Posted in: Scuola

Contagi e scuola, si parla tanto degli studenti. E gli insegnanti?

 

Contagi a scuola
Contagi a scuola, si parla poco del coinvolgimento sanitario dei docenti. Due ricerche preoccupano

Contagi a scuola. Le riflessioni sulle ricerche puntano i fari sugli alunni e gli studenti. Pochi sono gli studi che guardano la situazione dalla parte dei docenti.. Occorre, invece porre la stessa attenzione su di loro, tenendo conto della loro fragilità

Contagi a scuola, due ricerche presentano lo scenario docente

Contagi a scuole, esistono degli studi che focalizzano l’attenzione sul grado di diffusione dei contagi da parte degli studenti. Purtroppo non portano alle stesse conclusioni.
Pochissimi sono, invece le ricerche che presentano la situazione dalla parte dei docenti.
In tal senso risultano interessanti gli studi  gli studi di A. Ferretti  e quello pubblicato ieri da Il Corriere della Sera.
A differenza delle ricerche che trattano i contagi degli studenti, essi portano alla medesima conclusione: I docenti hanno un tasso di contagiosità maggiore rispetto alla popolazione.
Si legge nello studio di A. Ferretti, limitato alla regione Piemonte ” “la percentuale di contagi tra il personale scolastico è arrivata al 280% di quella della popolazione, il che corrisponde ad un’incidenza del contagio quasi tripla…Il fatto che l’incidenza del contagio tra il personale scolastico sia sensibilmente più alta di quella generale è indice del fatto che tale personale è più esposto al contagio rispetto alla media della popolazione. Se le scuole non fossero un luogo ove avviene il contagio, ci si aspetterebbe un’incidenza simile o inferiore a quella della popolazione. Dal momento che l’unica differenza rilevante tra il personale scolastico e la popolazione generale sta nella particolare attività lavorativa, è evidente che la causa dell’incidenza più elevata sta proprio nell’attività lavorativa stessa”
La conferma proviene dal secondo studio pubblicato dal quotidiano milanese.
” Tra gli insegnanti e il personale non docente l’incidenza è stata due volte superiore a quella osservata nella popolazione generale (circa 220 su 10 mila) perché il numero di tamponi effettuati è molto elevato. Il numero di test per istituto a settimana è infatti variato in media da 7 nella scuola materna a 18 nelle scuole medie, con diverse scuole che fanno ben oltre i 100 test in una settimana durante il tracciamento.”

Occorre capire e agire

Ovviamente serviranno altre conferme a livello regionale e nazionale. La giusta attenzione rivolta verso gli studenti, sta rischiando però di dimenticare il secondo soggetto della scuola: il personale della scuola, che mediamente risulta molto esposto al contagio Covid per ragioni anagrafiche. Secondo un comunicato Anief “La percentuale di over 55 passa da poco più il 40% tra i docenti (quasi 300 mila persone) a quasi il 60% tra gli Ata, quindi altri 150 mila lavoratori.”
Più dettagliato il report su Tuttoscuola.it  tra i docenti di ruolo erano complessivamente il 40,8%, di cui il 49,0% tra gli uomini e il 39,1% tra le donne. Nella secondaria superiore erano il 47,5%, di cui il 52,5% tra gli uomini e il 44,8%. Anche nella secondaria di I grado tra gli over 55 (media complessiva del 40,8%) la percentuale maggiore (44,5%) si trovava tra gli uomini, mentre le donne sfioravano il 40%.
Nella scuola primaria la media generale di docenti over 55 anni era del 35,2%: nella scuola dell’infanzia l’8%.
Tra il personale ATA delle scuole statali la media di età è ancora più alta: 57,2%, di cui il 59,2% tra gli uomini e il 56,3%.
La Ministra Azzolina ha sempre dichiarato che gli insegnanti non saranno lasciati soli. Lo dimostri con i fatti, attrezzandoli con mascherine PPF2 e dando loro una possibilità maggiore di essere dispensati dalle lezioni frontali per motivi sanitari. Entrambe le proposte hanno dei costi (soprattutto la seconda), ma qui siamo di fronte a delle persone  che hanno diritto alla stessa attenzione rivolta agli studenti.

Posted in: Rientro a scuola, Tutti gli articoli

Rientro a scuola, l’ipotesi pulizia della cattedra affidata ai docenti.

Rientro a scuola
Rientro a scuola, l’ultima ipotesi di pulizia della cattedra da parte del docente, rappresenta un pessimo segnale.

Rientro a scuola, le ipotesi si rincorrono e si annullano a  vicenda. L’ultima risponde al processo di marginalizzazione in atto già diverso tempo. Se sarà presentata, costituirà…

Rientro a scuola, ipotesi pulizia ai docenti

Il rientro a scuola sta annegando in un mare di ipotesi.  Molte  hanno avuto vita breve (la contemporaneità tra didattica in presenza e online). Hanno risposto al meccanismo: “la divulghiamo, verifichiamo le reazioni, poi valutiamo se mantenerla”.  Quindi l’accantonamento equivale a una bocciatura della piazza. Altre, invece resistono, perché hanno base medica (distanziamento sociale, frequente lavaggio delle mani…).
L’ultima in ordine di tempo è la seguente: “Il tema della sanificazione è primario è primario: le regioni chiedono di valutare la possibilità che ogni docente provveda a pulire e disinfettare e disinfettare la cattedra e alti oggetti ad uso promiscuo, ad esempio il cancellino, prima di consegnare la classe al docente successivo” (Il Messaggero 12.06.20)

Qualche considerazione

Se la proposta diverrà una direttiva, allora si confermerà il progressivo demansionamento della funzione docente. Se il profilo del docente fosse valorizzato e socialmente apprezzato non solo a parole, la proposta potrebbe non disturbare. Purtroppo non è così!  Da diverso tempo gli insegnanti fanno  tante ore a titolo gratuito o con retribuzione inadeguata e  assumono funzioni estranee al loro profilo. A tutto questo si aggiungerebbe  quella della pulizia.
Pessimo segnale se gli insegnanti subiranno passivamente questa mansione aggiuntiva, ma estranea al loro profilo giuridico. Quello che preoccupa è il dopo: cosa potrebbe essere richiesto ulteriormente? Lavorare gratis per risanare l’enorme debito pubblico prodotto in questi ultimi mesi?

Posted in: Rientro a scuola, Tutti gli articoli

Rientro a scuola, qualcuno pensa alle responsabilità dei docenti?

Rientro a scuola
Il rientro a scuola a settembre sarà molto complicato non solo dal punto di vista organizzativo, ma anche delle responsabilità. Chi pensa ai docenti?

Il rientro a scuola sarà molto complicato. Aumenteranno le situazioni di rischio e le eventuali responsabilità dei docenti. L’ANP si è mosso per i Dirigenti Scolastici . C’è qualcuno che sta pensando agli insegnanti?

Posted in: Identità digitale, Tutti gli articoli

Competenza informativa, una buona notizia dalla Finlandia!

Competenza informativa
Competenza informativa, la Finlandia ha compreso tutto!  Occorre puntare su questo aspetto caratterizzante il cittadino 2.0

Competenza informativa, la Finlandia parte. Esempio di anticipo di un futuro prossimo, che in qualche modo è già presente.  Anche da noi è possibile, partendo dall’educazione civica. Il problema restano i docenti e non solo.