Archivi tag: Compensi

Dalle aule arrivano queste preoccupanti notizie!

Dalle aule

Dalle aule arrivano pessimi segnali

Dalle aule arrivano sempre più spesso messaggi senza passione, demotivanti e di scoraggiamento. Gli insegnanti assomigliano sempre più a dei “muri di gomma”. Spesso metabolizzano i nuovi e sempre maggiori carichi di lavoro, restituendoli semplicemente come una procedura, un dovere da adempiere. Punto.  Salvano la forma, impreziosita da espressioni di alta pedagogia, manca però l’anima. Per riprendere il titolo di una canzone di R. Cocciante e  mutuandolo i progetti e quanto ruota intorno sono “Belli, ma senz’anima”.  

Dalle aule  escono questi  messaggi! A chi interessa?

  • “Mi hanno dato una classe difficile” Quest’anno non faccio niente!
  • “Mi hanno assegnato alla sezione della succursale, che crea maggior disagio! Quest’anno non faccio niente!
  • “Ho una classe di 36 alunni, mentre la classe accanto ha 13 studenti! Quest’anno non faccio niente!
  • “Questo sarà il mio ultimo anno, ad agosto andrò in pensione”. Quest’anno non faccio niente!
  • “Volevo andare in pensione e la legge Fornero ha prolungato il periodo di permanenza in servizio”. Quest’anno non faccio niente!
  • “Le colleghe del modulo sono antipatiche di carattere. Hanno cambiato i collaboratori” Quest’anno non faccio niente e non m’interesso di niente.
  • “Gli altri anni ho svolto la funzione strumentale per i viaggi d’istruzione, la Dirigente non ha apprezzato il mio lavoro”. Quest’anno non faccio niente!
  • “Ho lavorato tanto lo scorso anno, ho fatto tanti progetti e tante ore in più, ma il Fondo d’Istituto e il Bonus sono stati assegnati agli “amici del Dirigente”. Quest’anno non faccio niente!
  • Aspettavo l’assegnazione provvisoria come lo scorso anno vicino casa. Non l’ho ottenuta: “Mi metto in aspettativa e non faccio niente”
    Questo lungo elenco è proposto in una lettera ” Quest’anno non faccio niente” pubblicata sul portale della Tecnicadellascuola. Reazioni? Il Ministro tace! Nei convegni e nei corsi di aggiornamento queste realtà sono emarginate, nascoste, polverizzate! Infine, i sindacati esprimono soddisfazione per la riapertura una stagione contrattuale che ha una prospettiva indecente, e poco dignitosa per i docenti.

Esiste la via d’uscita, manca però la prospettiva e la volontà politica

Eppure sono certo che queste situazioni arrivino ai piani alti del Miur. Allora perché non si interviene dando un segnale forte che “riattivi” la passione dell’insegnante? I motivi sono diversi! Come sempre, è difficile individuarli e coglierne le interdipendenze. Sicuramente un fattore fortemente condizionante è la scarsa attenzione verso l’istruzione, non più colta con il suo piano inclinato rivolto al futuro. Il nostro Paese ha ridotto la sua prospettiva, eliminando il futuro e dimenticando la sua tradizione. Ha assunto il presente come unica dimensione temporale. Per farmi capire: si vive alla giornata! Si vivacchia! In questo contesto culturale colonizzato dall’ onnipresente, quello che rimane alla scuola è la funzione assistenzialistica, che supporti e faciliti  i genitori nella loro azione di “arrivare alla sera”.
E la politica, quella italiana è fortemente condizionata da questo sfondo, privato delle grandi narrazioni storiche di sviluppo ( cristianesimo, marxismo…).
“Cui prodest?” Quanto ancora il sistema scolastico riuscirà a mantenere alti gli obiettivi formativi? Difficile fare delle previsioni. Solo il tempo certificherà ipotesi o prospettive. Sicuramente la perdita progressiva della passione di insegnare non è un buon segnale!

 

Renzi e Malpezzi. La “Buona Scuola” è alle spalle. Guardiamo “Avanti”

Renzi e Malpezzi

Renzi e Malpezzi hanno dichiarato che indietro non si torna

Renzi, Malpezzi. Occorre ringraziarli, perchè insieme ad altri, come V. Fedeli hanno dichiarato l’ irriformabilità della Legge 107/15. La loro disponibilità al dialogo ha il fine di migliorare l’informazione. 

Le dichiarazioni di Renzi

L’altro giorno M. Renzi ha dichiarato:”Sulla scuola abbiamo messo sette miliardi e mezzo, ma il 97% degli insegnanti ha aderito allo sciopero: quando succede una cosa simile, qualche domanda uno se la deve fare…Abbiamo sbagliato molte cose,  come la comunicazione sulla scuola o sugli 80 euro”  Premesso: rispetto ad un’ altra dichiarazione il segretario gioca con le risorse. Si aggiunge 4 miliardi di €. Ma andiamo avanti.
La suddetta dichiarazione conferma, quanto ha scritto sul suo libro “Avanti” e da me commentato qualche settimana fa. Si legge: “Sui temi oggetto della riforma della Buona Scuola  si è combattuta una battaglia talvolta ideologica…La mia impressione è che, al netto di tutto quello che è discutibile nel merito della riforma, ciò che ha dato più fastidio sia stato il metodo”.

