Posted in: Opinioni

Def 2020, fa ben sperare ora però largo alla…

Def 2019
Def 2019 confermati gli annunci. Ora però attendiamo…

Def 2019, indicazioni di massima per la scuola. “Se il buon giorno, si vede dal mattino”, è una buona partenza! Ora però lasciamo lo spazio ai…

Def 2019, “se il buongiorno si vede dal mattino”…

Def 2019, sembra che le promesse possano avere una conclusione. Questa volta positiva.
I motivi di ottimismo risiedono nel seguente passaggio (pag. 87):
Nel comparto della scuola pubblica occorrono politiche dirette a limitare le classi troppo affollate e valorizzare, anche economicamente, il ruolo dei docenti, potenziare il piano nazionale per l’edilizia scolastica, garantire, con le Regioni, la gratuità degli asili nido e dei micro-nidi, ampliandone l’offerta soprattutto nel Mezzogiorno nonché quella del percorso scolastico per gli studenti provenienti da famiglie con redditi medio-bassi. Saranno contrastati infine la dispersione scolastica e il bullismo.”

Brevi considerazioni

Fa piacere leggere che il superamento delle classi pollaio occupa la prima posizione.
Segue la valorizzazione economica della funzione docente. L’annuncio sembra entrare in contrasto con quanto scritto (pag.40-41) “Dopo aver segnato tassi di crescita negativi dal 2011, nel 2018 i redditi da lavoro dipendente della PA sono tornati a crescere ad un ritmo sostenuto (3,3 per cento su base nominale), sulla scorta della dinamica delle retribuzioni pro-capite. Nel 2019 la previsione sconta, fra l’altro, la conclusione della tornata contrattuale 2016-2018 ed il maggior numero di pensionamenti attesi già dal 2019 per effetto della c.d. ‘Quota 100’, l’effetto complessivo è di un incremento dello 0,3 per cento nell’anno.
Nel triennio 2020-2022 la spesa per redditi aumenta in media dello 0,6 per cento.
L’incidenza sul PIL risulta pertanto in calo, dal 9,7 del 2019 al 9,2 per cento del PIL
nel 2022, confermando sostanzialmente le proiezioni del DEF.”
Probabilmente il contenimento della spesa  per stipendi (normato dal D.lvo 29/93) non riguarderà gli insegnanti. Per la loro valorizzazione si procederà con una norma contenuta nella Legge di Bilancio 2020.

Attendiamo ora l’inizio della partita vera

Buono l’avvio! Ora però attendiamo  la legge di Bilancio 2020. Nel provvedimento potremo leggere le risorse destinate ai punti programmatici , conoscere le modalità di realizzazione e ovviamente maggiori particolari.

 

Posted in: Classi pollaio, Tutti gli articoli

Def 2019, la conferma delle classi pollaio e la vittoria della Gelmini

Def 2019
Def, 2019 documento che conferma l’esistente. Addio al riformismo del contratto di governo

Def 2019 è un documento poco coraggioso per la scuola. Si propongono aggiustamenti,  si abolisce  qualcosa della Legge 107/15. Sconfessa il riformismo presente nel contratto di governo (maggio 2018). Un esempio: le classi pollaio sono state confermate. E’ la vittoria della Gelmini e del pensiero della Destra.

Def 2019 e scuola

Leggendo il Def 2019, e nello specifico la parte riguardante Istruzione e ricerca, gli impegni risultano generici:” Il Governo proseguirà gli sforzi diretti a limitare l’abbandono scolastico, mediante misure mirate all’incremento e all’arricchimento dell’offerta formativa. Saranno utilizzati nuovi strumenti per l’aggiornamento continuo e la valorizzazione professionale del corpo docente… Con particolare riguardo agli strumenti per una educazione inclusiva e di qualità per tutti, sono allo studio diverse misure per garantire le prestazioni e i servizi necessari per raggiungere la piena inclusione scolastica e assicurare il diritto allo studio agli studenti diversamente abili o con bisogni educativi speciali…Per l’inclusione degli alunni con disabilità è stato costituito un gruppo di lavoro specifico per l’implementazione delle misure attuative previste nella normativa in vigore”

Def 2019 un documento poco coraggioso e timido  verso il mostro delle classi pollaio

