Posted in: Tutti gli articoli

Saggini (prof di medicina fisica e riabilitativa) “I nuovi banchi sono un problema per la schiena”

Banchi monoposto
I banchi monoposto rappresentano un problema per la schiena

Entro la fine dl mese di ottobre, le scuole avranno  i banchi monoposto. Finora l’attenzione si è concentrata sul bando e la fornitura.
Il Prof  Saggini  medicina fisica e riabilitativa (Chieti) mette in evidenza delle criticità per la colonna vertebrale dei bambini dai 4 ai 9 anni, soggetti in crescita
Si legge su “Il Corriere della Sera” di oggi : “Sono rimasto stupito dalle caratteristiche dei nuovi arredi scolastici…. 
Tre sono le criticità: manca la possibilità di alzare o abbassare la seduta, non è possibile regolare lo schienale e il piano di appoggio è così piccolo che non si possono agagiare le braccia per scrivere. Ci sono tutte le premesse per sviluppare il mal di schiena“.
Conclude il Professore che i nuovi banchi sono poco ergonomici come quelli finora utilizzati.

Posted in: Tutti gli articoli

Banchi monoposto, obiettivo centrato con una forzatura

Banchi monoposto
Banchi monoposto, le scuole li avranno. La forzatura che preoccupa

Banchi monoposto, le istituzioni scolastiche li riceveranno. Obiettivo centrato, ma con una forzatura che preoccupa.

Banchi monoposto, obbiettivo centrato, ma…

Banchi monoposto, l’obiettivo è stato raggiunto, ma con una forzatura sulle regole del bando.
Si legge sul Il Sole24ore. “ll risultato della gara, sottolinea il comunicato della struttura commissariale, è «la dimostrazione della capacità di risposta del mercato in questa particolare fase di emergenza». I 11 contratti di affidamento conclusi con imprese e raggruppamenti di imprese, per la maggior parte italiane, riguardano la fornitura di banchi tradizionali e di sedute innovative, e consentono di «superare complessivamente l’intero fabbisogno richiesto dai dirigenti scolastici italiani, che era di 2.013.656 banchi tradizionali e di 435.118 sedute innovative.I banchi saranno consegnati a partire dai primi giorni di settembre e fino al mese di ottobre la distribuzione sulla base di una programmazione nazionale e una tempistica che terrà conto delle effettive priorità scolastiche e sanitarie dei vari territori, garantendo in tal modo il normale avvio dell’anno scolastico. Lo smaltimento delle vecchie sedute avverrà secondo le modalità ordinarie, in accordo con Anci e Upi, in rappresentanza di Comuni e Province proprietari degli edifici scolastici.

Brevi considerazioni

Il  Commissario straordinario D. Arcuri aveva posto dei paletti all’aggiornamento del bando e annunciati alla trasmissione In Onda “i tempi di consegna dal 31 agosto all’8 settembre, con un margine massimo di ritardo nelle consegne che passa dal 7 al 12 settembre, con le relative pesanti penali”.
La conclusione al ribasso di questa vicenda era nell’aria e anticipata da un comunicato del consorzio di ditte: “Presenteremo un’offerta, ma rispondente a requisiti che sappiamo di poter soddisfare. Non siamo abituati a sfogliare il libro dei sogni irrealizzabili. Ci auguriamo che finalmente si facciano i conti con la realtà”
In sintesi le aziende candidate alla fornitura che si sono attenute alle regole del bando sono rimaste bruciate.
A questo aggiungo che il Mi ormai è un treno senza freni, intento solo a riaprire il 14 settembre. Comunque. Lo aveva dichiarato la Ministra “La scuola inizierà il 14 settembre in presenza. Quante altre volte dobbiamo dirlo?”.
Staremo a vedere. Sicuramente settembre e ottobre saranno dei mesi molto duri per le Istituzioni scolastiche (docenti, collaboratori, genitori e studenti).