Archivi tag: Costituzione

La Costituzione italiana compie 72 anni!

La Costituzione italiana

La Costituzione italiana festeggia il suo compleanno! In questi giorni pochi lo ricordano.

La Costituzione italiana celebra il suo settantaduesimo compleanno! Pur scritta in un contesto diverso, resta ancora valida nei suoi principi generali. Gli attacchi del liberismo economico. L’esempio della scuola.

Continua a leggere

Autonomia differenziata, addio definitivo alla scuola della Costituzione?

Autonomia differenziata

L’Autonomia differenziata per la scuola, se approvata, porterà a dei cambiamenti, ma comporterà anche dei rischi, riguardanti la dimenticanza della Costituzione.

Autonomia differenziata per le scuole, l’eventuale riforma porterà a riconsiderare tutto il sistema formativo. Tra i tanti risvolti è la definitiva affermazione del modello aziendalistico, iniziato nel lontano 1997 con la Legge 59 riguardante l’autonomia scolastica.

Autonomia differenziata, molti i cambiamenti e il rischio di dimenticare la Costituzione

Autonomia differenziata per la scuola, inevitabilmente porterà a dei cambiamenti. Apparentemente tutti diversi. In realtà trovano la loro sintesi e quindi il loro significato nella dipendenza dalle Regioni. Lo scenario, tuttavia non è nuovo. La legge Casati del 1859 stabiliva, infatti che le scuole elementari dipendessero dai comuni e quindi dalla loro capacità finanziaria.
Tornando all’oggi, si percepirà maggiormente il potere politico locale, favorendo la frantumazione del sistema d’istruzione.
Questa nuova configurazione si avvertirà maggiormente  nel tradimento e nella dimenticanza definitiva della Costituzione che prescrive   la formazione dell’uomo  e del cittadino all’insegna della democrazia. In altri termini il processo di aziendalizzazione iniziato nel lontano 1997 con la legge sull’autonomia scolastica si concluderà e vedrà la totale dipendenza delle scuole al sistema produttivo. Saranno messe in soffitta, quindi le discipline classiche che contribuiscono alla formazione del pensiero, ed esaltate quelle che servono al finanzcapitalismo (L. Gallino).

Autonomia differenziata, un esempio viene dal Veneto

E’ di questi giorni l’iniziativa dell’Assessore alla scuola e al lavoro Elena Donazzan (Veneto). Si legge nel comunicato stampa (16.07.2019): “Nei primi quindici giorni di settembre, prima che l’anno scolastico entri a pieno regime, i docenti del Veneto sono invitati a visitare e a vivere alcune giornate in azienda, confrontandosi con imprenditori e tecnici su innovazione, proposte educative e formative e sulle esperienze di alternanza scuola-lavoro... Sono certa che questo nuovo strumento di alternanza, che rinforza il modello veneto dell’educazione, potrà diventare il modo per superare le reciproche diffidenze e portare quella giusta contaminazione tra esperienze e storie diverse, quella della scuola e quella dell’impresa
Se qualcuno ha ancora dei dubbi sul futuro di una scuola regionalizzata e quindi aziendalizzata, l’iniziativa li dissolve. In questo modello di scuola la grande assente è la Costituzione. E non è cosa di poco conto.

 

La scuola deve tornare costituzionale

La scuola deve tornare costituzionale

La scuola è in profonda crisi d’identità. Occorre tornare alla Costituzione!

La scuola è senza identità e quindi tirata per la giacchetta a destra e sinistra.  Parafrasando L. Pirandello è “Una, nessuna, centomila”. E se tornassimo alla Costituzione?

La scuola è in crisi d’identità

La scuola è in profonda crisi. Non ha un’identità e quindi è difficile comprenderne il ruolo. Molti genitori la intendono come un parcheggio, snaturandone la sua funzione formativa. I massmedia, gli inesperti di aula, i tuttologi le chiedono di supplire alla deriva educativa della famiglia, attraverso progetti di contrasto alla droga, al cyberbullismo, alla formazione civica…
La politica invece se ne ricorda solo prima delle elezioni, per poi abbandonarla alla deriva, sperando nella storica abnegazione (gratuita) dei docenti.

La scuola dependance del mercato

Salendo di livello, la scuola è percepita dal mondo della produzione come una propria dependance. In questo contesto la scuola perde la sua autonomia, divenendo subalterna al mercato.
Due esempi, ripresi anche dall’ultimo libro di E.G. della Loggia (L’aula vuota, Marsilio, 2019). Nel gennaio del 2018 Mauro Gola (presidente della Confindustria di Cuneo) pubblica una lettera rivolta ai genitori. Si legge: ”
Cari genitori,
tanti di voi, si trovano in questi giorni ad affrontare una difficile decisione: la scelta della scuola superiore per il proprio figlio.
Una scelta dalla quale dipenderà gran parte del suo futuro lavorativo, ma che spesso viene fatta dando più importanza ad aspetti emotivi e ideali, piuttosto che all’esame obiettivo della realtà…
Riteniamo che la cosa più giusta da fare sia capire quali sono le figure che le nostre aziende hanno intenzione di assumere nei prossimi anni e intraprendere un percorso di studi che sbocchi in quel tipo di professionalità.”
Nel libro citato si legge che “poco tempo prima anche Mario Moretti Polegato, a capo dell’importante gruppo Geox, aveva trovato modo di dire la sua su cio che la scuola deve insegnare: << l’etica aziendale, la creatività, l’inglese, e come trasformare un’idea in un’impresa>>”

La scuola deve tornare alla Costituzione

Quanto descritto sopra, rimanda in modo univoco all’immagine che sotto il cielo regna la confusione, il caos. E questo sicuramente non favorisce il compito della scuola, la quale vive la situazione pirandelliana di essere stata nel passato “Una” (funzione di promozione individuale e sociale definita e riconosciuta), mentre oggi è “Nessuna e centomila” (funzione non chiara, perché oggetto di tante richieste).
C’è rimedio a questo?
A mio parere occorre tornare alla Costituzione e nello specifico all’art. 2 . In altri termini è necessario che la scuola torni nell’alveo della nostra Carta fondamentale, puntando  alla formazione dell’uomo e del cittadino.Punto.
Le due realtà non sono separabili, richiamando il personalismo di J. Maritain. A differenza dell’individuo, la persona fonda il suo esser-ci sui diritti civili, ritenuti inviolabili e irrinunciabili. Solo la loro realizzazione consente  all’individuo di  divenire pienamente persona, fondata sulla libertà ( Maritain). E questa inizia dalla testa. Per riprendere il titolo di un lavoro di E. Morin occorre puntare a “una testa ben fatta“, caratterizzata da capacità profonda di comprendere messaggi e testi anche articolati, di argomentare oralmente o per iscritto le proprie tesi in modo rigoroso lasciando ad altri il “si dice” (M. Heidegger) delle opinioni… Ovviamente l’elenco è molto più lungo e rimanda alla cultura classica, considerata  inutile per il finanzcapitalismo (L. Gallino), fortemente condizionato dal pensiero scientifico (o ritenuto tale).
La prospettiva richiede un cambio di rotta radicale. Ne sono consapevole. L’alternativa è la morte dell’uomo, come progetto (esser-ci), ridotto a oggetto utilizzabile  dalla potenza della tecnica (M. Heidegger).