Posted in: Riapertura delle scuole, Tutti gli articoli

Rientro a scuola a settembre, si riuscirà anche ad insegnare?

Rientro a settembre
Rientri a scuola a settembre. Lo scenario è molto complicato da limitazioni e divieti.

Rientro a scuola a settembre, è un’ipotesi legata all’andamento del contagio. Lo scenario proposto assomiglia a quello di una caserma. Molto dipenderà anche dalla nuova organizzazione didattica che dovrà sciogliere diversi dubbi.

Posted in: Opinioni

Commissione di esperti, si ripete il copione che esclude gli insegnanti

Commissione di esperti
La Ministra Azzolina ha nominato il gruppo di lavoro. Pieno di esperti. Di tutto, ma non di aula scolastica.

Commissione di esperti, nominata dalla Ministra Azzolina. La solita scelta che esclude gli insegnanti. Rientra nei canoni della comunicazione post-moderna. Gli insegnanti non sono interessanti.

Commissione di esperti, si ripete lo stesso spartito

Commissione di esperti, anche la scuola ha il suo gruppo illuminato, la sua avanguardia con il compito di dare una forma post-emergenza sanitaria al sistema formativo . Certo se leggiamo i componenti e le loro competenze professionali rimaniamo basiti.
Della scuola in trincea con la didattica a distanza c’è solo una piccolissima traccia, rappresentata dalla  Prof.ssa Carimali Lorella, proposta però con il titolo di Dott.ssa. Siamo alle solite!  Quando il gioco si fa duro, allora il palcoscenico è occupato da personalità con titoli accademici e competenze interessanti, ma stonate  con   a scuola dell’aula inzeppata di studenti, della relazione quotidiana con i ragazzi e i genitori, delle tante incombenze e responsabilità quotidiane…
Eppure Lucia Azzolina è ancora una professoressa di scuola secondaria, pur avendo vinto il concorso per Dirigente scolastica. E’ una persona che ha vissuto tra l’altro la pessima esperienza delle classi pollaio.
Pessimo scivolone! La sua decisione rappresenta una sorta di continuità con i Ministri precedenti. Gelmini, Giannini, Fedeli, Bussetti rappresentano alcuni esempi di un approccio finalizzato a escludere gli insegnanti.
E’ sempre lo stesso copione: gli insegnanti non sono in grado di qualificare un gruppo di lavoro ministeriale; non risultano interessanti dal punto di vista massmediologico.
Una situazione simile la sperimento personalmente, quando mi dichiaro maestro di scuola primaria, anche in contesti universitari o di gruppo di lavoro territoriale. Inizialmente sono guardato con un senso di superiorità, che fortunatamente poi grazie anche alle mie competenze professionali riesco a modificare in meglio.
Un giorno riusciremo ad essere considerati come dei professionisti della formazione? A parole ci definiscono “eroi”, “avanguardia della democrazia”…. Peccato poi che le decisioni portino a pensare ad altro.