Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Scuole aperte d’estate. “Il tempo pieno estivo”

L’altro giorno ho pubblicato una riflessione su un articolo   di  Vanna Lori ( deputata del Pd ).
Mettevo in evidenza la distanza tra le istanze pedagogiche  teoriche e la realtà delle nostre aule e in generale della scuola. Per quest’ultime la situazione diventa critica nel periodo estivo per via delle alte temperature. Invitavo quindi la deputata a vivere la nostra condizione per un anno  e a concluderla, aderendo ad un progetto “Scuola aperta d’estate”.
In questo intervento, non si faceva cenno ai risvolti non pedagogici (funzione assistenziale),  dell’iniziativa estiva.
Questo è tranquillamente ammesso dalla riflessione di E. Ambrosi (  Il Fattoquotidiano.it). Si legge infatti:”…visto che primo non ci sarebbe alcun danno se la scuola fornisse anche, sì, perché no, una funzione assistenziale e sociale.”, anche per non lasciare nel vuoto, creato dai genitori, i bambini e i ragazzi più piccoli.
Detto questo l’articolo risulta interessante perché chiede all’Amministrazione di coinvolgere  associazioni  che propongono corsi di qualità, ospitando i ragazzi nelle proprie strutture. Implicitamente si accetta l’idea che la formazione non è un’esclusiva della scuola (in particolare dei docenti), coinvolgendo altri soggetti. Da qui nasce il reperimento delle  risorse pubbliche che devono essere adeguate. Per ovviare in parte al problema, si può pensare a un contributo da chiedere alle famiglie.
E’ indubbio che il progetto deve essere serio e non semplicemente un baby-parking. Da qui la necessità di pianificarlo ottobre e avviarlo  a gennaio, attivando una serie di sequenze ( finalità e obiettivi, criteri dei bandi, pubblicazione dei bandi, individuazione associazione aggiudicatrice, pubblicizzazione della proposta, raccolta adesioni…) che devono prevedere,anche momenti di verifica strutturati in itinere e  finale
Operando in questo modo, l’Amministrazione darebbe un bel segnale: rimettere al centro la formazione che non significa sperimentare nuovamente l’aula, ma altri ambienti, realizzando una sorta di “tempo pieno estivo“.