Archivi tag: Classi pollaio

M. Mussini. Una possibile soluzione classi pollaio.

Sul sito di tecnicadellascuola.it a firma di R. Palermo è stato pubblicato questo articolo. Riprende una lunga dichiarazione della Senatrice M. Mussini ”  Il ministro Fedeli, visto che è convinta che gli insegnati dovrebbero essere pagati il doppio rispetto a … Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su M. Mussini. Una possibile soluzione classi pollaio.

Ministro Fedeli. Le tante dichiarazioni nascondono…

In questi ultimi giorni il Ministro ha aumentato esponenzialmente i suoi interventi. Riporto qualche stralcio: “Classi troppo omogenee, con alunne e alunni ‘raggruppati’ per ‘bravura’, rappresentano un fenomeno contrario ai principi della nostra Costituzione, che va arginato”… “Un guppo di … Continua a leggere

Pubblicato in Classi pollaio, Contratto scuola, Diritti, Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Ministro Fedeli. Le tante dichiarazioni nascondono…

Scuole aperte d’estate. Le riflessioni di un’inesperta di aula!

Nel mio navigare nel Web, mi sono imbattuto in questa riflessione sui motivi dell’apertura delle scuole in estate. Che dire? Riflessione piena di  luoghi comuni! Una  descrizione romantica e idealistica della scuola!  Aggiungerei banale, buona per un inizio di tesi … Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su Scuole aperte d’estate. Le riflessioni di un’inesperta di aula!

ScuoIa. Il “se politico ” precede il “dimenticatoio”

Riporto quello che dichiaravano i tre candidati alla segreteria del PD: ” Vorrei azzerare la Buona scuola e riscrivere la riforma con i docenti e i sindacati per fare in modo che la competitività dell’istruzione italiana si possa trovare nel … Continua a leggere

Pubblicato in Opinioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Commenti disabilitati su ScuoIa. Il “se politico ” precede il “dimenticatoio”