Archivi tag: Aumenti contrattuali

Aumenti stipendiali, finalmente abbiamo un “numero”

Aumenti contrattuali

Aumenti contrattuali, l’obiettivo è lontano. Lo certifica il sindacato Anief

Aumenti stipendiali, il sindacato Anief dichiara la cifra. Molto distante da quella di adeguamento. Si applica l’approccio- Fioramonti dove le tante parole sono sostituite dai numeri.

Aumenti stipendiali, finalmente abbiamo una quota certa

Aumenti stipendiali, gli ultimi risalgono al 1990, quando i docenti ottennero un aumento medio di 500.000 lire (23%). Dopo siamo entrati nella gabbia del D.Lvo 29/93 che ha blindato i contratti ad adeguamenti al tasso d’inflazione programmata, sempre inferiore rispetto a quella reale.
Il trucco formale di presentare gli adeguamenti come aumenti è proposto anche in questi giorni. Siamo in dirittura d’arrivo per la firma del contratto 2019-21 e si legge ( prendo ad esempi una testata giornalistica): “Per gli oltre 3 milioni e 300mila occupati della pubblica amministrazione, dagli impiegati dei ministeri a quelli degli enti locali, dagli insegnanti agli occupati della sanità, dei comuni e regioni, viene calcolato un aumento medio di 100 euro in busta paga per 13 mensilità nei nuovi contratti che si andranno a negoziare per il 2019-2021.Gli aumenti a regime saranno del +3,72% e la previsione di spesa complessiva, stanziata dal governo, sarà di 6 miliardi di euro.”

La triste verità per l’aumento di stipendi

Il sindacato ANIEF conferma il metodo-Fioramonti. L’ex-Ministro stabilì in due miliardi al netto dei contratti la linea di galleggiamento per la scuola. Stesso approccio ripete il sindacato autonomo, stabilendo la cifra per aumenti europei, sempre promessi dai politici:  “il Governo oltre a tagliare il cuneo fiscale, con il cosiddetto bonus Renzi da 80 euro netti esteso anche a lavoratori che guadagnano oltre i 35 mila euro, deve valorizzare il ruolo professionale del docente: noi continuiamo a chiedere aumenti medi netti di 240 euro al mese: non è una cifra a caso, ma quella che servirebbe a superare finalmente l’inflazione e ad avvicinarsi alle retribuzioni di chi svolge la stessa professione, anche con impegni orari minori, in altri Paesi moderni. Vediamo gli altri sindacati cosa faranno, anche se in passato dopo un lungo blocco contrattuale hanno firmato per poco meno”
Quindi rimanendo dentro i rapporti numerici la differenza rispetto agli finti aumenti contrattuali è 140€ che tradotto in percentuale significa che manca il 140% per stipendi realmente europei. Obiettivo realizzabile solo uscendo dalla gabbia del D.Lvo 29/93 che i sindacati evitano di proporre.
Comunque la cifra ci permetterà di pesare le proposte, formulando una valutazione oggettiva rispetto allo standard europeo. Sicuramente siamo sotto la linea di galleggiamento, la stessa soglia che caratterizza il sistema-scuola. Con questi numeri non si va da nessuna parte!

 

Aumenti contrattuali, la strategia incomprensibile dei sindacati, che però…

Aumenti contrattuali

I sindacati riprendono il solito copione. Al termine potranno sempre dire…

Aumenti contrattuali, i sindacati ripetono lo stesso copione: chiedere l’impossibile, basandosi sull’ accordo di aprile ’19 ormai superato di Alla fine potranno sempre dire…

Aumenti contrattuali i soliti annunci dei sindacati

Aumenti contrattuali a breve dovrebbero riprendere le trattative. I sindacati chiedono  molti soldi per un contratto economico decoroso. Questa mattina il quotidiano “Italia Oggi” titolava: Azzolina-sindacati, nodo risorse. Le sigle chiedono certezze: servono altri 900 milioni (sottotitolo). Questo l’obiettivo “per arrivare ad avere un aumento medio di 100 euro al mese al termine del triennio 2019-21. Fioramonti è andato via, ma il nodo resta sempre quello: avere risorse aggiuntive“.
La posizione dei sindacati è coerente rispetto  all’accordo (23 aprile 2019) firmato con il governo giallo-verde che recitava: “Sul fronte del rinnovo del contratto dei dipendenti della scuola, scaduto lo scorso 31 dicembre, le parti concordano sulla necessità di avviare quanto prima gli incontri per giungere al nuovo contratto di lavoro. Considerate le scarse risorse finora accantonate per innalzare gli stipendi degli insegnanti, tra i più bassi d’Europa, il governo si è impegnato a reperire maggiori finanziamenti per centrare un duplice obiettivo: recuperare, nel corso del prossimo triennio, la perdita del potere d’acquisto delle retribuzioni e avvicinarle il più possibile ai livelli europei, dove un docente tedesco guadagna circa il doppio di un collega italiani”

