Archivi tag: contratto

Ministro Fioramonti, siamo distanti dalla vetta dei tre miliardi!

Ministro Fioramonti

Il Ministro ha conseguito importanti obiettivi, ma siamo ancora distanti dalla vetta dei tre miliardi richiesti

Il Ministro Fioramonti rende pubbliche  piccole conquiste. Mancano però riferimenti su due provvedimenti importanti. Il totale, comunque  è molto distante da dai tre miliardi. . Quindi…

Il Ministro Fioramonti, gli obiettivi raggiunti

Il Ministro Fioramonti pubblica sulla sua pagina Facebook questo post: “Sono contento di comunicare che da ieri, grazie al lavoro congiunto del mio ministero, in stretta collaborazione con il Parlamento, in questa finanziaria ci sono 31 milioni destinati alla copertura integrale delle borse di studio. Eliminiamo così l’anomalia tutta italiana che va sotto il nome di “idonei non beneficiari“.
Altri obiettivi sono stati raggiunti e inseriti nella legge di Bilancio 2020:
16 milioni (potenziamento per la scuola dell’infanzia)
100 milioni (edilizia scolastica- asili nido e scuola infanzia)
12,5 milioni (scuole paritarie che accolgono diversamente abili)
12 milioni  (formazione docenti cyberbullismo)
E altri provvedimenti.

Mancano nell’elenco…

Risultati importanti, anche se l’entità delle somme per voce non è particolarmente significativa.
Il Ministro resta vago sul contratto-scuola con l’obiettivo dell’aumento di 100 € in busta paga . Qui il problema è superare i vincoli del D.Lvo 29/93 che blinda i contratti pubblici al tasso d’inflazione programmata. La soluzione comunque è semplice: far uscire fuori dalla gabbia del D. Lvo 29/93. In assenza di un provvedimento, l’annuncite proseguirà…
Invece è sceso un silenzio di tomba molto preoccupante sull’abolizione delle classi-pollaio, dove occorrono molte risorse (Cfr. Disegno di legge- Azzolina). Eppure il superamento delle classi pollaio era stato posto come una priorità da L. Di Maio (agosto 2019), orientamento  confermato anche dal Def 2020. A pagina 87, infatti si legge “Nel comparto della scuola pubblica occorrono politiche dirette a limitare le classi troppo affollate…”

Ministro Fioramonti, siamo lontani dalla vetta!

Comunque, siamo lontani dall’obiettivo dei tre miliardi richiesti dal Ministro per ridurre  il malessere strutturale della scuola. Lo stato pre-agonico era stato certificato dallo stesso Ministro. Aveva dichiarato a novembre al quotidiano Il MessaggeroRitengo che la scuola e l’università siano in fase di annegamento. Chiedo di arrivare alla linea di galleggiamento. Ogni giorno rosicchio qualche euro in più per provare a resistere…Chiedere 3 miliardi è il minimo… Se prima di me ci fossero stati altri ministri pronti a mettere a rischio la loro carriera governativa per salvare i fondi, ora non starei minacciando le dimissioni”
Quindi Ministro attendiamo le sue dimissioni! Sarebbe un bel segnale di vicinanza alla scuola, riducendo il suo stato di isolamento e solitudine.

 

Contratto 2019-21, il solito canovaccio

Contratto 2019-21

Contratto 2019-21, la previsione è un esercizio facile, facile. Purtroppo!

Contratto 2019-21, si riaprono i giochi. I soliti giochi.  Si inizia con le dichiarazioni, segue l’indignazione dei sindacati e si concluderà con la firma di questi ultimi. La scena finale è facilmente prevedibile.

Continua a leggere

Contratto economico 2019-21 una facile previsione

Contratto economico 2019-21

Contratto economico 2019-21. Inizia la sceneggiata, di cui conosciamo la conclusione.

Contratto economico 2019-21, si ripete il solito canovaccio! Si inizia con le dichiarazioni, segue l’indignazione dei sindacati e si concluderà con la firma di questi ultimi. La scena finale è facilmente prevedibile. E’ necessario rivedere il D.Lvo 29/93 e  uscire dalle priorità dei due movimenti di governo.

Continua a leggere

Il ministro Bussetti e la sua dichiarazione contrattuale “leggera”

Il ministro Bussetti

Una dichiarazione sul contratto molto “leggera”. Le prospettive non sono buone!

Il ministro Bussetti ha concesso un’interessante intervista. Sul contratto 2019-21 ha detto poco. Si è limitato a un principio, rimanendo con i piedi per terra sul resto. Consapevolezza del contesto normativo ?

Il ministro Bussetti e il passaggio contrattuale 

Su “Tecnicadellascuola.it” è stata pubblicata un’intervista al Ministro Bussetti. Molto interessante! Chiarisce maggiormente come intenderà muoversi il responsabile del Miur.
In quest’intervento, intendo soffermarmi sul possibile contratto 2019-21.
Si legge”
Capitolo contratto: a fine 2018 sarà già in scadenza. Quando si avvierà la trattativa per il rinnovo? Ritiene che il Governo abbia la possibilità di incrementare gli stipendi di docenti e Ata con cifre più consistenti rispetto ai 40-50 euro netti arrivati dopo nove anni?
Dobbiamo lanciare un messaggio chiaro: gli insegnanti svolgono una professione di grande responsabilità. Questo va loro riconosciuto professionalmente ed economicamente. Il loro stipendio dovrebbe essere all’altezza del ruolo che hanno e dell’impegno richiesto. Non possiamo però far finta, come ho già detto in altre occasioni, di non conoscere la difficile situazione dei conti dello Stato. Incontreremo i sindacati a breve e parleremo anche di questo.”

Risposta “leggera”, ossia nulla si dice del contesto normativo

Indubbiamente la risposta risulta molto generica. Direi “leggera”. Si conferma la funzione strategica del lavoro del docente e quindi la necessita di un riconoscimento economico. Punto. Questa parte ricorda altre dichiarazioni, come quella di V. Fedeli sul raddoppio dello stipendio  ,  S. Giannini (Un contratto che premi i migliori)… Purtroppo anche nella dichiarazione di M. Bussetti domina il Nulla. In altri termini, manca il contesto normativo e l’azione per superarlo. Mi riferisco al D.Lvo  29/93 .  Scrivevo qualche mese fa: con il suddetto decreto  “gli effetti furono immediatamente percepiti . Il rapporto di lavoro fu privatizzato; furono introdotti nel pubblico impiego alcuni criteri, presi dal contesto privato: efficacia, efficienza, economicità; gli scatti biennali furono sostituiti  da quelli settennali; fu introdotto il criterio della “moderazione salariale” e soprattutto  gli aumenti contrattuali furono vincolati al tasso di inflazione programmata e non più a quella reale

Il prossimo contratto 2019-21, la stessa miseria, a meno che…

Quindi non illudiamoci! A quadro normativo invariato avremo la solita “mancetta”. In questo condivido la posizione di S. D’Errico che durante la trattativa del contratto 2016-18 dichiarava:”Per ottenere un contratto degno di questo nome – ha detto il sindacalista di base – occorre un accordo specifico per la scuola e quindi svincolarsi dal pubblico impiego, anziché creare un compartone in ossequio alla Madia: il problema però nasce dal decreto legislativo 29 del 1993, che ha relegato all’angolo tutti quelli che ne fanno parte, Scuola compresa, eliminando per loro il ruolo a favore dell’incarico a tempo indeterminato, gli scatti d’anzianità biennali per lasciare spazio ai gradoni di 6-7 anni e dovendo pure dire addio agli aumenti superiori all’inflazione programmata