Posted in: Scuola

Contagi a scuola, il rapporto Iss tra affermazioni e un’incertezza

Contagi a scuola
Contagi a scuola, finalmente abbiamo il rapporto dell’Iss.

Contagi a scuola, l’Iss ha pubblicato il suo rapporto. Presenta uno scenario definitivo con il quale occorrerà fare i conti.

Contagi a scuola, l’Iss ha pubblicato il suo rapporto

Contagi a scuola, finalmente l’Iss ha pubblicato il suo rapporto. Il Corriere della Sera presenta sinteticamente il report. “ i dati riportati della rilevazione dell’Iss, si riferiscono a diagnosi effettuate tra il 24 agosto e il 27 dicembre. I casi in tutto il paese sono stati 2 1.783.418, di questi 203.350 (11%) in età scolare (3-18 anni). La percentuale dei casi in bambini e adolescenti è aumentata dal 21 settembre al 26 ottobre (con un picco del 16% nella settimana dal 12 al 18 ottobre) per poi tornare ai livelli precedenti… In età scolare, si riscontra un aumento dell’incidenza con l’aumentare dell’età, i valori più alti si osservano per i ragazzi di 14-18 anni (57/100.000) e 11-13 anni (53/100.000), seguiti dai bambini di 6-10 anni (37/100.000) e 3-5 anni (24/100.000) I picchi di incidenza più alti sono stati riscontrati in Valle d’Aosta (circa 200/100.000) nella classe di età 14-18 anni e in Lombardia, Liguria, Bolzano (intorno a 100/100.000) nelle fasce di età 14-18 e 11-13″.

Alcune considerazioni

Innanzitutto il  rapporto conferma altri studi che presentano una maggiore vulnerabilità degli studenti delle superiori al virus, meno gli allievi delle scuole medie e della primaria.
Da qui occorre partire per comprendere perché le istituzioni del primo ciclo sono rimaste aperte in questo periodo. Il rischio zero non esiste, ma pare che per questi allievi si presenti con una probabilità accettabile. Il governo potrà considerare la chiusura solo se i dati proporranno un’altra valutazione.
Occorre evitare di interpretare erroneamente i titoli dei giornali, le dichiarazioni dei politici e degli esperti di questi giorni. Essi limitano la possibilità di una chiusura alle scuole superiori per via delle criticità dei mezzi di trasporto.
L’Iss non si dimostra sicuro, però sul contributo delle scuole al contagio. Da una parte afferma  che “l’andamento dei casi di COVID-19 nella popolazione in età scolastica ha seguito quello della popolazione adulta” dall’altra si legge ” l’impatto della chiusura e della riapertura delle scuole sulle dinamiche epidemiche rimane ancora poco chiaro“. In questi passaggi possiamo sperimentare il profilo post-galileiano della scienza che procede per approssimazioni, applicando il principio della falsificazione di K. Popper.