La conferma dell’on. Malpezzi

Qualche giorno fa l’on. Malpezzi ha confermato sostanzialmente questa convinzione:
A breve il partito democratico aprirà un’ampia fase di discussione sul futuro della scuola e sulla direzione che vogliamo prendere e che coinvolgerà esperti e tutti coloro che vorranno darci una mano in questa grande elaborazione di idee. Partiremo con la conferenza programmatica che avrà il compito di fare una sintesi e indicare le proposte del Partito Democratico per la scuola di domani e terremo aperta la discussione su tutti i temi utili per migliorare il più possibile il nostro sistema di istruzione e formazione.”

Le dichiarazioni di Renzi e Malpezzi chiariscono lo scenario

Quindi, non ci sono dubbi. Sulla L107/15 esiste solo un problema di metodo, di comunicazione inadeguata. Pertanto si va avanti con nuove idee e soluzioni, partendo però dalla “Buona Scuola”. In questo modo si conferma l’approccio decennale verso le leggi approvate sulla scuola (e non solo). Indietro non si torna! L’ultimo esempio è la Riforma Gelmini, che come un fantasma aleggia sulle macerie della scuola e che il PD non ha mai abolito, nonostante le intenzioni programmatiche del 2013.
Altra conseguenza. Il contratto. il nostro “aumento” contrattuale sarà solo di 85€ medi lordi (attendiamo però la legge di Stabilità 2018), senza partite di giro, costituite dalla “Carta docente” e soprattutto dalle risorse del cosiddetto “Bonus merito”. Decidere in senso contrario significa depotenziare la “Buona Scuola”. E al momento questo non fa parte delle prospettive politiche del PD.

 

Aggiorniamo al ribasso il nostro profilo

Il nostro profilo professionale è sempre stato caratterizzato dal “Ti pago poco, ti chiedo poco”. Purtroppo questo luogo comune non corrisponde più al vero. Occorre aggiornarlo.

Il profilo storico

Il nostro lavoro è sempre stato considerato poco importante. Nella sostanza! Formalmente politici, sindacalisti, giornalisti ed altri ancora hanno sempre evidenziato l’importanza strategica della formazione e quindi del ruolo dle docente. A parole, poi nei fatti…il pensare comune è il seguente: ” Gli insegnanti lavorano solo quattro ore, hanno tre mesi di vacanza in estate, quindici giorni a Natale…quindi è giusto pagarli poco”. Esistono tante varianti a questa uscita da bar, che sostanzialmente può essere sintetizzato nel detto ” Ti pago poco, ti chiedo poco!”
In linea teorica il discorso non fa una piega. La retribuzione è commisurata alle ore lavorative. Le cause? E. Centemaro, responsabile scuola di FI, individua una delle cause  alla femminilizzazione.

Una scuola che non esiste più, se non nella mente di chi non la
frequenta

Ora questo detto  “Ti pago poco, ti chiedo poco”,  rimanda ad una scuola che non esiste più. Le quattro ore sono l’orario minimo giornaliero di impegno. Ci sono le programmazioni, le commissioni, le visite d’istruzione e i campiscuola, la scrittura di progetti (Dsa, Bes…) il ricevimento dei genitori… Tutto lavoro alla luce del sole!
A questo occorre aggiungere il sommerso. Mi riferisco alla correzione dei compiti, alla preparazione delle lezioni, alla compilazione delle schede…
A queste incombenze “storiche”, si aggiungono nuovi compiti, derivati da alcune leggi. Penso all’Animatore Digitale, al Team di Innovazione, al commissario del concorso-Scuola, e al referente contro il cyberbullismo…

La logica del “ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”

Pertanto da questi pochi esempi è possibile affermare che il profilo docente sta scivolando sempre più verso un contesto asimmetrico di sfruttamento. La pillola è indorata con l’espressione dell”ottimizzazione delle risorse” o se vogliamo volare alto della “tecnica” ( M. Heidegger). Per parlare facile occorre aggiornare il nostro profilo in “ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”. Questo è possibile, grazie alla sponda “emotiva e affettiva” che gli insegnanti offrono. Un “fianco” che affonda le sue radici nella “missionarietà” o nel volontarismo” del proprio lavoro, caratterizzato dalla relazione con delle persone giovani e non con carte o dichiarazioni al vento.

Ultimo esempio: il contratto “povero” e irrispettoso

Una conferma di questo nuovo profilo? Il prossimo contratto! Probabilmente sarà caratterizzato da pochissime decine di euro di “aumento”, che rischia per 300.000 docenti “la scomparsa” degli 80€ e per tutti dell’indennità di vacanza contrattuale, e contemporaneamente da un aumento significativo di incombenze. Se questi nuovi carichi di lavoro saranno confermati, il contratto risulterà coerente con il ” ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”.
I prossimi mesi confermeranno o meno queste ipotesi.

Gli animatori digitali. Gli “esperti” girano intorno al problema.

Gli animatori

Gli animatori

Kermesse 26.07.17

Il 26 luglio si è tenuta a Roma una kermesse sul PNSD. Anche in questo caso ho deciso di rintracciare nel Web il resoconto  dell’iniziativa.

In formato Mp3 l’ho ascoltato. Bene, eccetto qualche intervento “fuori dalle righe” del conduttore-giornalista e della Presidente della commissione istruzione dell’ANCI, il resto mi è risultato molto verboso e noioso, intramezzato ogni tanto dal “Abbiamo fatto! Ma come siamo bravi! Nei prossimi mesi faremo…” Molto lungo l’intervento del Ministro. Limitato il tempo dedicato alle esperienze degli AD.
Continua a leggere