Archivi tag: contratto

Orario docenti, 30 ore. Manca qualcosa…

Si torna a parlare di aumento dell’orario dei docenti. Si dimentica, però…

Orario docenti, torna l’idea di aumentarlo. I problemi però rimangono.
Difficile pensare a scenari positivi se non cambiano alcune condizioni.

Orario docenti, torna alla ribalta

E’ online il Piano Nazionale di formazione dei docenti 2016-2019. Un gruppo di lavoro ha ipotitizzato un aumento di lavoro fino a 30 ore. Si legge sul portale tecnicadellascuola.it  ” La ‘consistenza’ temporale del lavoro docente non dovrebbe coincidere con la pura prestazione di ore-lezione-cattedra (tra l’altro diversamente configurate per livello scolastico), ma orientarsi verso un orario ‘all inclusive’ in cui abbiano pari dignità giuridica le ore di insegnamento diretto in aula; le attività di tutoraggio, accompagnamento, recupero; i momenti di studio, progettazione, formazione. Secondo alcune ipotesi questo orario onnicomprensivo si aggira sulle 30 ore settimanali.”

Sbaglio o manca qualcosa?

In linea teorica non sono contrario a un aumento di orario. La proposta però è priva di un importante aspetto. Mi riferisco al riconoscimento economico che deve essere adeguato all’aumento di impegno. Non se ne parla! Gli impegni sono certi e definiti, le risorse restano vaghe, incerte. E’ la conferma di una   politica ministeriale( Animatore Digitale, team per l’innovazione, referente per il contrasto al cyberbullismo, commissari d’esame concorso …) che ha metabolizzato ed espresso un mantra del finanzcapitalismo: l’ottimizzazione delle risorse umane! Tradotto: aumentare i carichi di lavoro ad invarianza salariale!

Un salario adeguato? Difficile! Impossibile 

L’obiettivo di un   riconoscimento economico adeguato, richiede un altro sindacato. Una parte sociale diversa da quella timida che oggi ha firmato il contratto, sostanzialmente confermativo,  perché identico a quello del 2007 nella parte giuridica e a quello del 2009 che ha ribadito  il riferimento al D.Lvo 29/93. Finché il sindacato sarà incapace di uscire dalla logica del “minimo salariale” spacciato per “incremento”, “aumento” sarà difficile andare oltre l’ottimizzazione delle risorse nella versione del finanzcapitalismo (L. Gallino) In altri termini, è molto probabile che in tempi brevi si arrivi all’aumento dell’orario di lavoro con il sostegno implicito dei sindacati.

Aumenti contrattuali, se non cambia la normativa…

Aumenti contrattuali

Qualunque aumento contrattuale deve essere previsto da una legge. Al momento il riferimento è il D.Lvo 29/93, che non lascia sperare per il futuro!

Aumenti contrattuali, esiste un  “vizietto” che si ripete in prossimità del rinnovo. Diversi sindacati o altri soggetti propongono cifre impossibili. Occorre tener presente il quadro normativo. Comunque modificabile.

Aumenti contrattuali? Non è possibile

L’ultimo vero contratto economico per la scuola fu quello 1988-90. Gli operatori della scuola ricevettero un aumento del 23%. Dopo arrivò Tangentopoli, che creò le condizioni per la legge Finanziaria di G. Amato ( Dicembre ’92) che doveva allontanare il rischio bancarotta per l’Italia. Ma quello che più conta è il 1993.  In quell’anno  fu emanato il decreto 29/93 . Gli effetti furono immediatamente percepiti . Il rapporto di lavoro fu privatizzato; furono introdotti nel pubblico impiego alcuni criteri, presi dal contesto privato: efficacia, efficienza, economicità; gli scatti biennali furono sostituiti  da quelli settennali; fu introdotto il criterio della “moderazione salariale” e soprattutto  gli aumenti contrattuali furono vincolati al tasso di inflazione programmata e non più a quella reale.

Proposte incompatibili

Pertanto tutte le proposte economiche che non rispettano questi vincoli di bilancio, sono “fuori legge”. Lo scopo  è solo propagandistico, di immagine, gettando fumo negli occhi.  Alla base, però c’è il Nulla.

Due proposte per gli aumenti significativi

Essendo in uno stato di diritto per conseguire l’obiettivo di un aumento significativo, l’unica strada è quella legislativa. In tal senso è da leggere la proposta di S. D’Errico . Si legge “Per ottenere un contratto degno di questo nome – ha detto il sindacalista di base – occorre un accordo specifico per la scuola e quindi svincolarsi dal pubblico impiego, anziché creare un compartone in ossequio alla Madia: il problema però nasce dal decreto legislativo 29 del 1993, che ha relegato all’angolo tutti quelli che ne fanno parte, Scuola compresa, eliminando per loro il ruolo a favore dell’incarico a tempo indeterminato, gli scatti d’anzianità biennali per lasciare spazio ai gradoni di 6-7 anni e dovendo pure dire addio agli aumenti superiori all’inflazione programmata”.
La seconda proposta è ancora più radicale. Superare  il Decreto legislativo 29/93 nella parte  del vincolo al tasso di inflazione programmata. Più radicalmente abolirlo “in toto”.

