Archivi tag: Cyberbullismo

Cyberbullismo, un bilancio dopo due anni dall’approvazione della L.71/17

Cyberbullismo

Cyberbullismo, è tempo di riflettere su quello che ha funzionato o meno, dopo due anni dall’approvazione della Legge 71/17

Cyberbullismo, è tempo di un bilancio dopo due anni dall’approvazione della L.71/17. E’ un  arco temporale  congruo per riflettere su ciò che ha funzionato  e anche sulle criticità. Il bilancio è sicuramente positivo. Occorre però risolvere alcuni problemi legati agli strumenti giuridici previsti dal suddetto disposto.

Cyberbullismo, la L. 71/17  

Cyberbullismo, due anni fa è stata approvata la legge 71/17 con   “l’obiettivo di contrastare il fenomeno del cyberbullismo in tutte le sue manifestazioni, con azioni a carattere preventivo e con una strategia di attenzione, tutela ed educazione nei confronti dei minori coinvolti, sia nella posizione di vittime sia in quella di responsabili di illeciti, assicurando l’attuazione degli interventi senza distinzione di età nell’ambito delle istituzioni scolastiche”.
Va riconosciuto l’impegno e la tenacia della Senatrice E. Ferrara che hanno favorito l’approvazione della legge.

Le novità del dispositivo

Sicuramente il dispositivo ha smosso le acque. Il cyberbullismo gradualmente sta uscendo dalla sua condizione di ingrottamento. I massmedia ne parlano, sono dedicate delle finestre al’interno dei talk-show…
Nelle scuole è un fenomeno non più ignorato. E questo grazie alla nomina di un  referente per il contrasto al fenomeno (art.4, comma 3) e all’obbligo per ogni istituzione scolastica  di elaborare un Regolamento che definisca scelte, comportamenti vietati e le relative sanzioni (art.5, comma 2).
Interessante   la scelta di inserire l’istituto giuridico dell’ammonimento (art.7).
Non si può dimenticare l’impegno del Miur con l’apertura della Piattaforma  E.L.I.S.A. dedicata  alla formazione dei referenti.

Purtroppo esistono anche delle criticità

Purtroppo esistono delle criticità. Innanzitutto quella di aver escluso il bullismo. La vicenda di C. Picchio insegna che spesso il suddetto fenomeno è propedeutico al cyberbullismo.
Certamente hanno un fondamento concreto i rilievi evidenziati dal quotidiano “Avvenire”
A due anni dall’entrata in vigore della legge contro il cyberbullismo (che proprio alla memoria di Carolina è stata dedicata dal Parlamento), poco è cambiato sul fronte dell’emergenza. Doveva essere una svolta, lo strumento concreto da mettere in mano ai ragazzi per difendersi dalla violenza e la diffamazione perpetrate online e sui social network… in 24 mesi (la legge è entrata ufficialmente in vigore il 18 giugno del 2017) i reclami presentati al Garante sono stati appena un centinaio, mentre gli ammonimenti si contano sulle dita di una mano: uno a Milano, uno a Torino, uno a Venezia (nel resto d’Italia, da Napoli a Palermo, è risultato persino impossibile risalire al dato).
Da un lato manca ancora la conoscenza di questi strumenti da parte dei ragazzi – spiega Marisa Marraffino, avvocato specializzato in reati informatici –: scuole e famiglie sono ancora impreparate e troppo spesso, questo è drammatico, osserviamo ancora come si tenda a colpevolizzare la vittima, o comunque a silenziare gli  atti perquisitori piuttosto che denunciarli”

 

Cyberbullismo, la denuncia è un obbligo per l’insegnante

Cyberbullismo

Cyberbullismo, gli insegnanti sono obbligati alla denuncia. Senza se e senza ma!

Cyberbullismo,  confermato  l’obbligo di denuncia da parte dei docenti ed eventualmente del referente per il contrasto (L.71/17). Senza se e senza ma!  Essi sono   pubblici ufficiali. Cosa fare  anche per non incorrere nella culpa in vigilando.

Cyberbullismo luci e ombre della legge 71/17

Cyberbullismo, l’entrata in vigore della legge 71/17 ha confermato il bullismo online come “qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonché la diffusione di contenuti on-line aventi ad oggetto anche uno o più componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso o la loro messa in ridicolo” (art. 1 comma 2).
Nulla di nuovo sotto il sole! In altri termini, la legge non ha inventato il reato di cyberbullismo, bensì lo ha inserito in altri già previsti dal nostro ordinamento (aggressione molestia, ricatto…).
La legge 71/17 risulta innovativa, invece nella nomina del  referente al contrasto del fenomeno  (art. 4 comma 3) e nell’obbligo di ogni istituto a formulare e approvare una sezione del Regolamento d’Istituto dedicata al contrasto del fenomeno (art.5 comma 2). Il suddetto documento deve formalizzare i comportamenti vietati e quelli consentiti. Per dare forza e efficacia ai divieti è necessario prevedere delle sanzioni graduali.
Uno dei limiti della legge è il non aver inserito il bullismo fisico, che in alcuni casi precede quello virtuale. La vicenda di Carolina Picchio (il tragico epilogo ha permesso la formulazione e l’approvazione della Legge 71/17) docet!

La legge 71/17 aggiorna l’obbligo denuncia

Il quadro normativo descritto impone ai docenti e al referente per il contrasto  al cyberbullismo un aggiornamento dei loro obblighi di denuncia. Non sono richiesti nuovi impegni, ma solo continuare ad attuare quelli inerenti il loro profilo giuridico di pubblici dipendenti. Recita l’art. 357 del codice penale “agli effetti della legge penale, sono pubblici ufficiali, coloro i quali esercitano una pubblica funzione legislativa, giudiziaria o amministrativa“. Una conferma di questo profilo proviene da una sentenza della Cassazione (15367/2014)   ” l’insegnante…è pubblico ufficiale (Sez. 3, n. 12419 del 06/02/2008, Zinoni, Rv. 239839) e l’esercizio delle sue funzioni non è circoscritto alla tenuta delle lezioni, ma si estende alle connesse attività preparatorie, contestuali e successive, ivi compresi gli incontri con i genitori degli allievi
Da qui discende l’obbligo di riferire e formalizzare al proprio Dirigente scolastico qualsiasi vicenda  di bullismo fisico  e cyberbullismo che il docente  viene a conoscenza. Lo prevede l’art. 361 del Codice penale “Il pubblico ufficiale , il quale omette o ritarda di denunciare all’Autorità giudiziaria, o ad un’altra Autorità che a quella abbia obbligo di riferirne, un reato di cui ha avuto notizia nell’esercizio o a causa delle sue funzioni , è punito con la multa da trenta euro a cinquecentosedici euro.”