Archivi tag: Classi pollaio

Classi pollaio, abbiamo la determinazione numerica e il costo

Classi pollaio

Classi pollaio, la loro abrogazione è un’operazione complessa. Occorre tener presente le poche risorse che ci sono.

Classi pollaio, confermata la la configurazione numerica.  Purtroppo il loro superamento, limitato alle prime classi delle superiori e in presenza del diversamente abile, costa tanto. In percentuale le risorse  risultano una manciata di spiccioli. E questo è un problema!

Continua a leggere

Classi pollaio, dal “tutto e subito” a quello ” dei piccoli passi”

Classi pollaio

Classi pollaio, cambio di strategia. “Si cambia, ma con gradualità”

Classi pollaio, qualcosa si sta muovendo, grazie al cambio di strategia. Si riuscirà a demolire definitivamente il mostro pedagogico voluto dal duo Gelmini/Tremonti (2009)? A breve la risposta.

Continua a leggere

Ministro Fioramonti, siamo distanti dalla vetta dei tre miliardi!

Ministro Fioramonti

Il Ministro ha conseguito importanti obiettivi, ma siamo ancora distanti dalla vetta dei tre miliardi richiesti

Il Ministro Fioramonti rende pubbliche  piccole conquiste. Mancano però riferimenti su due provvedimenti importanti. Il totale, comunque  è molto distante da dai tre miliardi. . Quindi…

Il Ministro Fioramonti, gli obiettivi raggiunti

Il Ministro Fioramonti pubblica sulla sua pagina Facebook questo post: “Sono contento di comunicare che da ieri, grazie al lavoro congiunto del mio ministero, in stretta collaborazione con il Parlamento, in questa finanziaria ci sono 31 milioni destinati alla copertura integrale delle borse di studio. Eliminiamo così l’anomalia tutta italiana che va sotto il nome di “idonei non beneficiari“.
Altri obiettivi sono stati raggiunti e inseriti nella legge di Bilancio 2020:
16 milioni (potenziamento per la scuola dell’infanzia)
100 milioni (edilizia scolastica- asili nido e scuola infanzia)
12,5 milioni (scuole paritarie che accolgono diversamente abili)
12 milioni  (formazione docenti cyberbullismo)
E altri provvedimenti.

Mancano nell’elenco…

Risultati importanti, anche se l’entità delle somme per voce non è particolarmente significativa.
Il Ministro resta vago sul contratto-scuola con l’obiettivo dell’aumento di 100 € in busta paga . Qui il problema è superare i vincoli del D.Lvo 29/93 che blinda i contratti pubblici al tasso d’inflazione programmata. La soluzione comunque è semplice: far uscire fuori dalla gabbia del D. Lvo 29/93. In assenza di un provvedimento, l’annuncite proseguirà…
Invece è sceso un silenzio di tomba molto preoccupante sull’abolizione delle classi-pollaio, dove occorrono molte risorse (Cfr. Disegno di legge- Azzolina). Eppure il superamento delle classi pollaio era stato posto come una priorità da L. Di Maio (agosto 2019), orientamento  confermato anche dal Def 2020. A pagina 87, infatti si legge “Nel comparto della scuola pubblica occorrono politiche dirette a limitare le classi troppo affollate…”

Ministro Fioramonti, siamo lontani dalla vetta!

Comunque, siamo lontani dall’obiettivo dei tre miliardi richiesti dal Ministro per ridurre  il malessere strutturale della scuola. Lo stato pre-agonico era stato certificato dallo stesso Ministro. Aveva dichiarato a novembre al quotidiano Il MessaggeroRitengo che la scuola e l’università siano in fase di annegamento. Chiedo di arrivare alla linea di galleggiamento. Ogni giorno rosicchio qualche euro in più per provare a resistere…Chiedere 3 miliardi è il minimo… Se prima di me ci fossero stati altri ministri pronti a mettere a rischio la loro carriera governativa per salvare i fondi, ora non starei minacciando le dimissioni”
Quindi Ministro attendiamo le sue dimissioni! Sarebbe un bel segnale di vicinanza alla scuola, riducendo il suo stato di isolamento e solitudine.