Posted in: Classi pollaio

Le classi pollaio saranno confermate anche per l’a.s. 2021/22

Classi pollaio
Classi pollaio iattura pedagogica saranno confermate anche il prossimo anno. La convivenza con il virus sarà difficile.

Le classi pollaio saranno presenti anche il prossimo anno. Si ripresenteranno gli stessi problemi di quest’anno. Forse si spera che il virus scompaia improvvisamente?

Classi pollaio, nulla di nuovo per il prossimo anno

Classi pollaio sono una iattura pedagogica che in dodici anni hanno fatto tanti danni. Hanno compromesso significativamente l’inclusione, riducendo significativamente l’adesione della scuola alla Costituzione. In particolar modo mi riferisco agli articoli 34 (“La scuola è aperta a tutti“) e all’art. 3 comma 2(” E’ compito della repubblica rimuovere…“).
L’emergenza sanitaria imposta dal Covid-19 ha evidenziato tutte le criticità del sistema scolastico. Un grave impedimento per un rientro sicuro a settembre , risolto in parte dalla Ministra Azzolina con il personale aggiuntivo, è stato il sovraffollamento delle classi.
Ora è probabile che il prossimo anno sarà emergenziale come il presente. Quindi quale migliore condizione per superare  questa soluzione organizzativa voluta solo per far cassa? E invece…
In questi giorni le Istituzioni stanno inviando le richieste per l’organico di diritto (anno 2021-22). Purtroppo anche quest’anno dovranno tener presente i vincoli del D.P.R.81/09 che stabilisce un max di 26-27 alunni per la scuola primaria (art. 10), 27-28 max per la secondaria di primo grado (art.11) e 27-30 per il grado successivo.
Non si può imputare al Miur una responsabilità che compete alla politica. Solo il Parlamento può aggiornare un disposto normativo.

Le reazioni dei Dirigenti scolastici e non solo

Comunque questa direttiva ha già provocato le reazioni dei Presidi. Si legge su La Repubblica.it: “«Non farò classi con più di 22 studenti. Se non saranno accettate sarà il Ministero a prendersi la responsabilità dei contagi a scuola » . La provocazione arriva da Gianfranco Spaccini, preside al liceo King di Sturla.
In questi giorni è alle prese con la richiesta degli organici e la formazione delle classi per il prossimo anno scolastico. «Peccato che nella circolare del ministero, arrivata lo scorso novembre, si parli di classi con almeno 27 allievispiega il dirigente del liceo — Dopo mesi che sentiamo parlare di distanziamento e piani di qualunque tipo per arginare i contagi a scuola ci ritroviamo a dover organizzare classi con quasi 30 allievi. È una follia».
I rappresentanti di categoria arrivano allo stesso punto, pur non citando la direttiva sull’organico di diritto. “Fondi specifici per sgonfiare le classi non sono stati previsti e non c’è stata data nessuna indicazione nella composizione delle classi rispetto a un’auspicabile riduzione degli alunni. Sarà oggetto di concertazione in una fase successiva alle iscrizioni ” (A. Francucci Associazione Nazionale dei Dirigenti scolastici). “C’è molto dibattito politico intorno a questo e per ora scelte concrete non ce ne sono state. Affinchè le classi siano meno numerose è necessario aumentare le aule e i docenti, lo ribadiamo da anni ormai” (A. Giannelli, Anp).
Concludendo per l’Amministrazione, ma soprattutto per la politica un anno fa non è successo nulla (pandemia).

 

Posted in: Classi pollaio

Classi pollaio, le ambiguità del D.P.R. 81/09

Classi pollaio
Non esiste un sola configurazione di classe pollaio. La proposta di legge-Azzolina costituisce un “game over” per i modelli di classe pollaio

Classi pollaio, finalmente il Miur ha reso pubblica la situazione relativa alla presenza delle classi pollaio. Non esiste un solo modello di classe pollaio. Tante sono le configurazioni.  Tutte dipendono  da alcune “ambiguità costituzionali” presenti nel D.P.R 81/09.

Classi pollaio, finalmente abbiamo la mappa nazionale ma…

Classi pollaio, il Miur ha finalmente divulgato la mappa  delle classi pollaio. I numeri hanno un limite: non possono dirci quando una classe inizia ad entrare “nel tunnel della classe pollaio”. Dietro le cifre e le percentuali ci sono alunni, studenti e quindi relazioni che necessariamente sfuggono alle statistiche. Ogni esistenza è un esser-ci il cui pro-getto (M. Heidegger) è fortemente compromesso, in quanto è impossibile attuare qualunque personalizzazione. Non mi riferisco solo ai casi critici (diversamente abili, Bes, Dsa…), ma anche alle eccellenze, la cui domanda di formazione alta è disattesa.

Le diverse configurazioni di classi pollaio, dipendono…

Ragioniamo comunque sul dato numerico, partendo dal valore di 22-23 alunni/studenti per classe, contenuto nella proposta di legge-Azzolina. Da qui la relazione del Miur  presenta scenari inquietanti costituiti da molte configurazioni di classi pollaio, fino ad arrivare ai modelli assurdi di  > 34. Questa proliferazione dipende , secondo L. Azzolina da alcune ipocrisie presenti nel D.P.R. 81/09. Personalmente sono più duro. Preferisco definirle  incongruenze o ambiguità rispetto alla nostra Costituzione (art. 3 comma 2 e art 34).
Si legge infatti all’art. 4 comma 1 ” e’ consentito derogare, in misura non superiore al 10 per cento, al numero minimo e massimo di alunni per classe previsto, per ciascun tipo e grado di scuola” Lo schiaffo maggiore,  ma sottile alla Costituzione è dato dall’articolo 5 comma 2 che si nasconde dietro l’espressione il di norma e altro. E come se non fosse sufficiente:  ” Le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni, purché sia esplicitata e motivata la necessità di tale consistenza numerica, in rapporto alle esigenze formative degli alunni disabili, e purché il progetto articolato di integrazione definisca espressamente le strategie e le metodologie adottate dai docenti della classe, dall’insegnante di sostegno, o da altro personale operante nella scuola. L’istituzione delle predette classi deve in ogni caso far conseguire le economie previste nei tempi e nelle misure di cui all’articolo 64, comma 6, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.” 

 

La  proposta di legge Azzolina, il “game over” per tutte le classi pollaio

La proposta di legge (Azzolina, la prima firmataria) costituisce un “game over” per tutte le configurazioni delle classi pollaio. Costituisce un punto fermo, “senza se e senza ma”. Non ripete la contraddizione che caratterizza il D.P.R 81/09 dove da una parte sostiene timidamente la formazione di “classi educative” (= numero alunni/studenti contenuto), mentre dall’altra ne rende impossibile la costituzione per via dei paletti e delle condizioni dettate dal finanzcapitalismo. Si legge infatti all’art 2 che è fatto divieto di “costituire le classi iniziali delle scuole e degli istituti di ogni ordine e grado, comprese le sezioni della scuola dell’infanzia, con un numero di alunni superiore a 22, elevabile fino a 23 qualora residuino resti“. Ancora la Repubblica italiana costituisce  “le classi iniziali delle scuole e degli istituti di ogni ordine e grado, anche dell’infanzia, con non più di 20 alunni nel caso accolgano alunni con disabilità“.
Più chiaro di così!