Archivi tag: contratti pubblici

Aumenti contrattuali, se non cambia la normativa…

Aumenti contrattuali

Qualunque aumento contrattuale deve essere previsto da una legge. Al momento il riferimento è il D.Lvo 29/93, che non lascia sperare per il futuro!

Aumenti contrattuali, esiste un  “vizietto” che si ripete in prossimità del rinnovo. Diversi sindacati o altri soggetti propongono cifre impossibili. Occorre tener presente il quadro normativo. Comunque modificabile.

Aumenti contrattuali? Non è possibile

L’ultimo vero contratto economico per la scuola fu quello 1988-90. Gli operatori della scuola ricevettero un aumento del 23%. Dopo arrivò Tangentopoli, che creò le condizioni per la legge Finanziaria di G. Amato ( Dicembre ’92) che doveva allontanare il rischio bancarotta per l’Italia. Ma quello che più conta è il 1993.  In quell’anno  fu emanato il decreto 29/93 . Gli effetti furono immediatamente percepiti . Il rapporto di lavoro fu privatizzato; furono introdotti nel pubblico impiego alcuni criteri, presi dal contesto privato: efficacia, efficienza, economicità; gli scatti biennali furono sostituiti  da quelli settennali; fu introdotto il criterio della “moderazione salariale” e soprattutto  gli aumenti contrattuali furono vincolati al tasso di inflazione programmata e non più a quella reale.

Proposte incompatibili

Pertanto tutte le proposte economiche che non rispettano questi vincoli di bilancio, sono “fuori legge”. Lo scopo  è solo propagandistico, di immagine, gettando fumo negli occhi.  Alla base, però c’è il Nulla.

Due proposte per gli aumenti significativi

Essendo in uno stato di diritto per conseguire l’obiettivo di un aumento significativo, l’unica strada è quella legislativa. In tal senso è da leggere la proposta di S. D’Errico . Si legge “Per ottenere un contratto degno di questo nome – ha detto il sindacalista di base – occorre un accordo specifico per la scuola e quindi svincolarsi dal pubblico impiego, anziché creare un compartone in ossequio alla Madia: il problema però nasce dal decreto legislativo 29 del 1993, che ha relegato all’angolo tutti quelli che ne fanno parte, Scuola compresa, eliminando per loro il ruolo a favore dell’incarico a tempo indeterminato, gli scatti d’anzianità biennali per lasciare spazio ai gradoni di 6-7 anni e dovendo pure dire addio agli aumenti superiori all’inflazione programmata”.
La seconda proposta è ancora più radicale. Superare  il Decreto legislativo 29/93 nella parte  del vincolo al tasso di inflazione programmata. Più radicalmente abolirlo “in toto”.

Promemoria per il nuovo Governo e Parlamento

Non ci sono altre possibilità. E l’invito che rivolgo al nuovo Parlamento e Governo, quando saranno insediati e le chiacchiere elettorali saranno azzerate dagli atti concreti che non possono prescindere da una volontà politica e soprattutto da decisioni legislative.

Contratto scuola, la Ministra Fedeli ha detto no!

Contratto scuola

Game over. E’ tempo delle decisioni!

Contratto scuola, la Ministra Fedeli ha chiuso ad ogni possibilità di accoglimento delle richieste sindacali. E’ il tempo delle scelte. Soprattutto per il sindacato!

La dichiarazione della Ministra Fedeli

Contratto scuola, il quotidiano “Il Messaggero” (che non ha brillato qualche giorno fa per correttezza d’informazione) fa presente che “la ministra Fedeli resta irremovibile. Inserire i 200 milioni del merito nella contrattazione, infatti, equivale a toglierli dai premi individuali, come prevede invece la legge 107 con i comitati di valutazione ad hoc che hanno premiato circa un docente su tre. Per quanto riguarda invece la formazione va considerato che i 500 euro annui erogati nella card dei docenti sono netti, qualora invece facessero parte della busta paga verrebbero tassati e quindi quasi dimezzati. “.
La dichiarazione  richiede una conferma da parte del Ministro. Comunque risulta coerente con quelle dei giorni precedenti. La Ministra, infatti, non ha mai citato risorse aggiuntive al contratto, rispetto a quelle previste dalle leggi di Bilancio.

Contratto scuola,” Game over”. E’ tempo delle decisioni

Quindi “game over”! Fine del gioco, delle chiacchiere, delle dichiarazioni vuote del sindacato. E’ arrivato il tempo di scegliere, decidere. Firmare o alzarsi dal tavolo senza sottoscrivere nulla! Dalla decisione dipenderà la “profondità della sua prospettiva”. Staremo a vedere!

Trattativa contrattuale, una facile previsione, ma…

Trattativa contrattuale

Le posizioni sono chiare. Il contratto sarà firmato! Ma è possibile una sorpresa…

La trattativa contrattuale inizia a definirsi. Le posizione sono chiare. Il sindacato purtroppo non ne esce bene. L’esito sembra scontato. Anche la risposta del sindacato?

