penale). Quindi tutto è demandato all’interpretazione del magistrato
Tra i docenti chi si sente di rischiare?