Cosa è rimasto del riformismo presente nel contratto di governo? Poco o nulla!  In questi mesi il Ministro Bussetti aveva sposato la strategia del cacciavite. Ad agosto aveva dichiarato : “L’obiettivo che mi prefiggo è quello di ricreare un clima di serenità e di fiducia, senza ricorrere a nuove riforme e ad ulteriori strappi.” Si conferma quindi  l’esistente, ottimizzandolo, come annunciato per il progetto Alternanza scuola lavoro ” il cui nome è stato modificato in ‘Percorsi per le competenze trasversali’ dalla Legge di Bilancio per il 2019 – essa sarà rivista nelle sue Linee guida.” (Def, pag 87)
Al più si abroga qualche aspetto della Legge a costo zero, come la chiamata diretta ” gli insegnanti saranno sempre titolari su una scuola, alla quale saranno assegnati in base a criteri oggettivi e trasparenti.” (Def, pag 87)
Quindi il superamento  della legge 107/15 e l’intervento sulle classi pollaio (Contratto governo 2018) rimangono belle intenzioni, bloccate e condizionate, però dalle compatibilità economiche.
La conferma delle classi pollaio (Riforma Gelmini) decreta la vittoria dell’ ex Ministro del Miur. In una recente dichiarazione l’esponente di Forza Italia ha evidenziato che la Sinistra non si è preoccupata di abrogare la sua legge, contenente il mostro pedagogico delle classi pollaio. Medesima situazione con il governo giallo-verde, certificata  dal Def 2019 che in nessuna parte fa cenno alla proposta di legge Azzolina.
La Gelmini ha vinto! E in genere l’approccio della Destra che considera il sistema scuola dispendioso, praticamente inutile. Questo è l’unico dato di fatto che azzera le chiacchiere e le dichiarazioni.

 

Posted in: Tutti gli articoli

Def 2019, la prospettiva prevedibile per i contratti

Def 2019
Def, 2019 conferma la prospettiva di aumenti irrisori. Non era difficile prevedere lo scenario.

Def 2019, ha confermato il quadro desolante, ma assolutamente prevedibile.  Le parole, le dichiarazioni  sono azzerate dai numeri. Meglio dalle regole che in uno stato democratico  rimandano alla normativa vigente.

Def 2019, valori e percentuali per i contratti pubblici

Il def 2019 ha dedicato una finestra al rinnovo dei contratti pubblici. Si legge a pagina 31
Fra i fattori di incremento della spesa si segnala il rinnovo contrattuale per il triennio 2019-2021 che prevede, in base alle risorse stanziate dalla legge di Bilancio per il 2019, incrementi dell’1,3 per cento per il 2019, dell’1,65 per cento per il 2020 e dell’1,95 per cento complessivo a decorrere dal 2021. Considerato che la stagione contrattuale 2016-2018 non è ancora conclusa, la previsione sconta l’ipotesi che i CCNL per il triennio 2019-2021 verranno sottoscritti a decorrere dal 2020. Con riferimento al nuovo triennio contrattuale, per l’anno 2019 è stata considerata la  sola spesa per l’anticipazione contrattuale decorrente dal mese di aprile (corrispondente sostanzialmente all’indennità di vacanza contrattuale prevista dal precedente ordinamento)…”

Def 2019, una facile previsione per i contratti

Lo stralcio rappresenta la pietra tombale per i proclami al vento. Quasi tutti fanno riferimento all’adeguamento degli stipendi degli insegnanti alla media europea (Di Maio, Zingaretti…). Dichiarazioni basate sul nulla! In uno stato di diritto, sono le leggi a stabilire le regole. Dura lex, sed lex.
Il riferimento normativo che prevede aumenti esigui è il D.Lvo 29/93. Il disposto ha ingabbiato gli aggiornamenti economici di tipo contrattuale al tasso di inflazione programmato, quindi non reale. A medio termine, le previsioni non sono positive. Il Pil tenderà a non crescere, il nostro debito pubblico non diminuirà  e  l’inflazione programmata rimarrà un esercizio a tavolino, lontana dalla realtà. Tutto questo comporterà salari bassi che dovranno restare tali in un regime di una moneta unica, che impedisce le storiche svalutazioni competitive. Tutto questo è a conoscenza dei sindacati che però, come ho scritto recentemente, continuano a spostare l’attenzione dalla luna al dito.