La trattativa contrattuale, le posizioni sono chiare

La vertenza sindacale conferma le posizioni dei soggetti coinvolti. Da un lato il governo che, attraverso la Ministra Fedeli, dichiara che le risorse ci sono, limitate però alla legge di Bilancio 2018.
I sindacati, invece, propongono altro, “dimenticando” che in uno stato di diritto sono le leggi (nel nostro caso la legge di Stabilità 2018) a definire le regole. Cosa propongono? L’inserimento delle risorse destinate al merito e quelle collegate alla “Carta docenti” ( Legge 107/15) nel tabellare dei docenti. Il punto debole della proposta, però, è la sua assenza dalla legge di Bilancio.
Tra i due contendenti c’è l’Aran. Il suo mandato è quello di applicare la Direttiva per il pubblico impiego, per la scuola e soprattutto non uscire dal “seminato” della normativa vigente ( Si legga il resoconto della seduta di ieri). Interessante la risposta del sindacato alla proposta dell’Aran: “non possiamo pensare a un contratto “fotocopia”, stante le molte diversità rispetto ai settori delle funzioni centrali.”

Come finirà?

Anticipare l’esito è un esercizio a bassa complessità. In altri termine: la previsione è semplice: il governo confermerà la sua posizione. Non potrà fare diversamente. Come scrivevo qualche giorno fa, per venire incontro ai sindacati occorrerebbe un Parlamento e un governo nel pieno dei suoi poteri. La doppia condizione è necessaria per modificare le parti della L.107/15. 
Quindi la firma sarà l’esito più probabile. La preintesa degli organi centrali ( 23 dicembre 2017) docet.
E’ possibile però un altro scenario: il sindacato si alza e non sottoscrive la proposta contrattuale. Sarebbe una bella sorpresa!

 

Contratto scuola, il “gettare fumo negli occhi” del sindacato

Contratto scuola

Sindacati in difficoltà. Solo la strategia del “gettare fumo negli occhi” li può salvare

Contratto scuola, i sindacati ipotizzavano un impegno minimo. L’intesa firmata individuava una prospettiva lineare, semplice: 85€ medi e lordi in cambio di una maggiore accentuazione del peso del contratto sulla legge. E invece, tutto si è complicato. Gli insegnanti hanno puntato i piedi! Quindi a loro non  resta che “gettare fumo negli occhi” per salvarsi.

Contratto scuola, una trattativa divenuta complessa…

Contratto scuola, i sindacati sono in difficoltà! Non pensavano che la trattativa contrattuale potesse complicarsi. Gli insegnanti hanno “fatto muro” contro l’intesa del 30 novembre 2016. La loro opposizione è uscita dallo sterile lamento, coagulandosi intorno ad una petizione promossa dal gruppo “Professione insegnante”. Ovviamente la protesta è andata oltre, esprimendosi anche attraverso prese di posizione del sindacato ANIEF, articoli, post sui social che hanno attirato molti “i like”, commenti e, peggio, condivisioni.
I sindacati hanno fiutato la ” brutta aria”! Non lo ammetteranno, ma le loro dichiarazioni degli ultimi mesi, certificano una presa di distanza dall’accordo di un anno fa.  Cosa chiedono di diverso al governo? Quale richiesta è nuova rispetto all’accordo 2016? Sinteticamente: 580 milioni di € di risorse totali da aggiungere agli 85 € lordi medi (individuali). La quota è la somma del merito  e della “carta docenti”.

… ma blindata

Interessante la richiesta. Ha un limite però: non c’è traccia nell’intesa del 30 dicembre 2016, nel Def 2018, nella legge di bilancio 2018! E questo i sindacati lo sanno perfettamente. Il contratto è blindato! In uno stato di diritto solo le leggi definiscono le regole! Non esistono scorciatoie! Ha ragione la Ministra Fedeli, quando parla di risorse contrattuali  certe previste dalla legge di Bilancio!

La strategia del “gettare fumo negli occhi”

Come interpretare allora l’insistenza sindacale a rivendicare risorse non previste dalla normativa vigente? A mio parere la risposta è semplice: solo confondendo le acque,   “gettando fumo negli occhi” possono giustificare  il loro fallimento. Mi spiego meglio.  Il fallimento presuppone un impegno su elementi concreti e possibili. Il risultato può essere positivo, ma anche negativo. In entrambi i casi non tutto è riconducibile ad un solo soggetto coinvolto. Pertanto, in caso di “firma necessaria, imposta”, potranno sempre dire che hanno provato in tutti i modi per conseguire l’obiettivo.

La missione impossibile dei sindacati

 Nulla da obiettare in presenza di obiettivi possibili ( previsti dalla normativa). Qui invece siamo in presenza di una missione impossibile, basata sul Nulla, in quanto le richieste non hanno alcun fondamento giuridico. In sintesi: la loro strategia è unicamente finalizzata dall’uscire dall’angolo nel quale si sono messi, firmando un anno fa un accordo poco dignitoso. Punto.
Ovviamente sono disposto a ricredermi, in presenza di un accordo contrattuale che preveda l’inserimento delle suddette risorse nel tabellare! Lo scenario, però, sarà difficile!