La solita strategia del sindacato

Tutto questo avrebbe un senso, se non esistesse la cornice legislativa. In altri termini, qualunque richiesta deve fare i conti con la legge di Bilancio  2020 (160/2020), la quale a sua volta è fortemente condizionata dal D. Lvo 29/93 che stabilisce aumenti contrattuali pari all’inflazione programmata. Il legame si traduce in questo passaggio” l’ incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’1,9 per cento per il 2020 e al 3,49 per cento a decorrere dal 2021“. In sostanza 80€ lordi a regime. che recita: ” l’ incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’1,9 per cento per il 2020 e al 3,49 per cento a decorrere dal 2021“. In sostanza 80€ lordi a regime.
Apparentemente risulta incomprensibile la richiesta sindacale di avanzare proposte senza fondamento giuridico. Ritengo che essi siano a conoscenza dei contenuti della legge di Bilancio e della gabbia del D.Lvo 29/93.
Ma se andiamo in profondità la strategia sindacale ha una logica sintetizzabile in “abbiamo provato a chiedere di più… ci siamo impegnati tanto, ma non abbiamo ottenuto quanto da noi richiesto.” No comment!

Aumenti contrattuali (PD), esempi del vuoto comunicativo

Aumenti contrattuali

Aumenti contrattuali, Zingaretti e Sgambato riprendono la strategia del ” disco rotto”. Si propone una diversa scaletta

Aumenti contrattuali (PD), le dichiarazioni di N. Zingaretti e C. Sgambato sono vuote.
Anno nuovo o quasi, vecchie strategie! Logore e monotone che non funzionano più! Propongo un diverso approccio comunicativo.

Aumenti contrattuali (PD), le dichiarazioni di N. Zingaretti e C. Sgambato

Aumenti contrattuali, riprende il corteggiamento dei docenti, anche in vista delle elezioni regionali in Emilia Romagna (gennaio 2020). Strategia che probabilmente rende, considerato l’appiattimento culturale,  sideralmente lontano dall’approfondimento e dalla riflessione sulla notizia. Purtroppo anche i docenti  ne sono vittime.
Comunque ecco le dichiarazioni.
Il 2020 dovrà essere l’anno di un nuovo vocabolario civile e con politiche di vera ricostruzione“, iniziando dall’aumento degli stipendi per i docenti. (N. Zingaretti).
Gli fa eco C. Sgambato (Responsabile scuola del PD) che definisce l’obiettivo degli stipendi più alti per gli insegnanti “un punto non più rinviabile… per recuperare la dignità e l’importanza che questi professionisti meritano. (vi diremo prestissimo dove sono le risorse). È una questione di scelte. E noi sceglieremo.”

Ormai sono “dischi rotti”

Prendo ad esempio l’immagine del “disco rotto”. Si ripete lo stesso contenuto, diventando  monotoni. N. Zingaretti ha iniziato a farlo da maggio, mese della pubblicazione del suo libro “Piazza Grande” (Feltrinelli 2019). A pag. 102 si legge: “I docenti italiani hanno stipendi tra i più bassi d’Europa: dobbiamo pagarli meglio e migliorare il loro status”.
Gli fa eco C. Sgambato (agosto 2019), avendo il coraggio o la poca avvedutezza  di definire l’aumento: “Inoltre, vogliamo trovare le risorse necessarie per l’aumento degli stipendi dei docenti fino a 2.150 euro netti l’anno.”
Per inciso l’On. C. Sgambato, che prima di tutto è un’insegnante e quindi dovrebbe conoscere il malessere dei docenti, è impegnata da agosto a reperire risorse!

Propongo un diverso metodo

Che dire? Queste dichiarazioni producono solo rabbia! Si ha la netta impressione di essere presi in giro!
Propongo a N. Zingaretti e C. Sgambato una diversa scaletta: rilasciare dichiarazioni dopo aver conseguito l’obiettivo, iniziando con una proposta legislativa che liberi la scuola dalla gabbia del D.Lvo 29/93, il quale ha favorito il processo di impiegatizzazione dell’intero sistema formativo. Se non si parte da questo si resta nell’indeterminatezza delle dichiarazioni. In altri termini, nel vuoto e nella presa in giro. E la scuola non merita questo se come scrive N. Zingaretti ” deve tornare a essere uno straordinario presidio sociale, la principale arma contro le disuguaglianze, capace di offrire a bambini e ai ragazzi, una possibilità non solo di crescita, ma di riscatto“.
In alternativa è meglio il silenzio!