Archivi tag: contratto

Rimodulazione ora di lezione, non sempre occorre recuperare

Rimodulazione ora di lezione

Rimodulazione ora di lezione senza recupero. Lo afferma il contratto della scuola.

Rimodulazione ora di lezione, La ministra Azzolina ha dichiarato che occorre recuperare sempre. Non è così. Lo afferma il contratto…

Rimodulazione ora di lezione, la Ministra ha dichiarato…

Rimodulazione ora di lezione, la Ministra è intervenuta all’interno di una lunga intervista al “Fatto Quotidiano” (22.07.20). ” Le scuole stanno lavorando tanto e bene, alcune potrebbero decidere di portare l’unità oraria da 60 a 50 minuti per avere maggiore flessibilità organizzativa.Ma quei dieci minuti vengono recuperati , restituiti agli studenti. Il monte orario non cambia. E’ una norma già esistente: quando ero docente, nella mia scuola, lo facevamo e il tempo da restituire lo impiegavamo per fare lezione agli studenti in difficoltà
Ovviamente sulla stessa linea si è posto ad esempio l’Usr del Lazio che fa divieto di ridurre le ore complessive del tempo scuola previste dall’ordinamento.

Leggendo bene la normativa però…

Discorso chiuso allora? Occorre tornare a scuola garantendo l’unità oraria a 60 minuti?
Non è così sempre.
L’articolo 28 comma 2 dell’attuale  CCNL, rifacendosi a quello del 2007  recita: “Al di fuori dei casi previsti dall’articolo 28, comma 8, del CCNL 29/11/2007, qualunque riduzione della durata dell’unità oraria di lezione ne comporta il recupero prioritariamente in favore dei medesimi alunni nell’ambito delle attività didattiche programmate dall’istituzione scolastica. La relativa delibera è assunta dal collegio dei docenti”
In concreto qualunque riduzione prevista da un progetto o da una sperimentazione deve prevedere il recupero. Siamo di fronte a casi basati su ragioni didattiche. E questo spiega il coinvolgimento del solo collegio dei docenti.
Negli altri casi, come l’evento pandemico che sta costringendo il sistema scolastico ad elaborare un nuovo modello organizzativo vale il riferimento al CCNL che recita: “Per quanto attiene la riduzione dell’ora di lezione per cause di forza maggiore determinate da motivi estranei alla didattica, la materia resta regolata dalle circolari ministeriali n. 243 del 22.9.1979 e n. 192 del 3.7.1980 nonché dalle ulteriori circolari in materia che le hanno confermate. La relativa delibera è assunta dal consiglio di circolo o d’istituto.”
Ora nella circolare 243/79 confermata anche da quella dell’anno successivo è scritto “Non è configurabile alcun obbligo per i docenti di recuperare le frazioni orarie oggetto di riduzione.”
Pertanto si può procedere alla rimodulazione oraria a x minuti, inferiori a sessanta. E questa è una bella notizia che faciliterà in molti casi una ripartenza ottimale della scuola a settembre

 

 

Ministro Fioramonti, siamo distanti dalla vetta dei tre miliardi!

Ministro Fioramonti

Il Ministro ha conseguito importanti obiettivi, ma siamo ancora distanti dalla vetta dei tre miliardi richiesti

Il Ministro Fioramonti rende pubbliche  piccole conquiste. Mancano però riferimenti su due provvedimenti importanti. Il totale, comunque  è molto distante da dai tre miliardi. . Quindi…

Il Ministro Fioramonti, gli obiettivi raggiunti

Il Ministro Fioramonti pubblica sulla sua pagina Facebook questo post: “Sono contento di comunicare che da ieri, grazie al lavoro congiunto del mio ministero, in stretta collaborazione con il Parlamento, in questa finanziaria ci sono 31 milioni destinati alla copertura integrale delle borse di studio. Eliminiamo così l’anomalia tutta italiana che va sotto il nome di “idonei non beneficiari“.
Altri obiettivi sono stati raggiunti e inseriti nella legge di Bilancio 2020:
16 milioni (potenziamento per la scuola dell’infanzia)
100 milioni (edilizia scolastica- asili nido e scuola infanzia)
12,5 milioni (scuole paritarie che accolgono diversamente abili)
12 milioni  (formazione docenti cyberbullismo)
E altri provvedimenti.

Mancano nell’elenco…

Risultati importanti, anche se l’entità delle somme per voce non è particolarmente significativa.
Il Ministro resta vago sul contratto-scuola con l’obiettivo dell’aumento di 100 € in busta paga . Qui il problema è superare i vincoli del D.Lvo 29/93 che blinda i contratti pubblici al tasso d’inflazione programmata. La soluzione comunque è semplice: far uscire fuori dalla gabbia del D. Lvo 29/93. In assenza di un provvedimento, l’annuncite proseguirà…
Invece è sceso un silenzio di tomba molto preoccupante sull’abolizione delle classi-pollaio, dove occorrono molte risorse (Cfr. Disegno di legge- Azzolina). Eppure il superamento delle classi pollaio era stato posto come una priorità da L. Di Maio (agosto 2019), orientamento  confermato anche dal Def 2020. A pagina 87, infatti si legge “Nel comparto della scuola pubblica occorrono politiche dirette a limitare le classi troppo affollate…”

Ministro Fioramonti, siamo lontani dalla vetta!

Comunque, siamo lontani dall’obiettivo dei tre miliardi richiesti dal Ministro per ridurre  il malessere strutturale della scuola. Lo stato pre-agonico era stato certificato dallo stesso Ministro. Aveva dichiarato a novembre al quotidiano Il MessaggeroRitengo che la scuola e l’università siano in fase di annegamento. Chiedo di arrivare alla linea di galleggiamento. Ogni giorno rosicchio qualche euro in più per provare a resistere…Chiedere 3 miliardi è il minimo… Se prima di me ci fossero stati altri ministri pronti a mettere a rischio la loro carriera governativa per salvare i fondi, ora non starei minacciando le dimissioni”
Quindi Ministro attendiamo le sue dimissioni! Sarebbe un bel segnale di vicinanza alla scuola, riducendo il suo stato di isolamento e solitudine.

 

Contratto 2019-21, il solito canovaccio

Contratto 2019-21

Contratto 2019-21, la previsione è un esercizio facile, facile. Purtroppo!

Contratto 2019-21, si riaprono i giochi. I soliti giochi.  Si inizia con le dichiarazioni, segue l’indignazione dei sindacati e si concluderà con la firma di questi ultimi. La scena finale è facilmente prevedibile.

Continua a leggere

Contratto economico 2019-21 una facile previsione

Contratto economico 2019-21

Contratto economico 2019-21. Inizia la sceneggiata, di cui conosciamo la conclusione.

Contratto economico 2019-21, si ripete il solito canovaccio! Si inizia con le dichiarazioni, segue l’indignazione dei sindacati e si concluderà con la firma di questi ultimi. La scena finale è facilmente prevedibile. E’ necessario rivedere il D.Lvo 29/93 e  uscire dalle priorità dei due movimenti di governo.

Continua a leggere