Promemoria per il nuovo Governo e Parlamento

Non ci sono altre possibilità. E l’invito che rivolgo al nuovo Parlamento e Governo, quando saranno insediati e le chiacchiere elettorali saranno azzerate dagli atti concreti che non possono prescindere da una volontà politica e soprattutto da decisioni legislative.

Aumenti(?) contrattuali, un confronto molto utile

Aumenti contrattuali

Un confronto illuminante, in grado di “restituirci” il peso del nostro valore economico e sociale.

Cerca le differenze

Aumenti contrattuali, uno dei giochi presenti nelle riviste di enigmistica chiede di trovare le differenze tra due foto simili.
Ne propongo uno, che non richiede un particolare impegno: confrontare gli aumenti  (2018) degli stipendi dei dipendenti di Montecitorio ( a diverso titolo) e i nostri “aumenti” ( quest’ultimi: fonte tecnicadellascuola.it)
aumenti  

Le solite risposte

Mi aspetto le solite risposte: demagogia, populisno. Quella più sofisticata può far riferimento al d.lvo 29/93 che stabilisce gli adeguamenti stipendiali al tasso di inflazione programmata.
Benissimo, resta il fatto di dati che certificano il nostro reale peso economico e sociale (=valore) vicino allo zero.
La fonte è la stessa: la cassa dello Stato. Diversa la motivazione: per i primi non vale la compatibilità economica, per i secondi (noi) si!
Concludo la somma finale del nostro “aumento” è al netto della vacanza contrattuale ( 12€).
Quindi  “aumenti” ancora più esigui.
Questi sono i dati! Il resto è chiacchiera!
Era meglio non firmare!

Contratto scuola, facciamo chiarezza sui permessi!

Contratto scuola

Tutti i permessi retribuiti confermati? Qualche dubbio su quello relativo alla formazione.

Contratto scuola, sono passate ventiquattro ore dalla firma. Siti, portali, blog e singoli docenti esprimono le loro prime valutazioni. In alcuni casi, si fa riferimento a qualche comunicato sindacale che ovviamente si caratterizza per sintesi. In questo modo si rischia di non cogliere le incongruenze e qualche problema di interpretazione. Come nel caso dei permessi retribuiti.

Tutti i permessi confermati?

Si legge ” Per quanto non espressamente previsto dal presente CCNL, continuano a
trovare applicazione le disposizioni contrattuali dei CCNL dei precedenti
comparti di contrattazione e le specifiche norme di settore, in quanto compatibili
con le suddette disposizioni e con le norme legislative, nei limiti del d. lgs. n.
165/2001. ( art 1 comma 10).
Questo passaggio era necessario, considerato il tempo passato dall’ultimo contratto normativo (2007). E’ stato necessario aggiornare alcuni elementi con le nuove disposizioni interconesse nel periodo 2007-2018. Mi riferisco al Decreto Brunetta, alla Legge 107/15…
Quindi tutti i permessi retribuiti sono stati confermati?

Una strana incongruenza 

Si legge all’art. 46 del nuovo contratto:
“A domanda del dipendente sono concessi permessi retribuiti per i seguenti casi da
documentare debitamente:
a) partecipazione a concorsi od esami, limitatamente ai giorni di svolgimento delle
prove: giorni otto all’anno;
b) lutto per il coniuge, per i parenti entro il secondo grado e gli affini entro il primo
grado o il convivente ai sensi dell’art. 1, commi 36 e 50 della legge 76/2016: giorni tre
per evento da fruire entro 7 giorni lavorativi dal decesso.
2. Il dipendente ha altresì diritto ad un permesso di 15 giorni consecutivi in occasione
del matrimonio. Tali permessi possono essere fruiti anche entro 45 giorni dalla data in
cui è stato contratto il matrimonio…
5. Il presente articolo sostituisce l’art. 30, comma 1, primo e secondo alinea e comma
2 del CCNL del comparto Università del 16/10/2008.”
In questo passaggio dove sono sostanzialmente confermati i permessi retribuiti previsti dall’art.15 del contratto 2007 – errato il riferimento art. 30 comma 1-   non si fa cenno alla fruizione  di quello per formazione fino a cinque giorni.

Possibili “frizioni” con i Dirigenti Scolastici

Non si comprende l’omissione di questo permesso retribuito! Perché non inserirlo in questo elenco confermativo?
Qualcuno mi ha risposto con l’art. 1 comma 10, che spiega tra l’altro anche l’assenza del capitolo dedicato alle ferie. La perplessità, però, rimane limitata alla fruizione del permesso per formazione. Chi lavora nella scuola  sa benissmo che ci sono Dirigenti Scoalstici poco informati o formati sui criteri giuridici. C’è una sottocategoria di Capi d’Istituto poco inclini ad interpretare le norme, attenti solo a quello che leggono. Quindi è probabile che ci saranno dei contenziosi con i Dirigenti Scolastici che potranno sempre dire” Il nuovo contratto non ha confermato il permesso retribuito per formazione, quindi…”